Leave a reply

WHITE SQUARE: the business and educational program

WHITE SQUARE: JOIN THE PROGRAM OF THE CREATIVE EVENT THAT EVERYONE IS LOOKING FORWARD TO!

On April 27-29 IX WHITE SQUARE International Advertising Festival, one of the leading creative events of Eastern Europe, will take place.

WHITE SQUARE is a major business forum of worldwide industry of marketing and communications, which annually gathers over 700 accredited delegates from over 25 countries of Europe and the CIS – world-class creatives, CEO’s and company owners, who strive for making their business successful due to creative and innovative business solutions, which are a success on the markets of different countries.

CREATIVITY WINS! is the tagline of the festival this year. IX WHITE SQUARE is aiming to show how and why.

The program of 9th festival has become one of the brightest and full of topnotch activities, held by famous speakers, including WHITE SQUARE Jury members, holders of over 130 Cannes Lions Awards in total. There are over 75 master classes, workshops, show-lectures, discussion panel, blitz conferences and even a one-man performance at the festival.

The full program of WHITE SQUARE could be observed on the official website adfest.by.

The culmination of the festival is Gala Award Ceremony, always held in best European traditions with a show program and demonstration of the best festival entries from the participants from different countries.

Noteworthy part of WHITE SQUARE program is its parties, full of professional passion and excitement, allowing to relax and enjoy the creative atmosphere of the festival informally. Opening party will be held in the country-club Riviera on the coast of the Minsk Sea, and a bright Gala-Closing of IX WHITE SQUARE will take place in Black House Club.

Within WHITE SQUARE Festival there will be held two contests for young advertisers – Young Creators Contest and Social Advertising for Creative Youth Contest.

The ACCREDITAION provides an opportunity to attend all the events of WHITE SQUARE Festival throughout three days – 27, 28, 29 of April, including two parties. Participation fee per one representative of a company is 295 USD + VAT.

Foreign participants and guests of the festival will enjoy exciting sightseeing tours in Minsk. Thus, there are a lot of reasons to visit IX WHITE SQUARE on April 27-29. Join us!

On the official website adfest.by you could get the detailed information about WHITE SQUARE Festival and fill in the application form.

 


Leave a reply

Facebook Awards 2017 – aperte le iscrizioni fino al 28 Aprile

The Facebook Awards celebrate the work that made us laugh, cry, wow, and buy.

The 2017 Facebook Awards are now open for submission. This year, it’s all about the work that moved people. Facebook is recognising some of the best creative work on Facebook, Instagram and Audience Network based on how it made people feel and how it helped businesses grow – the work that made our community laugh, cry, love, wow and buy.

Facebook is introducing new awards categories and a new trophy design to reflect the emotions evoked by great creative campaigns. Read on to find out what’s new in 2017, and how to submit your own creative Facebook or Instagram campaign
New categories of emotion
The online community expresses their emotions using Facebook reactions. And the new awards categories are inspired by the emotions those reactions evoke. How did your work move people?
  • Laugh
    This is the work that made us laugh – the work that captured our attention, got us to crack a smile and really caused us to “LOL”. It made us feel good and took humour to the next level.
  • Cry
    This is the work that made us cry – the work that got us all emotional, inspired compassion and helped us see things differently. It made us think and connected with audiences through storytelling.
  • Wow
    This is the work that wowed us – the work that showed us something we’d never seen before. It made our jaws drop and forged new paths for a brand’s presence on Facebook’s platforms.
  • Love
    This is the work that made us fall in love with a brand – the work that spoke to us where it counts. It won our hearts and improved brand sentiment and perception.
  • Act
    This is the work that moved us to act – the work that woke us up and made us do something. It inspired action and a change in behaviour, and had a measurable impact on sales or related metrics.
A new trophy design
This year’s reimagined trophy reflects the heart behind work that matters. The metallic heart-shaped balloon design was inspired by the playful futurism of Anish Kapoor and Jeff Koons. And Facebook collaborated with Design Bridge to bring the concept to life.
Looking back at the 2016 Facebook Awards
As we look forward to this year’s awards, what insights can we take away from last year’s winners?
Video was king across every region, with the strongest entries incorporating a Facebook video component. Some of the most effective content focused on humour to drive consumer interest and interaction. It was an impressive turnout, and we can’t wait to see what 2017 has in store.
Show us what you’ve got
You’ve already done the work – now it’s time to get recognition. So, what makes a campaign a prime candidate for the Facebook Awards? The answer is three-fold: It uses the Facebook platforms in innovative ways to tell compelling stories; it establishes deep emotional connections with people; and, ultimately, it builds powerful brands that drive business results.
This year’s submission period opens on 21 March 2017 and closes on 28 April 2017. Visit facebookawards.com to learn more about the entry process and submit your work.

 


Leave a reply

WHITE SQUARE: 10 DAYS TILL THE DEADLINE!

There are just 10 days left to enter the creative ring and submit the entries to one of the leading festivals of creativity in Eastern Europe – IX White Square International Advertising Festival.

CALL FOR ENTIRIES RUNS OUT ON APRIL 7!

Obviously, it’s high time to hurry up! But if you consider yourself worthy of awards and are ready to fight for victory, you still have some time to prepare your best cases, video and radio clips, logos, packages and all the rest advertising and marketing projects.

The process of entry submission is simple. You should just sign up on official website adfest.by and upload your entry into an appropriate contest in your personal account. White Square includes five contests: creativity, branding, marketing, digital, social advertising.

If your professional activity is related to advertising, marketing, branding, design, digital you are welcome to participate and to show everyone the power of your advertising talent!

The judging at White Square is based on the Regulation of Jury work, where the rules, criteria and process of judging are stated. The Regulation is determined by principles of impartiality, objectivity and professionalism. The main criteria for entries evaluation are originality, novelty of idea and quality of its implementation.

In 2016 White Square was recognized as one of the largest creative festivals in Easter Europe with high level of its organization, entries and jury cast according to The Gunn Report.

Prize winning entries of White Square will be published on more than 30 industrial media-resources of Europe and the CIS.

One of the best entries of White Square will be awarded with a special prize of industrial press Epica White Square Award and will be able to take part in Epica Awards 2017 free of charge and another 20 entries will be provided with 100 EUR discount for participation in Epica 2017.

Upload your entries on adfest.by straight away and win!

Detailed information regarding participation in White Square is provided on official website adfest.by.


Leave a reply

ADCE Awards 2014 – I giurati Italiani

 

Il Board dell’Art Directors Club of Europe ha comunicato i nomi dei giurati italiani selezionati per l’edizione numero 23 dei Best European Design and Advertising – ADCE Awards 2014, che si terrà a Barcellona dal 6 all’8 novembre, nella cornice del 1st European Creative Festival, e sarà aperto a tutti i giurati (quest’anno sono 3 per ciascun Paese) e all’intera comunità dei creativi europei.

I nostri sono:

Karim Bartoletti FILM & RADIO
Luca Lorenzini ADVERTISING PRINT
Patrizia Boglione INTEGRATION & INNOVATION

Questo il programma in preview:
Program2014-Jurors


2 Replies

Il problema non è l’idea. Il problema è realizzarla.

Ebbe l’idea di usare la non violenza come arma politica.

Qui Andrea Concato parla, con grande competenza, di idee e della loro centralità nella comunicazione.

Le idee sono importanti, però a mio parere i creativi italiani devono prendere atto di un problema più importante: realizzarle. Avere l’idea non è sufficiente, e pensare che avere l’idea sia tutto, forse è consolatorio. Il problema vero è realizzarla.

Avere idee geniali è relativamente facile. Inoltre, spesso, finché non sono realizzate, anche le idee geniali non sempre sembrano geniali. Basta rileggere l’elenco fatto dallo stesso Andrea:

  • “Perché non associamo Intel Inside alla bellezza interiore?
  • Perché non raccontiamo una storia sugli incidenti stupidi cantando?
  • Perché non facciamo dei video con persone down che chiedono un video a persone famose?
  • Perché non connettiamo la birra al job search giovanile?
  • Perché non mostriamo persone che nelle vetrine si vedono più giovani di come sono?”

Presentate così, chi le comprerebbe? Chi le premierebbe?

La risposta la dà lo stesso Andrea, subito dopo le sue domande: “Da quel momento si mette in moto il team, che arricchirà, completerà, valorizzerà, renderà vera, renderà possibile, renderà magica quell’idea iniziale. Oggi i progetti di comunicazione sono operazioni complesse. Occupano ogni punto dell’immenso spazio che si è fortunatamente dilatato fra marche e persone. Lo si vede con evidenza dai tempi delle presentazioni. Fino a dieci anni fa potevi presentare la campagna al board in mezz’ora. Oggi si fa fatica a stare nelle due ore. Le operazioni complesse richiedono team complessi, poli e ultra specializzati.”

Il problema vero della creatività pubblicitaria italiana è il gioco di squadra che segue la nascita dell’idea. Il problema è l’apertura mentale e la disponibilità a sperimentare, anche sbagliando. Gioco di squadra e sperimentazione sui quali, normalmente, in Italia siamo grandemente deficitari, per tanti motivi, fra cui una spiccata cultura dell’individualismo e dell’improvvisazione senza metodo.

Una delle storie consolatorie della tradizione italiana è quella di Antonio Meucci, il geniale inventore del telefono umiliato dall’americano spietato e affarista. In realtà, avuta l’idea (insieme a diversi altri inventori indipendenti, perché l’invenzione era già nell’aria), Meucci non riuscì ad organizzare l’azienda, forse per sfortuna, forse per mancanza di capacità e capitali. Alexander Graham Bell invece ci riuscì.

È consolatorio pensare che, anche nel caso del telefono, tutto fosse nell’idea. Ma il mondo non stava mica lì ad aspettare il telefono. Per alcuni anni, dopo la sua invenzione, la gente non capiva bene a cosa servisse: il telegrafo era considerato una tecnologia molto superiore e più pratica. Ci vollero anni perché il telefono si diffondesse: non bastava inventarlo, occorreva anche installarne migliaia in ogni città, e organizzare un servizio intorno ad esso[1].

Lo stesso discorso vale per il telegrafo: dall’idea alle prime sperimentazioni passarono dieci anni. La stampa a caratteri mobili: ci vollero cinquant’anni perché si diffondesse in Europa. E, lungi dal salutare Gutenberg come il genio rivoluzionario che era, i contemporanei consideravano i libri stampati “brutti” e “inferiori” rispetto ai codici miniati. Oltre che pericolosi per la morale, sovversivi politicamente, pericolosi per il buon costume.

Nella storia politica del secolo scorso Gandhi ebbe l’idea di usare la non violenza come arma politica. Decisamente originale, nel secolo di due Guerre Mondiali e della bomba atomica. Winston Churchill, che di lotta politica se ne intendeva, considerava Gandhi uno straccione. È evidente che Churchill, con tutta la sua autorevolezza, aveva giudicato male le idee di Gandhi. Ma se Gandhi non avesse tramutato l’idea in azione?

Lo stesso vale nel mondo della creatività e dell’arte: quanti sono i progetti di artisti, scrittori e registi che, rifiutati per anni da cento mercanti, editori, produttori, poi quando vedono la luce hanno sorprendentemente successo? Ma per avere successo, idee come Il Gattopardo, Ulysses o Nightmare Before Christmas prima devono vedere la luce.

L’idea è importante. Ma per far nascere un bambino ci vogliono nove mesi. Non basta uno spermatozoo: è indispensabile, certamente utile, ma di solito non è sufficiente.

 

 

[1] Tra l’altro – nota polemica verso le nostre classi dirigenti, sempre anziane, esperte e navigate – è utile precisare che l’Italia, per numero di linee telefoniche installate, fu per decenni il fanalino di coda dell’Europa, come oggi è alla retroguardia nella diffusione di Internet. Meucci andava bene per la propaganda anti-americana del fascismo e per gli sceneggiati Rai consolatori del dopoguerra, ma la diffusione della sua invenzione non fu facilitata o incoraggiata in Italia, prima per motivi politici, poi tenendo elevati i costi. Questo a proposito di come, in Italia, quelli che decidono favoriscono le idee nuove.


8 Replies

Perché non possiamo essere solo un premio e solo un Annual.

Proponiamo grandi esempi da imitare, piuttosto che vani sistemi da seguire.

(Jean-Jacques Rousseau)

Perché l’essere stati solo o essenzialmente questo, per quasi 27 anni, non ci ha minimante avvicinati all’obiettivo primario indicato dal nostro statuto:

migliorare gli standard della creatività nel campo della comunicazione e delle discipline ad essa collegate. Promuovere la consapevolezza dell’importanza di questi standard all’interno della comunità aziendale, istituzionale e del pubblico in genere, in Italia e all’estero.

A guardare i fatti siamo molto più lontani dalla realizzazione del nostro obiettivo oggi che nel 1985.
Il livello medio della comunicazione si è drammaticamente abbassato (e non è una questione di soldi).
Non possiamo nemmeno vantare il merito di essere stati i primi a denunciare quello che stava succedendo. Leggetevi Financial Times su pubblicità italiana, pubblicato nel luglio 2007. Ai tempi l’avevo ripreso nel mio blog personale, che non era certo una voce ufficiale. Negli ultimi cinque anni sono arrivati poi “Videocracy” e “Il corpo delle donne“. Quest’ultimo promosso e diffuso grazie agli sforzi di un ex “committente”, Lorella Zanardo.

E mentre la parte più acculturata e consapevole dell’opinione pubblica iniziava a puntare il dito sulle responsabilità sociali nostre e del nostro lavoro e ad accusarci di essere tutti e indifferenziatamente degli inquinatori cognitivi, noi abbiamo continuato a sentirci e ad autoproclamarci i migliori creativi d’Italia. Senza fare nulla di utile e concreto per motivare questa affermazione.

Abbiamo confuso dei mezzi (premio e annual) con il fine.

Lo ripeto ancora una volta: la funzione degli Adci Awards deve essere quella di identificare dei buoni esempi di comunicazione, socialmente sostenibile. Lo scopo dell’Annual è promuovere questi esempi anche al di fuori della nostra comunità.
Perché

l’Italia ha più bisogno di emancipazione che mai, e ha il dovere e il diritto di ritrovare – anche nella pop culture, advertising compresa – quella dignità culturale e civile che fa parte della sua storia e della sua migliore reputazione.

Gli Adci Award devono indicare una direzione più che rappresentare una celebrazione individuale. L’Annual deve essere il racconto pubblico della nostra funzione e utilità corale. Guardarlo solo tra noi e arrivare a “barare” e litigare per esserci, ne fanno un libello patetico.

E serve altro. Se siamo un Club.

Di seguito trovate alcune attività che se sapremo essere davvero un Club dovremo essere in grado di svolgere.
Serviranno a spiegare all’opinione pubblica e alle istituzioni che la pubblicità non è necessariamente quella roba che si sono abituati a vedere. Che non tutti i pubblicitari sono dei cialtroni o degli individui dalla moralità equivoca.
Che non è vero che “la diamo a tutti” è

un gioco di parole diretto e capace di catturare l’attenzione, secondo la ferrea legge che recita: “Il sesso, in pubblicità, vende”. Tutto regolare, tutto entro i limiti della decenza.

I Quaderni dell’Art DIrectors Club Italiano.
Il nuovo sito Adci, on line da fine settembre, permetterà ai soci di uploadare, in tempo reale, tutti i lavori onair nell’area “Magazine”. Non devono essere necessariamente le campagne che poi verranno iscritte agli Adci Award. Quella è una scelta che i soci potranno fare successivamente, limitandosi a una comoda selezione con pochi clic.
Questa nuova funzione del sito si presta alla creazione di un contenuto (i quaderni Adci) da veicolare periodicamente (2/3 volte all’anno) all’interno di un settimanale o mensile da identificare.
I quaderni Adci avranno un compito analogo a quello che abbiamo assegnato all’Annual Adci 2012 e che verrà pubblicato a novembre da Skira: raccontare un’Italia in transizione. Fornire, sempre in tempo reale, una radiografia ragionata della comunicazione nell’Italia contemporanea, con interventi, digressioni e diramazioni verso tutto ciò che le fa da contesto. Fil rouge: come siamo, da che parte andiamo, come si sta modificando il nostro immaginario.

Cosa serve.
Che tutti soci uploadino le nuove campagne in uscita nel Magazine del nuovo sito Adci.
Che un team di soci volontari selezioni (non è un premio) i lavori più utili a costruire questo racconto in tempo reale.

Usare l’Archivio Adci.
Gli oltre 5000 lavori selezionati in questi 27 anni hanno la stessa utilità dei ricordi dimenticati in una soffitta polverosa se non vengono utilizzati. Potrebbero diventare l’evidenza a supporto di quella che è la nostra ragione di esistere. Dell’essere l’unica associazione che nei fatti persegue una visione etica della comunicazione.
Con la collaborazione di altri soci abbiamo selezionato oltre 500 annunci stampa e affissione in grado di raccontare, in maniera brillante, il nostro costante sforzo, attraverso i decenni, di offrire un contributo di qualità all’immaginario.

C’è di che realizzare un ebook, specie se integrato dal racconto di chi ha ideato quei lavori.

L’interesse potenziale c’è. I banali slide show delle shortlist adci 2012, da me condivisi in rete su slide share, hanno avuto oltre 100 mila visite uniche nel mese di aprile.

C’è anche di che realizzare una mostra itinerante, magari coinvolgendo un curatore esterno che operi una selezione finale.

Nella “nostra soffitta” ho anche trovato centinaia di commercial che ancora (e soprattutto) oggi potrebbero dimostrare, senza bisogno di molte parole, cosa sia la vera pubblicità. Non sarà un problema trovare i cinema disposti a organizzare una serata no stop di proiezione.

Cosa serve?
Ho bisogno di aiuto da colleghi che si siano riconosciuti nel profilo “i soci che servono all’Adci” pubblicato nella seconda parte di questo post.
Occorre recuperare e trasformare in formato digitale tutti i commercial entrati negli Annual a partire dal 1985.

Il Manifesto Deontologico Adci (in pratica).

Negli ultimi cinque anni è cresciuto esponenzialmente il dibattito in rete sulle responsabilità del nostro lavoro nel contribuire a fissare e cristallizzare discriminazioni di genere.

È un dibattito destinato a crescere ulteriormente e non possiamo restarne fuori. Non possiamo lasciarci confondere nell’orda selvaggia dei pubblicitari.

Dobbiamo fare in modo che il nostro Manifesto Deontologico venga tradotto in pratica.

Ho bisogno di soci disposti a raccontare con costanza e frequenza gli esempi di comunicazione che rispettano il nostro manifesto e quelli che lo tradiscono. Abbiamo bisogno di dare vita a una sezione del nostro sito che usi il Manifesto come filtro per separare le reali forme di inquinamento cognitivo da ogni tentativo virtuoso di affermare che un’altra comunicazione è possibile, anche laddove non vengano raggiunti quegli standard di execution “da premio”.
I princìpi e gli appelli servono a poco sinché restano sulla carta e non vengono tradotti in esempi.
Serve anche molta apertura al dialogo perché parliamo di un tema dalle mille, complesse, sfaccettature.

Malgrado l’inevitabile sospetto iniziale, ho trovato molta disponibilità al confronto negli incontri pubblici ai quali ho preso parte. Lo scorso giugno sono intervenuto in veste Adci a un simposio.
Mi è stato riportato un commento (positivo nelle intenzioni) che reputo emblematico della nostra attuale reputazione: “non sembrava nemmeno di sentir parlare un pubblicitario”.
Credo di avere provato la sensazione di quelle donne delle quali i colleghi dicono, per parlarne bene: “non sembra nemmeno una donna”.

Ma l’apertura c’è. In associazioni (come Donne in Quota, e Pari e Dispari, per esempio) numerose università e blogger di attiviste.
Se dimostreremo di essere realmente interessati a qualcosa di più che all’autopremiarci, potremo dare un contributo importante al raggiungimento di un obiettivo che è anche nostro: persuadere le aziende che un’altra comunicazione non è solo possibile, è doverosa e per loro conveniente o non riusciranno più a dialogare con gli utenti. Sta già succedendo ma se ne attribuisce la colpa alla frammentazione dei canali più che alla frammentazione di testicoli e ovaia determinati da contenuti inguardabili.


1 Reply

Twitter cronaca dagli #Adciawads 2012

Oggi che anche a Cannes Twitter sta avendo un ruolo da protagonista, ecco i principali tweet circolati ieri sera e stanotte sulla premiazione degli ADCI Awards 2012. I link sono foto e istantanee della serata che è stata seguita da pochi ma buoni utenti anche dall’estero.

RT @KTTB: #adciawards. 236 bottiglie nel bagagliaio presidenziale. http://t.co/CCuUGm48

RT @KTTB: #adciawards trovato come risollevare il morale di J. Edgar Biffi http://t.co/JGAhEwG9

RT @ValentinaMaran: RT @matteorighi: A poche ore da #ADCIAwards, si dimette l’intero consiglio #ADCI http://t.co/6XPLzgzO

RT @claudianeri: @Adci mentre “gente normale” e “società civile” guarda la partita noi cani sciolti andiamo a vedere e ( ricevere) gli #adciawards

RT @giiiiigiiiii: #adciawards ciboooo http://t.co/E5Ny8ihR

RT @modbeat: “@giiiiigiiiii: #adciawards http://t.co/9dx5Reyx” i h8 u XD

RT @francescogrz: Mancano le tshirt xl per i soci “taglie comode”.. :) #adciawards

RT @paoladecorato65: Bella gioventù #artdirectorsclub #ADCIawards palazzina liberty Milano http://t.co/kO23Buvo

RT @lorenzini_luca: #adciawards http://t.co/FTnGzCkF

RT @marcodiotallevi: #adciawards teddisbanded malato! | Daniele dionisi e Alessandro izzillo a #adciawards http://t.co/IYEWph1d

RT @gabrieledepalma: RT @Iabicus: Astemio alla festa dell’Art Directors Club Italiano, come essere di colore a quella del Ku Klux Klan. #adciawards

RT @Iabicus: Astemio alla festa dell’Art Directors Club Italiano, come essere di colore a quella del Ku Klux Klan. #adciawards

RT @marcodiotallevi: #adciawards Laura sordi e angelo marino! http://t.co/KcqRYFEJ

RT @jorge_jimenez: RT @giiiiigiiiii: Bellissima campagna per #durex #adciawards http://t.co/7btDZ26c

RT @alessandromag: #ADCIAwards potete dire a quelli alti di mettersi dietro

RT @lorenzini_luca: #adciawards Due tettine d’oro, http://t.co/8uvsU0LN

RT @marcodiotallevi: #adciawards il cono di risarcimento http://t.co/m51ets7T

RT @ilagranato: #adciawards vi seguo da #Parigi

RT @francescogrz: #adciawards visto che c’è più gente fuori che dentro, la nomina del Grand Prix si fa fuori stile “habemus papam”.. :)

RT @maxgnocchi: #adciawards insider dalla premiazione: gli applausi a Durex erano registrati.

RT @kttb: #adciawards grand prix a Beauty of a second

RT @horacekidman: Premiazione #adciawards proclamazione del Grand Prix 2012: The beauty of a second Mont Blanc. http://t.co/xI5SL7J8 http://t.co/57FnbM6z

RT @maxgnocchi: #adciawards clamoroso: Massimo Guastini e’ un fake, in realta’ e’ Giovanni Pagano con il
costume di Paperoga. La premiazione e’ annullata.

RT @bcomebru: #ADCIawards Ho vinto un oro per l’abitino fluo :-)


4 Replies

Grand Prix Adci – The Winner is…

Cinquepalmi e Venturelli vincono il Grand Prix Adci

Le giurie ristrette hanno assegnato il Grand Prix Adci al commercial “The Dog“.
“Scoglio di Quarto” e “The Force of Tipography” si sono classificati, rispettivamente, al secondo e terzo posto.

Di seguito trovate l’intervista a Marco Venturelli.

 


Come procede la tua esperienza francese e quali sono le principali differenze che hai riscontrato con il modus operandi italiano?

Io e Luca siamo a Parigi da un anno ormai e ci troviamo molto bene. Certo, la nostra è una posizione fortunata, lavoriamo in Francia per Citroen, uno dei più grandi marchi francesi che comunica in tutto il mondo. Per quanto ci riguarda la differenza principale è la quantità di lavoro prodotto. In Italia si fanno molte presentazioni, ma pochi progetti vedono davvero la luce. E quei pochi sono figli di ogni tipo di compromesso. Detto questo, i creativi italiani non hanno assolutamente niente da invidiare agli altri, ma la squadra in cui si gioca conta tanto.

Andrea Stillacci a maggio definì vergognoso il caso della gara “Ferrarelle” in cui cinque agenzie avevano lavorato gratis per sei mesi senza che alla fine vincesse nessuna. In Francia si verificano situazioni analoghe?

A quanto ne so io assolutamente no. Anzi, qui sono tutti molto attenti a tutelare i propri diritti, alla faccia dello spauracchio della competitività. E questo vale a ogni livello e in ogni tipo di rapporto. La cosa interessante è che per quello che ho potuto capire questo atteggiamento, alla lunga, rafforza tutti.

Secondo te perché i creativi italiani non riescono più a creare grandi agenzie (ma nemmeno medie)?

Forse perché nessuno è ancora riuscito ad avere la credibilità per prendere grandi clienti e portarli a fare un grande lavoro.
Non esistono casi come la Johannes Leonardo di New York. Due giovani creativi che hanno fondato la loro agenzia e in tre anni hanno già vinto ori a Cannes con lavori per Google. Tra parentesi con loro lavora anche un ragazzo italiano.

Pensi che un giorno potresti aprire una tua agenzia?

Tutti i miei amici che l’hanno fatto mi sembrano molto contenti. Anche se non sono tra quelli che pensano che il tempo delle grandi agenzie sia finito. Anzi. Solo le grandi dimensioni ti permettono di investire in talenti e creatività anche quando non c’è un ritorno immediato.

Tra le campagne italiane premiate a Cannes quest’anno ce n’è una che ti ha colpito particolarmente?

Il lavoro di AUGE per Alice non puo’ non piacere. E poi devo ammettere che ero in sala quando hanno proiettato le shortlist, e il film di Cric è stato applaudito molto più di quanto mi aspettassi.
A volte il mestiere ti fa perdere la capacità di apprezzare le cose più spontanee. Complimenti a loro per averci creduto.

Ben due leoni italiani sono arrivati da realtà piccole e indipendenti. Lo ritieni un fatto casuale o indicativo?

Vorrei tanto dire indicativo. Ma in realtà penso che i successi della creatività italiana siano sempre dei colpi occasionali e non il frutto di un sistema che ricerca l’eccellenza.
Pertanto temo che sia tutto abbastanza casuale.

Osservare dall’esterno spesso permette una maggiore lucidità di giudizio. Dal tuo attuale punto di vista hai qualche suggerimento da dare al consiglio direttivo Adci?

Mi piacerebbe che si lavorasse per superare il nostro difetto principale, che è lo scarso spirito di gruppo. Troppo spesso in Italia festeggiamo il fallimento dei nostri avversari come un nostro successo. Sembriamo le contrade del palio di Siena. Mentre gli americani in giuria a Cannes fanno lobby per spingere tutto il lavoro americano e i brasiiani al palais festeggiano ogni leone come se fosse il loro.