Leave a reply

IF! ITALIANS FESTIVAL TORNA AL TEATRO FRANCO PARENTI

IF! ITALIANS FESTIVAL TORNA AL TEATRO FRANCO PARENTI DI MILANO DAL 26 AL 30 SETTEMBRE.

TEMA 2017: #SOVVERTIRE

La quarta edizione del Festival della Creatività organizzato e promosso da ADCI e ASSOCOM, in partnership con Google, proporrà quest’anno due giornate intere dedicate alla formazione, prima dell’apertura ufficiale al pubblico con l’opening del giovedì sera. Chiusura sabato 30 settembre con i prestigiosi ADCI Awards. 

Sovvertire. Rovesciare la visuale, ribaltare il paradigma. Cinema, moda, letteratura, musica, arti grafiche e visive per elaborare nuove connessioni, ispirare, educare e comunicare imprimendo nuova potenza relazionale ai brand, ai loro prodotti e servizi. Arte applicata e tecnologia per sovvertire il sistema e indicare la strada a una nuova generazione di creativi e di brand”.

È il manifesto dell’attesissima quarta edizione di IF! Italians Festival (www.italiansfestival.it), il più importante appuntamento italiano con la migliore creatività internazionale organizzato e promosso dall’Art Directors Club Italiano (www.adci.it) e ASSOCOM (www.assocom.org), in partnership con Google.

Dal 26 al 30 settembre, il Teatro Franco Parenti di Milano sarà per il quarto anno consecutivo la “casa” del Festival della Creatività che in questa edizione verterà il suo ricco e articolato programma intorno al tema #sovvertire.

Numerose le novità di questa edizione. A cominciare dal format dell’evento che si svilupperà su 5 giorni (uno in più rispetto al 2016) con le prime due giornate interamente dedicate alla formazione: martedì 26 con un focus specifico sul digitale e mercoledì 27 sulle arti applicate.

Mentre si segnala un nuovo ingresso nel Comitato Organizzatore di IF!: quello di Stefano Capraro che affianca Emanuele Nenna, Nicola Lampugnani, Alessandra Lanza e Davide Boscacci. 

IF! Italians Festival si avvale quest’anno di alcune collaborazioni eccellenti come quella di Marco Mancuso, critico, curatore e direttore di Digicult, nuovo consulente sui contenuti di cultura digitale del programma.

Insieme a Mancuso, si segnalano le conferme del creativo Francesco Guerrera, responsabile dell’immagine coordinata di IF! e del giornalista e project manager culturale Dino Lupelli (Elita), responsabile del programma Entertainment.

A gestire le attività di ufficio stampa anche quest’anno ci sarà un team di PR HUB, che si conferma partner dell’evento.

Il Festival della Creatività riserverà un doppio, imperdibile, appuntamento con il più importante riconoscimento alla migliore creatività italiana, gli ADCI Awards: l’IF! Short List Party con l’esposizione delle short list del premio durante l’opening ufficiale di giovedì 28 settembre, e l’atteso Show di premiazione che chiuderà la cinque giorni milanese nella serata di sabato 30 settembre. 

Per il quarto anno consecutivo, Google è vicino al mondo dei creativi italiani per promuovere la collaborazione tra creatività e tecnologia. Insieme a speaker d’eccezione, tra le attività in programma nella nuova edizione del festival sono già confermati i workshop sulle piattaforme Google, il premio “Best Use of YouTube” all’interno degli ADCI Awards, e una rassegna delle migliori campagne pubblicitarie 2017 su YouTube.

Per seguire il Festival sui canali digital:
Sito web: www.italiansfestival.it
Facebook: www.facebook.com/IFItaliansFestival
Twitter: twitter.com/IFItaliansFest (hashtag ufficiale #ItaliansFestival)
Instagram https://instagram.com/italiansfestival
YouTube https://www.youtube.com/italiansfestival

IF! Italians Festival
26-30 settembre 2017 – Teatro Franco Parenti – Milano 

Promoted by ADCI e ASSOCOM

Main Partner: Google

Organigramma:
Comitato Organizzatore: Emanuele Nenna, Nicola Lampugnani, Alessandra Lanza, Davide Boscacci e Stefano Capraro.
Consulente Contenuti Cultura Digitale: Marco Mancuso
Responsabile Entertainment: Dino Lupelli (Elita)
Immagine Coordinata: Francesco Guerrera
Fundraising: Valentina Eva Tosato (Ideal Comunicazione)
Ufficio Stampa: PR HUB (Assocom)
Comunicazione digital e social: We Are Social


Leave a reply

Lele Panzeri intervista Davide Boscacci su If! e la formazione dei giovani creativi

Con questa intervista si chiude il ciclo di interviste che Creative Campus ha dedicato a If! Italians Festival.

Dopo quelle a Nicola Lampugnani (qui), Vicky Gitto (qui) e Marianna Ghirlanda di Google (quiè il turno di a Davide Boscacci, Group Creative Director di Leo Burnett e co-founder della manifestazione (qui il post dal Blog di Creative Campus).

Nella videointervista (qui) di Lele Panzeri, Direttore di Creative Campus, Davide fa un bilancio della manifestazione e ne ricorda le origini con aneddoti curiosi. Come in ogni intervista della scuola viene affrontato il tema della formazione e non mancano i consigli ai giovani creativi che si avvicinano al mondo della pubblicità.

Buona visione!


Leave a reply

Due ori e tre argenti all’ADC*E – L’Italia sulla strada giusta.

Le buone notizie ce le portano i nostri giurati italiani all’Art Directors Club Europeo: Luca Lorenzini, Patrizia Boglione e Karim Bartoletti. In un award europeo che è ormai quasi esclusivamente appannaggio dei tedeschi, l’Italia si porta a casa un bel bottino.

I nostri migliori progetti dello scorso anno, riconosciuti anche a Cannes e in patria, incassano un pesante oro ciascuno: Dear Future Mom di Saatchi & Saatchi vince in Public Service & Charity, Samsung Maestros Academy di Leo Burnett in Integrated Campaigns.

Tre gli argenti, andati a Another Place (Storie Zero Like Magic Wand), Publicis (Dacia Sponsor Day) e Saatchi & Saatchi (Dear Future Mom). Sette invece le nominations (i bronzi non esistono): due per Publicis, due per M&C Saatchi, una a testa per Saatchi, Another Place e Y&R. Questa la lista completa (PDF): ADCE WInners 2014_final list.

I risultati sono da considerare più che buoni, visto e considerato che il numero degli award consegnati è decisamente inferiore rispetto a Cannes, e ci confermano che il cervello italiano è vivo e vegeto. Certo, siamo molto lontani dai livelli della Germania ma del resto tutta la nostra economia e il nostro sistema lo sono, quindi non c’è da stupirsi granché.

Una nota a parte per il festival. Nell’anno di IF! anche l’ADC*E propone per la prima volta un suo festival. Ovvero non solo il tradizionale award ma un evento strutturato e completo. La prendiamo come l’ennesima conferma che lo spostamento da premifici a contenitori  e produttori di contenuti sia l’unica direzione per questo genere di associazioni.

Parentesi e sottovoce: a sentire le testimonianze dei nostri giurati, il loro festival è stato un buon esperimento ma decisamente meno riuscito del nostro. Pur augurando ai nostri partner europei tutto il meglio, concedeteci per una volta di gongolare un po’. Se poi ci mettiamo che, dopo aver inserito dei clienti all’interno delle nostre ultime giurie, Cannes annuncia che per la prima volta un presidente di giuria proverrà dal mondo delle aziende (leggi news qui e il nostro post in merito qui), ci viene da dire che forse siamo sulla strada giusta.

Anzi, forse dovremmo smetterla con la nostra tipica sindrome da follower e ricordarci che, da buon popolo di artisti, la creatività la conosciamo bene e, in quanto navigatori, le rotte le sappiamo tracciare anche noi.


Leave a reply

#ItaliansFestival | Day three_aftermath (e considerazioni conclusive)

#Invidiateci. Sì, invidiateci. Tanto. E che questa invidia sia durevole: minimo un anno, fino al prossimo IF! ; )

Eccoci. Mangiati, soddisfatti e riposati (ed anche nuovamente immersi nel day-by-day, certo), a raccontarvi l’ultimo giorno di IF! e magari chiudere con qualche bel pensiero. Anzi, aprire.

È stato un Festival denso, ricco, divertente oltre ogni aspettativa. Lo abbiamo vissuto sottopelle. Sostituire una conference call con uno spritz non ha prezzo. È stato un Festival che ha dato enorme spazio al contatto umano: gli ospiti erano prossimi al pubblico, il pubblico era partecipe, e tutto questo ha avuto un effetto di dialogo vivo, che ci ha restituito il respiro sconfinato del nostro mestiere e ha messo in ghiaccio gli automatismi operativi del quotidiano.
La cosa è addictive. Questo dovete saperlo. E per questo lo rifaremo. Fosse anche solo per questo, sì.

Flashback.
Sabato 4 ore 10: al Parenti si parte con la tavola rotonda dedicata alle strategie di comunicazione per Expo 2015 - ne esce un confronto interessante e per nulla scontato tra gli assessori Cristina Tajani e Filippo del Corno, Roberto Arditti, direttore delle relazioni istituzionali di Expo 2015 e il moderatore Massimo Russo, direttore di Wired Italia. Favoloso: si è discusso di Expo senza retorica, nonostante l’alta concentrazione di assessori, e i politici hanno parlato di digitale con cognizione di causa. What if…

Ancora, nel corso della mattinata, Jacopo Pasquini di Doctor Brand su UX e Usability come due fondamenti della strategia digitale spesso considerati accessori, poi Mark Tungate, direttore editoriale degli Epica Awards, con una selezione di campagne che ‘guardano oltre’, indicando la direzione verso la quale si stanno muovendo certi brand e agenzie creative, e verso cui dovremmo muoverci tutti, ché faremmo bene (lode per il suo humor nemmeno troppo inglese, by the way).

Il pomeriggio si apre con la case history poetica e delirante di Blue&Joy: tanta joy si respira nella sala A, grazie al loro raccontarsi totalmente dissacrante, specie quando affrontano il loro (mica breve) periodo blue. Ugualmente intensa, ma dai toni decisamente meditativi, la riflessione di Gianrico Carofiglio (il prossimo libro esce a novembre, ci ha detto!) sul potere delle metafore come atti e strutture concettuali che danno forma alla percezione della realtà e di noi stessi (i copy in sala in ascolto partecipe).
Intanto Christina Knight, in Sala Grande, si chiede perché tutti i grandi libri scritti da creativi siano stati scritti da uomini, dando poi conto del come e del perché ha deciso di rimediare con il suo Mad Women. Poi Walter Fontana sfoggia quella che per noi è la chart delle chart (è l’immagine sopra, in apertura), che vi dà giusto il polso del suo incredibile talk : )
E ancora Simon Whalley, che racconta del successo della cartoon series Toones, caso emblematico di branded (McLaren) entertainment.
Ospiti di IF! anche The Jackal, videomaker a 360, anzi 361°, felicemente schizofrenici, divisi come sono tra i lavori della loro casa di produzione e il successo su YouTube con Lost in Google, Gay ingenui e il cult Gli effetti di Gomorra sulla gente (deux fritures!).

Fa un po’ da warm up al gran finale la round table con Bruno Bertelli, Luca Scotto di Carlo e Sergio Rodriguez, che ci raccontano le atmosfere di giuria a Cannes (e qualche dritta su come (provare a) vincere qualcosa)).

È l’ora del gala di premiazione degli ADCI Awards 2014, condotto da Ylenia di Radio 105 e Cristiano Seganfreddo.
Maurizio D’Adda entra nella Hall of Fame dell’Adci (l’intervento di Luca Scotto di Carlo a raccontare MD’A, qui).
I “coni” vengono assegnati a tutte le categorie, ed è bello vedere molti under-30 sul palco.

Vicky Gitto con Luca Pannese e Luca Lorenzini, Saatchi & Saatchi Italia, Grand Prix Adci 2014

È notte. In quello stesso foyer che è stato la nostra agorà di questi giorni di Festival, i bassi del party finale (alla consolle Larry Gus, Giorgia Angiuli e gli 88 Bros, e poi live sound performance di Coco Soundscapes con Julia Kent, Josef Van Wissem e Fabrizio Palumbo) vengono sovrastati dai ping dei messaggi di Guastini, che lancia l’ultima (le ultime), fondamentali chiamate al voto per il Grand Prix – via mobile, i soci del Club assegnano il massimo riconoscimento a “Dear Future Mom” di Coordown, agenzia Saatchi & Saatchi Italia.
E vodka tonic sia. E musica. E orgogliosa soddisfazione. E un kebab alle 4 del mattino, anche.

Okay, è stato meraviglioso, e per questo non finisce qui. Allora sapete come lo chiudiamo questo primo episodio di IF #ItaliansFestival? Con un hashtag rubato al discorso di Boscacci, che ha aperto gli Award.
#rifacciamolo

Chiara Lanzafame (feat. Emanuele Soi)


1 Reply

Stay foolish, stay bruchi.

Ok, è andata bene. Tanta felicità e anche qualche sospiro di sollievo. Ora basta celebrazioni e ringraziamenti che se no ci montiamo la testa. Anche perché ora la responsabilità per l’anno prossimo è doppia, quindi c’è da fare poco i farfalloni e rimettersi subito al lavoro. Da questo consiglio di matti, gli ultimi ringraziamenti a tutti voi per la partecipazione, a tutti gli sponsor e i partner e a tutte le persone che ci hanno aiutato anche al di fuori del consiglio, troppe per nominarle.

Infine, un grazie a tutte le case di produzione che ci hanno regalato la serata di chiusura, che un festival senza festa sarebbe un controsenso:

Akita, Alto Verbano, Altamarea, Movie Magic, Mercurio, Think/Cattleya, 360FX, Bedeschifilm, The BOX, KappaKom, BRW Filmland, hFILMS, The Family, Karen Films, Blow Up, Indiana Production, Filmmaster Productions, The BIg Mama.