2 Replies

Giovani Leoni 2018: vincitori e shortlist

Giovani, brillanti e con tanta voglia di lasciare il segno con i loro artigli: questo è il dna dei talenti che hanno trionfato nella XXII edizione dei Giovani Leoni.

La premiazione si è svolta ieri sera all’Auditorium Teresa Sarti Strada, grazie al patrocinio del Municipio 9 del Comune di Milano. Tra un paio di settimane le coppie vincitrici avranno l’onore di rappresentare l’Italia alla Young Lions Competition del Festival Internazionale della Creatività di Cannes (17-22 giugno 2018).

Nella categoria Film, sponsorizzata da Samsung, ha vinto la campagna Period realizzata da Paola Cantella (Junior Creative) & Andrea Grimaudo (Art Director) di We Are Social. I ragazzi sono stati premiati da Karim Bartoletti (Indiana Production e Consigliere ADCI).

Due creativi di Young&Rubicam hanno guadagnato il primo posto nella categoria Digital (ex-Cyber), sponsorizzata da Google, con il progetto Let Google Be Quiet realizzato da Chiara Marino (Art Director) & Simone Maltagliati (Copywriter), premiati dal Presidente di Giuria Digital Tommaso Mezzavilla (Havas).

Il progetto L’unione fa la foglia, realizzato da Nicolò Carrassi (Copywriter) & Luca Riva (Art Director) di Dude è invece stato premiato nella categoria Design, sponsorizzata da Accenture Interactive, da Francesco Guerrera (Le Balene).

Per chiudere, nella categoria PR Specialist, sponsorizzata da PR HUB e Assocom, la campagna I Cantieri del MITO è stata premiata da Giorgio Cattaneo, Presidente di MY PR. Il progetto è stato realizzato da Alessandra Coral (Account Executive Noesis) & Valeria Piazza (Account Executive in PHD Media)

Come ogni anno, è stato selezionato uno studente delle scuole di specializzazione in pubblicità e comunicazione, che sarà iscritto alla Roger Hatchuel Academy in programma durante il Festival. Si tratta del progetto The Shameless Mirror, realizzato da Luca Diotti – Accademia di Comunicazione di Milano premiata da Luca Pedrani (Imille e Consigliere ADCI). La categoria è stata sponsorizzata da ADCI.

A fine premiazione è stato conferito il Premio Speciale “Maurizio Braccialarghe” offerto da Rai Pubblicità ai vincitori della categoria PR Specialist, Alessandra Coral e Valeria Piazza. Antonio Marano, Presidente e Amministratore Delegato Rai Pubblicità, ha consegnato il premio ricordando la straordinaria passione per la musica di Braccialarghe, che fu Direttore della Radiofonia in RAI e ideatore del Torino Jazz Festival: una dedizione perfettamente rispecchiata non solo dal brief ma anche dal lavoro delle ragazze che hanno trionfato nella categoria PR Specialist.

La serata di premiazione è stata realizzata in collaborazione con l’agenzia SYNAPSY.

Per vedere le campagne vincitrici e tutte le shortlist visitate il sito giovanileoni.adci.it.

Foto by www.giuseppeballone.it


Leave a reply

Torna Steal the Tricks. Questa volta parliamo di crafting con Le Balene.

Riapriamo gli appuntamenti con il format Steal the Tricks: una serie di seminari e workshop che permetteranno ai giovani creativi di rubare i trucchi del mestiere ai loro colleghi più esperti.

A ogni appuntamento verrà selezionata un’agenzia che avrà il compito di selezionare un tema per l’incontro. L’obiettivo è quello di creare un percorso di aggiornamento che aiuti i nostri giovani talenti a crescere e fronteggiare nel modo migliore non solo il lavoro di tutti i giorni, ma anche i tanti contest creativi promossi da ADCI (a tal proposito, sì: anche i Giovani Leoni stanno per tornare, avrete maggiori informazioni prima di quanto pensiate).

Il nuovo di Steal the Tricks si terrà giovedì 3 maggio alle 19.15 in Acqua su Marte (sede dell’agenzia Le Balene), in via Alessandria 3. L’incontro durerà due ore e sarà tenuto da Francesco Guerrera, Direttore Creativo di Le Balene. Il workshop, dal titolo “Vita da Art (mani sporche e mente pulita)”, tratterà il tema del crafting. Francesco ci racconta di che cosa parleremo:

L’evento prevede due ore di amabili chiacchiere tra nerd dell’art direction. Dalla produzione ai trucchi per ottenere il meglio da un fornitore e quindi craftare la più bella campagna pubblicitaria che abbiate mai fatto. La serata sarà divisa in tre parti: la prima sarà di puro godimento visivo, vedremo alcuni lavori e tratteremo il breakdown della produzione passando per campagne stampa, illustrazioni, cgi, post produzione, live performance, il tutto allo scopo di craftare al meglio un pezzo di comunicazione. Le seconda parte sarà dedicata alla parte più divertente del nostro lavoro e cioè alla scelta e dialogo con i fornitori: come sceglierli e come dialogare con loro per plasmare le idee nel modo migliore. La terza parte e ultima parte sarà dedicata ad un esercizio in stile Erik Vervroegen: un’ora di delirio per arrivare alla migliore realizzazione mai pensata.

L’incontro è rivolto principalmente ai soci ADCI under 30, che avranno diritto a 20 posti riservati. A questi si aggiungeranno 10 posti per i giovani creativi non associati al Club. Qui potete prenotare il vostro biglietto gratuito, per partecipare è necessario registrarsi.


Leave a reply

#ItaliansFestival – Gabriella Baldoni apre il Grande Venerdì di Enzo @IF!

Ieri sera, Gabriella Baldoni.

Quando ero piccola la pubblicità entrava prepotentemente nella mia vita. Del resto era impossibile sfuggirle. Mio padre era un antesignano dello “smart working” e spesso lavorava da casa. Girava avvolto in lunghe vesti portate dai suoi viaggi in Indonesia ed era impossibile non sentirlo. Fragorosi scoppi di risate, urla, strepiti, musica a tutto volume, telefonate interminabili.

Sono cresciuta continuando ad assorbire pubblicità da tutti i pori: per questo ho scelto di fare tutt’altro lavoro.
Però, grazie a lui, al liceo facevo dei gran temi: il mio babbo era un professionista del ritmo, della limatura zen, della pulizia nelle frasi e ancora oggi lo ringrazio per quanto mi ha rotto i coglioni sullo “scrivere”.
Sapeva far scattare qualsiasi testo da banale ad interessante. Mi insegnava i trucchi per creare l’incanto e per sfuggire alla noia.

Chiacchierando con noi a cena, spesso si incazzava con i ragazzi che gli mandavano curricula scialbi, noiosi, impersonali.
Come minimo si aspettava che da un aspirante creativo uscisse un qualche guizzo di vitalità, un fiotto di pazzia… almeno un rutto di novità.

E invece trovava gente che si “candidava spontaneamente”.
Strane persone “automunite” che sarebbero state “liete” di collaborare, che attendevano un “gentile riscontro”. E sul finale si lanciavano addosso l’ultima palata di terra porgendo “distinti saluti”.

Per contro, c’erano volte in cui portava a casa le cose più divertenti. Ci leggeva lettere di presentazione fulminanti e scritte benissimo. Oppure disegni e schizzi che gli erano piaciuti.
Ricordo un’art director che mandò alle Balene la scatola di una Barbie. Le aveva cucito un vestitino su misura e scritto sulla confezione il suo curriculum. Qualche anno fa, purtroppo lui non l’ha potuto vedere, è arrivata alle Balene una scatola con scritto: “vi serve una mano?”. Dentro un arto di plastica sanguinolento. Gli sarebbe piaciuto moltissimo.

Da quei curricula è iniziata la tradizione del Venerdì di Enzo. Amava incontrare aspiranti creativi, forse per portarli sulla retta via, come un buon pastore.
Lui era sempre sincero: alcuni li mandava via in lacrime, consigliando loro di cambiare lavoro. Meglio un trauma a vent’anni che un disoccupato a trenta, diceva.
Ma se gli piacevi e vedeva la scintilla, chiamava immediatamente gli amici di altre agenzie per trovarti un posto dove iniziare.

Come sapete la vecchia balena ci ha lasciati dieci anni fa in questo strano mondo pieno di contraddizioni.
In questi anni a noi della famiglia è toccato tagliare nastri, impugnare, sorridenti, statuette e targhe, calcare palchi per ringraziare con parole di circostanza.

Ma devo dire che mai come al “grande venerdì di Enzo” ho avuto la percezione di essere in un luogo largo, creativo, chiassoso, vitale ed energetico. Proprio come era lui.

Sarà che chi l’ha inventato gli voleva molto bene e lo conosceva a fondo. Questo ci commuove, non sapete quanto. E i ringraziamenti non sono mai abbastanza.

Insomma: vedere allo stesso tavolo a chiacchierare animatamente grandi creativi insieme a ragazzi che brillano di voglia di fare, mi sembra il modo migliore per celebrare quella vecchia balena.

Voglio anche invitarvi, mercoledì prossimo, l’8 ottobre, che sarebbe stato il suo compleanno, ad una festa che faremo al Teatro dal Verme. Ci saranno tra gli altri Lella Costa, il coro canto sospeso dal Brasile, Alessio Lega e Guido Baldoni, mio fratello. Vi aspettiamo alle 21.00.

Quindi qui siamo tutti Enzo Baldoni. Io, geneticamente, un po’ più di voi, ma fa niente. Benvenuti nella grande famiglia di cetacei e buon lavoro a tutti.

Gabriella Baldoni

Trascrizione integrale dell’intervento di apertura al Grande Venerdì di Enzo / Italians Portfolio Night (3 ottobre 2014, IF!) – Grazie Gabriella : )


13 Replies

Il Grande Venerdì di Enzo.

.

La Portfolio Night dell’anno scorso è stato un grande successo, sia per la partecipazione sia per lo spirito positivo e l’entusiasmo che si respirava nell’occasione. Quest’anno però abbiamo deciso di organizzare qualcosa di diverso per favorire l’incontro tra direttori creativi e giovani aspiranti pubblicitari. Questo qualcosa di diverso si chiama Il Grande Venerdì di Enzo.

I motivi sono due.

Il primo è che vogliamo commemorare uno dei grandi soci scomparsi: Enzo Baldoni.

Tutti sanno chi è Enzo e tutti sanno cosa gli è accaduto, ma non tutti sanno che dedicava molto tempo ai giovani talenti: passava ogni venerdì pomeriggio a visionare portfoli e dare consigli.

Il secondo motivo è che riteniamo che, almeno in Italia, il brand Adci sia più forte del brand Portfolio Night e non comprendiamo il motivo per cui dovremmo pagare loro le royalties. L’anno scorso, posso testimoniarlo in quanto organizzatore, è stato ad esempio molto più difficile trovare i 100 studenti e aspiranti piuttosto che reclutare i direttori creativi. Dimostrazione del fatto che il brand PN non è forte come potrebbe sembrare.

Naturalmente la formula del Grande Venerdì di Enzo sarà un po’ diversa, ma l’idea che c’è alla base è la stessa, e cioè dare agli studenti e ai giovani aspiranti creativi la possibilità di incontrare i migliori pubblicitari italiani.

Di diverso ci sarà anche un altro aspetto: Il Grande Venerdì di Enzo sarà assolutamente gratuito. Il fatto di staccarci dalla Portfolio Night ci permette di farlo.

Il Grande Venerdì di Enzo si svolgerà, molto probabilmente, il 4 maggio a Milano. La data potrebbe slittare al massimo di una settimana.

Perché siamo ancora generici sulla data?

Perché dobbiamo ancora decidere una location e studiare il meccanismo esatto. Siamo usciti con la notizia oggi perché Bad Avenue ha pubblicato un post che parlava della Portfolio Night, ma appena avremo informazioni più precise ve le comunicheremo.

Spero che gradirete la novità, chi vuole avere ulteriori informazioni o vuole darmi consigli per l’organizzazione del Grande Venerdì di Enzo può scrivermi a maurizio.ratti@adci.it.

m.