Postato il Mar 2 Ago 2022 da in ADCIFreelance

ADCI Freelance Hub: meet Vincenzo Pastore

Il progetto ADCI Freelance Hub nasce su stimolo del Freelance Ambassador Luca Pedrani per dare sempre più spazio all’interno del club ai professionisti freelance. Attraverso la rubrica “Meet” avremo l’occasione di presentare i talenti creativi freelance del Club, favorendo il networking tra i soci. Per cominciare, vi presentiamo “Meet Vincenzo Pastore, copywriter“.

Il progetto ADCI FREELANCE HUB

I Freelance sono professionisti sempre più rilevanti all’interno dell’industry creativa. Per questo in ADCI abbiamo scelto di valorizzare i nostri soci Freelance con un progetto a loro dedicato: la nostra missione consiste nell’offrirgli nuove possibilità di aggiornarsi, confrontarsi con altri professionisti, farsi conoscere (e riconoscere) ed esprimere al meglio il proprio talento. Dopo avergli dato uno spazio digitale in cui potersi ritrovare come colleghi – il Freelance Hub – abbiamo deciso di mettere in luce i nostri Soci Freelance con questa rubrica, “Meet“.

ADCI Freelance Hub: meet Vincenzo Pastore

Meet Vincenzo Pastore, copywriter freelance.

D: Ciao Vincenzo. Che cosa ti ha spinto a diventare Freelance?

R: Ci sono due versioni, quella romanzata e quella della mera cronaca. Quella romanzata racconta di uno che sentiva che era arrivato il momento di affrontare nuove sfide, di mettersi in gioco e di misurarsi con nuove realtà. La versione descritta dalla mera cronaca invece narra di qualcuno che ha semplicemente indicato l’uscita al nostro eroe. A voi scegliere la preferita

D: Che cosa ti piace di più della vita da libero professionista?

R: Potrei dire la gestione del tempo, ma anche qui va fatto un distinguo: se si lavora per le agenzie, diciamo che sostanzialmente cambia poco se non quella tranquillità dovuta al fatto che non ti possono licenziare. Se invece si lavora con un cliente diretto, allora aggiungerei la libertà di saltare alcuni filtri e di confrontarsi direttamente con le richieste del brand. Il problema in questo caso è che se si capisce male un brief, poi non si può scaricare la responsabilità su nessuno al di fuori si se stessi.

D: Che cosa ti manca invece dellagenzia?

R: I buoni pasto, la 13ma, la 14ma e l’assenza totale degli F24.

D: Mostraci un lavoro che hai fatto da Freelance e raccontacelo.

R: Sono molto orgoglioso di un progetto portato avanti lo scorso anno e che ha visto me e l’Art Director con la quale l’ho realizzato (Maria Alessandra Martini), vincere una gara contro agenzie strutturate e internazionali per Quarta Caffè#ilfuturonelletuemani. Di seguito il link

ADCI Freelance Hub: meet Vincenzo Pastore, copywriter freelance e autore della campagna "Il futuro nelle tue mani" per Quarta Caffè.

D: Con quale agenzia o cliente vorresti riuscire a fare un progetto e perché?

R: In questi oltre 25 anni di lavoro ho avuto la fortuna di poter lavorare con brand molto noti che spaziano dalla birra ai prodotti bancari, passando per auto, reggiseni e caffè (non necessariamente in quest’ordine). Idem vale per le agenzie, molte delle quali internazionali, vissute da dipendente e da freelance. Per quanto riguarda le agenzie mi piacerebbe lavorare con un team che cerca me e quello che io posso fare e dare. Sarebbe bello sentirsi dire:”era proprio te quello che stavamo cercando” e non “ci basta che sei libero, tanto un free vale l’altro”, perché in pubblicità, per come la intendo io, uno non vale mai l’altro. Per quanto riguarda il cliente, invece, mi piacerebbe lavorare non tanto con un nome ma con un brand che voglia “deragliare” rispetto ai soliti binari proposti e dei quali, magari, è circondato. Più che un settore o un nome, mi piacerebbe trovare un cliente coraggioso che voglia mettersi alla prova con un punto di vista e l’inizio di un racconto mai sentito.  

D:Per il mio prossimo progetto devo contattare assolutamente Vincenzo Pastore perché…”

R: … potrebbe essere una bella sorpresa in un momento nel quale le belle sorprese latitano a tutte le latitudini. Poi, roba non da poco, ancora mi vergogno a chiamare per sollecitare i pagamenti e questo potrebbe essere molto apprezzato. L’unica cosa è: mandatemi un whatsapp che dove vivo ho poco campo.

D: Dicono che i Freelance riescano a ritagliarsi spazi per progetti personali. Tu ne hai uno?

R: Amo scrivere anche quando non scrivo per lavoro. Ho il cassetto pieno di storie, sceneggiature, soggetti e progetti che spero di poter far evadere da quel cassetto. Questa mia voglia di esplorare mi ha portato, nel 2010, a vincere il Premio Massimo Troisi per la miglior scrittura comica. Non è un Leone di Cannes ma è un Leone di San Giorgio a Cremano, al quale tengo molto.

D: Lasciaci il link al tuo portfolio, al profilo Linkedin e una mail alla quale poterti contattare per collaborazioni.

Meet Vincenzo Pastore:

Portfolio Vincenzo Pastore

LinkedIn: Vincenzo Pastore

vincenzopastore@uammami.it

Anche tu sei soci* ADCI e Freelance? Ti aspettiamo!

Ricordati di iscriverti al Freelance Hub del Club per poterti confrontare con i colleghi e partecipare a tutte le iniziative dedicate ai Soci Freelance. Per info puoi contattare Caroline Yvonne Schaper, il nostro super Segretario, oppure Luca Pedrani, Freelance Ambassador ADCI.