Lascia una risposta

Fuorisalone @DesignLibrary : East \ West : The Design Society Session

Quattro direttori creativi da Singapore, rappresentanti di The Design Society (praticamente l’ADC indonesiano), raccontano e chiacchierano di alchimia dei processi creativi con quattro omologhi italiani.
È l’evento che inaugura la partnership DesignLibrary & Art Directors Club Italiano. E voi non volete mancare l’occasione di dire “io c’ero”. Vi conosco.

Per l’Art Directors Club c’è Massimiliano Maria Longo (Agency Creative Director Wunderman, consigliere ADCI con delega al digital ecosystem), c’è Matteo Maggiore (Creative Supervisor Leagas Delaney, consigliere ADCI con delega ai giovani e responsabile Young Lions), c’è Lorenzo Piazzi (Vice President DesignLibrary, main partner ADCI) e c’è Ema Soi (Head of Creative Strategy DesignLibrary, General Manager ADCI).

Vi aspettiamo a #TDSS in Zona Tortona, @DesignLibrary, via Savona 11.

Facebook Event

DesignLibrary

The Design Society


Lascia una risposta

Google & ADCI : YouTube Ads Leaderboard Italia (#ytali S1 E9/12)

Gennaio manifesta la sua nota arroganza, arrivando per primo anche quest’anno. Ci siamo presi del tempo per salutarlo. Ma ora ciao, Gennaio.

Napolitano finalmente è riuscito ad uscire dal tunnel della presidenza e per sostituirlo si è cominciato a cercare un giovane con esperienza.

Nell’indecisione, Matteo si rallegra e sceglie la via dell’anagramma. Il nuovo presidente è Sergio Mattarella.

Ma vediamo cosa è stato questo Gennaio secondo gli utenti di YouTube.

Eccovi il nono episodio della YouTube Ads Leaderboard Italia, per gli amici #ytali.

2015 Budweiser Super Bowl Commercial “Lost Dog” | Budweiser #BestBuds

C’è aria di novità in casa Budweiser. Dopo “Puppy Love” arriva “Lost Dog”. A volte la linea più breve tra due punti è un cane.

#KimsDataStash | T-Mobile Commercial

L’attesissimo spot di T-mobile per il Super Bowl. Grande protagonista, brillante e con una personalità tutta sua. Anche il resto della Kardashian non è male.

Microsoft HoloLens – Transform your world with holograms

Finalmente la tecnologia viene incontro al bisogno di portare il fidanzato immaginario al pranzo di Natale.

“Slap her” – children’s reactions

 

Ora l’unica cosa da fare è uno studio per capire come mai, quando questi mini-uomini crescono, non diventano sempre uomini ma a volte si risolvono in subumani.

Fiat 500X car launch feat. Dynamo & #ThePowerOfX in London


Quindi è così che nascono i bambini?

***

Ricordiamo che la classifica #ytali non si limita alle view assolute, bensì viene determinata da Google utilizzando alcuni dei segnali di gradimento più significativi espressi dagli utenti su YouTube tra cui: il numero di visualizzazioni nel nostro Paese, la percentuale di visualizzazione di ciascuna pubblicità e il rapporto tra visualizzazioni organiche e visualizzazioni a pagamento.


1 Risposta

Google & ADCI : YouTube Ads Leaderboard Italia (#ytali Speciale 2014)

Stando alle ultime ricerche, il 16 febbraio è il momento migliore per parlare dell’anno appena trascorso.

Lontani dalla euforica depressione natalizia, dimenticati i buoni propositi – sfumati circa verso il 23 gennaio, passata la frustrazione dell’amore a comando, ora siamo liberi. Liberi di riesumare un 2014 che ormai credevamo perduto per sempre. E invece no.

Bentrovati, dunque. Questo è un appuntamento speciale.

Siamo qui per raccontarvi il fu 2014 attraverso ciò che i viewers di YouTube hanno percepito come summa del magico mondo dell’Adv.

È stato un anno faticoso, denso, frastagliato, precario. Un anno pieno di speranze, con un occhio e una zampa fuori dalla crisi. Insomma, un anno a caso tra il 2008 e il 2014.

Ma, soprattutto, se questa è la top ten dei commercial più visti in Italia quest’anno, ci meritiamo pure le cavallette.

Quella che segue è una classifica che, oltre ad essere di una noia mortale, appare pressoché appannaggio dell’universo maschile. Macchine, calcio e tette. O meglio, non c’è una campagna sulle tette (no spoiler no cry), ma è all inclusive nelle prime due categorie.

Prima di cominciare vediamoci un po’ di 2014 fatto bene, giusto nel caso che qualcuno di voi fosse già così nel 2015 fino al collo da non ricordarsi del buon vecchio ’14.

Ed ora, eccovi un episodio speciale della YouTube Ads Leaderboard Italia, per gli amici #ytali 2014.

 

Samsung GALAXY S5 – Official Introduction

Davvero la gente è così pigra che ha bisogno di una colonna sonora per capire come usare il proprio smartphone?

 

The Dream: all in or nothing – FIFA World Cup


Dover scendere in un campo così importante è sì un sogno, ma l’ansia da prestazione può causare gli incubi peggiori. Dopo questo bel trip Messi&Friends devono andare a, mi vien da dire giocare-ma a loro piace “combattere”, in Brasile e devono affrontare una scelta: all in or nothing. Perbacco, è un video interattivo. Dev’essere bello per forza.

Scelgo All In. Dannazione, una landing page. Mi informano che c’è gente che mi odia.

Scelgo Nothing. Dannazione, una landing page. La stessa. Sì, qualcuno mi odia.

 

The Epic Driftmob feat. BMW M235i

Nuoto sincronizzato su strada. “Polizia chiami un poliziotto”. Oh, ma è una donna. Ah, vuole farsi il pilota. Allora va bene.

“There are millions of BMWstories”. Ma il gioco non era raccontarne una, nevvero?

 

Bad Boys at Disneyland Paris

Nonostante sia una delle cose più fake, patetiche e noiose mai viste, se arrivi in fondo senza avere almeno gli occhi lucidi, beh, hai ragione. Prendi uno stereotipo ed esasperalo nella sua stereotipata antitesi. Risultato? Nulla.

 

John Lewis Christmas Advert 2014 – #MontyThePenguin

Del bambino strano e del suo amico pinguino ninfomane avevamo già parlato. Ma forse ci è sfuggito qualcosa.

Forse è un film sulla nostalgia, sul rimpianto della nostra credulità. Forse è un mini-umano che ha capito tutto, che le farfalle nello stomaco non verranno uccise dai succhi gastrici. Quindi: troviamo una pinguinessa!

Oppure, banalmente, rimane un film su un bambino sociopatico ed il suo problema con la zoofilia.

 

Lionel Messi & Roger Federer Trading Places Gillette #InnerSteel

Tre cose.

#1: Messi testimonial di qualcosa, non si era mai visto.

#2: la valigetta ammanettata al polso no, basta. Almeno non per dei rasoi, dai.

#3: stereotipi: ne sentivamo la mancanza.

 

Castrol EDGE – Titanium Strong Blackout

Questo spot fa venire una gran voglia di mollare tutto e diventare manichini da crash test.

Ma, soprattutto, come recita l’adattamento italiano: “quando arriva il momento sii forte come il titanio.” Brividi.

 

Nike Football: The Last Game ft. Ronaldo, Neymar Jr., Rooney and more

Nike dice: “The Last Game’ is a story about risky football versus safe football. The scientist and the clones want to prove that riskless football is more effective.”

Hanno già detto tutto loro. Aggiungo: bello, fatto bene, inutile.

 

Nike Football: Winner Stays. ft. Ronaldo, Neymar Jr., Rooney, Iniesta & more

In questo matto matto gioco del calcio capiamo che vince chi rischia tutto per andare sempre più in alto.

Altro film Nike. Ok, va bene, bravi. Ma mo’ ve lo buco sto pallone!

 

Cornetto Cupidity Love Stories: Logico #1

Cornetto, Cremonini e l’amore ai tempi dei social. Che nessuno avrebbe mai immaginato di rimpiangere il Colera, tant’è.

Sarà che la nostalgia di epoche mai vissute è un male comune e che sono tutti pubblicitari con il badge degli altri, ma qui di logico non c’è nulla.

***

A presto, con la puntata di Febbraio.

Nel dubbio, buon anno.

***
Ricordiamo che la classifica #ytali non si limita alle view assolute, bensì viene determinata da Google utilizzando alcuni dei segnali di gradimento più significativi espressi dagli utenti su YouTube tra cui: il numero di visualizzazioni nel nostro Paese, la percentuale di visualizzazione di ciascuna pubblicità e il rapporto tra visualizzazioni organiche e visualizzazioni a pagamento.


Lascia una risposta

Google & ADCI : YouTube Ads Leaderboard Italia (#ytali S1 E8/12)

Santi, Morti e fantasia. Novembre è sempre stato un mese strano ma quest’anno ha confuso anche il magico mondo dell’Adv.

Nella Londra in cui Beckham jr. si muove come Celentano e ambigui pinguini cercano l’amore, un secolo fa i supermercati andavano in guerra e se la godevano come pazzi. Mentre nella Parigi del Diciottesimo secolo c’è gente che si chiama Arno, nell’Italia di oggi Pirlo è finalmente impressed.

Eccovi l’ottavo episodio della YouTube Ads Leaderboard Italia, per gli amici #ytali.

Assassin’s Creed Unity – Trailer di Lancio [IT] [XBL]

Ubisoft rilascia il trailer di Assassin’s Creed Unity, nuovo attesissimo episodio next-gen del celebre franchise.

Parigi, 1789. Un giovane di nome Arno si scorda come sciacquare i panni e gli prende la pazzite. Il suo viaggio lo porterà nel bel mezzo di una spietata lotta per il destino di una nazione, trasformandolo in un Maestro Assassino. Percorso tipico esaltato da attori pazzeschi, talvolta leggermente plastici. Delude solo la mancanza del tormentone “Coca Cola con la cannuccia.” Si consiglia di giocare con le mani sporche di burro ed altri stereotipi.

Palleggi proibitivi a Vinovo con Goodyear.

Questo film per Goodyear rappresenta un unicum, è riuscito in un’impresa incredibile, mai vista. Pirlo ha più di un’espressione facciale. Indossa, nell’ordine: un ghigno di sfida, la solita faccia, un sorriso e delle ciabatte zebrate.

Lui, Morata, Pereyra ed Evra non riescono a metterne una in porta perché non indossano le scarpe adatte. Divertente video per sensibilizzare circa la sicurezza stradale. Andate a cambiare le scarpe. 

Sainsbury’s Official Christmas 2014 Ad.

Agenzia creativa: AMV/BBDO

Ispirato dalla tregua di Natale avvenuta durante la prima guerra mondiale, questo film mostra i nemici sul fronte occidentale. Divisi da un innevato campo di battaglia, le due fazioni intonano Silent Night nelle rispettive lingue, Inglese e Tedesco. Poi, poco poco piano piano, alcuni soldati emergono timidamente dalle trincee e finisce tutto a tarallucci e vino. O, più plausibilmente, a Tea e Würstel. Grandi strette di mano, grande umanità e vicendevoli auguri di eterna felicità.

Ma, come in ogni guerra che si rispetti, il bombardamento riprende e i soldati si ritirano tristi dietro al loro filo spinato. Tornato nella sua trincea, un tedesco scopre una tavoletta di cioccolato nascosta nella tasca del collega britannico, la stessa cioccolata che sarà in vendita nei supermercati Sainsbury e il cui ricavato andrà alla Royal British Legion.

Insomma, in amore e in advertising vale tutto.

“From London with Love”- Starring Romeo Beckham.

Agenzia creativa: Burberry Creative Team

Romeo Beckham, 12 anni, è il protagonista della campagna di Natale di Burberry. La storia è quella di un ragazzo che consegna il dono d’amore di una giovane coppia, saltellando come un pazzo in trench e sciarpa. Tra scenografie e coreografie ispirate al periodo d’oro dei musical cinematografici, il giovane Beckham prima fa il figo, poi è pensieroso, poi sognante, poi scatenato, poi terzo incomodo, poi molleggiato, poi ci siamo annoiati. Quattro minuti sarebbero stati troppi anche se il testimonial fosse stato il padre. Nudo. Figuriamoci per un ragazzino con gravi problemi alle giunture.

John Lewis Christmas Advert 2014 – #MontyThePenguin

Agenzia creativa: Adam&EveDDB

John Lewis ci ha sempre abituati a campagne epiche e sognanti che sono diventate una sorta di tradizione natalizia. Quest’anno poi, ciaone. Ha presentato la sua ultima fatica tramite un account Twitter con l’hashtag #montythepenguin. Monty, pinguino bello e tracagnotto che ha lo sguardo del cane che fa la cacca.

Il bambino Sam è convinto di sapere qual è il regalo che Monty, il suo migliore amico, desidera fortissimamente per Natale. E cosa gli regala? Una pinguinessa. La storia di un bambino sociopatico e del suo problema con la zoofilia. Che tenerezza.

Buon Natale.

***
Ricordiamo che la classifica #ytali non si limita alle view assolute, bensì viene determinata da Google utilizzando alcuni dei segnali di gradimento più significativi espressi dagli utenti su YouTube tra cui: il numero di visualizzazioni nel nostro Paese, la percentuale di visualizzazione di ciascuna pubblicità e il rapporto tra visualizzazioni organiche e visualizzazioni a pagamento.


1 Risposta

SOLD OUT – GOOGLE&IF! Christmas Party: a case study.

UPDATE 03/12 h16:30 – STOP ALLE TELEFONATE, GENTE: LA FESTA È SOLD OUT E DAVVERO NON RIUSCIAMO A METTERE PIÙ NESSUNO IN LISTA.

Grazie del vostro affetto (Google & Adci)

BACKGROUND: Stiamo entrando in quel magico periodo dell’anno in cui la gente deve essere felice, e dei signori anziani vestiti di rosso vagano nei centri commerciali sedendo bambini ignari sulle loro gambe vellutate. Quei magici giorni in cui chi ha una famiglia si ricorda sentimenti come odio e rancore, e chi non ne ha una si sente ancora più solo. E poi si ingrassa, si ingrassa tantissimo. La fatica di schierarsi tra panettone e pandoro, che poi l’uvetta passa e non saluta. L’ansia da prestazione del “cosa facciamo all’ultimo dell’anno?”, che poi è sempre tutto sbagliato. Interminabili cenoni e pranzoni in cui giovani creativi devono fare outing spiegando alla famiglia che lavoro fanno. E nessuno, mai nessuno che abbia idea di cosa si tratti. Finché ti arrendi in un esausto: “Sì, faccio la réclame”.

PROBLEM: Il Natale è alle porte.

SOLUTION: Non aprite.

CHALLENGE: Non possiamo prevenire l’inevitabile mestizia che ci assalirà in quei giorni. Ma possiamo creare dei bei ricordi, ricordi a cui ci aggrapperemo stretti stretti nel periodo più triste dell’anno: Natale.

IDEA: If! e il Santo Patrono Google organizzeranno una festa epica, che negli anni verrà ricordata come La giornata del Ricordo Postumo. Dove postumo non solo viene a sottolineare il fondamentale ruolo degli alcolici in questo party, ma anche una time capsule piena di bei ricordi per i giorni bui.

RESULTS: I primi risultati saranno già evidenti Giovedì 4 Dicembre, il giorno del Party. Tra un brindisi e l’altro, ascoltando buona musica in ottima compagnia, si comincerà a fabbricare dei bei ricordi da usare in caso di emergenza.

Rendete il Natale un posto migliore, iscrivetevi mandando una mail a google@venticento.eu 

Ci vediamo Giovedì 4 dicembre dalle 21 in poi ai Chiostri di San Barnaba. Mappa


Lascia una risposta

Google & ADCI : YouTube Ads Leaderboard Italia (#ytali S1 E7/12)

Fabio Volo non ha parlato del suo passato di panettiere. Abbiamo finalmente dismesso la favola de “le dimensioni non contano”. È stato dimostrato che surfare una tavola Chanel sfina e che se metti i jeans giusti puoi fare anche twerking. E meteoriti. Meteoriti pieni di scarpe. Anche quest’anno Ottobre si è meritato la fascia di capitano.

Quello del 2014 è stato l’Ottobre più caldo dal 1880. E c’è stata la prima edizione di IF!. Coincidenze?

Questo mese ha anche visto un preoccupante ritorno del modo di dire “X è il nuovo Y”. Ed è cominciata la stagione dei marroni. Coincidenze?

Insomma, Ottobre è stato un mese che ha fatto cose e visto gente.

Eccovi il settimo episodio della YouTube Ads Leaderboard Italia, per gli amici #ytali.

HYPERFLEX JEANS: Stretch Your Limits!

Agenzia creativa: 180 Amsterdam

Una bellissima scienziata con un Phd in jeans decide di testare la “stretchiness” dei Replay. L’esperimento è condotto su atleti/acrobati/commessi di Abercrombie che infilano i loro corpi torniti in questi pantaloni dal tessuto magico. È tutto molto bello, ma a posteriori verrebbe da chiedersi se il campione non sia un po’ limitato. Per amor di scienza e progresso sarebbe forse stato meglio andare alla Sagra della Sugna a distribuire jeans ai convenuti, e allora sì che “Stretch Your Limits”. Ed è subito slice of life.

Mercurial Superfly CR7: CR7 in “Out of this World”

Agenzia creativa: Wieden + Kennedy
Centro media: Mindshare

Precipita sulla terra un meteorite. Contiene qualcosa. Vita intelligente? No. Una consegna speciale per Cristiano Ronaldo: le nuove Mercurial Superfly CR7. A quanto pare sono fatte della stessa sostanza di cui sono fatti i sogni, ti portano a fare cose pazzesche. Tipo rispondere a Carlo Ancelotti. Ronaldo, che già di suo ha delle belle gambe, ora è inarrestabile. Corre a destra e a manca, attraversa boschi, doppia gli aerei facendo la faccia dell’arroganza al pilota e prende multe in uno stereotipo americano. Ma soprattutto riceve chiamate da Carlo Ancelotti.

CHANEL N°5: The One That I Want – The Film

Centro media: Carat Luxury

A 10 anni dal film con Nicole Kidman, Baz Luhrmann torna a raccontarci Chanel. Stessa estetica, invariata anche l’allure del brand, ma questa volta Luhrmann sceglie Gisele Bündchen per rappresentare quella che, secondo lui, è la donna del 21° secolo. Una donna bellissima e in carriera che, nonostante tutto, sceglie l’amore. In buona sostanza, se sei una madre con un matrimonio in crisi e vivi in slow motion, l’unica cosa che devi fare è Chanel numero 5.

Official Fiat 500X teaser – blue pill

Agenzia creativa: Leo Burnett
Centro media: Maxus

Siamo in un paesino italiano in una situazione che a quanto pare è tipicamente italiana: un uomo deve venire incontro ai bisogni ferini della moglie ma da solo non ce la fa. Va nell’altra stanza a prendere il Viagra. Le mani gli si irrigidiscono e perde il controllo della pillola che vola fuori dalla finestra e comincia un viaggio tra i vicoli del paesino fino a finire a valle, dove una 500 sta facendo benzina. Il Viagra si insinua nel serbatoio della macchina e ne raddoppia il volume. Divertente come pubblicità di un’auto, overpromising rispetto agli effetti della pillola.

Fabio Volo. Let’s do it.

Agenzia creativa: Greyunited
Centro media: MEC

Bianco e nero. Esterno. Bella macchina-bella ragazza-bel cavallo. Notte. Fabio Volo sta recitando, da qui capiamo che si tratta di una parodia. Il cavallo era solo un indizio alla Old Spice. «Oggi è ancora più importante mettercela tutta, non fermarsi mai, provarci fino in fondo e andare oltre. Alziamo l’asticella, puntiamo in alto. Let’s do it». L’atmosfera soffusa e motivazionale è interrotta da una causa più che giusta: sono pronti i casonsèi. Allora Volo raggiunge la zia e porta con sé anche la modella, che tanto è magra.

***
Ricordiamo che la classifica #ytali non si limita alle view assolute, bensì viene determinata da Google utilizzando alcuni dei segnali di gradimento più significativi espressi dagli utenti su YouTube tra cui: il numero di visualizzazioni nel nostro Paese, la percentuale di visualizzazione di ciascuna pubblicità e il rapporto tra visualizzazioni organiche e visualizzazioni a pagamento.