1 Risposta

Google & ADCI : Cannes to Cannes YouTube Ads Leaderboard 2014

Un brand poco conosciuto, fino a due anni fa. Un paese poco conosciuto creativamente, almeno fino ad ora.  Due testimonial che tutti conoscono.

Per raccontare la speciale classifica annuale stilata da Google in occasione dei Cannes Lions, abbiamo il piacere di ospitare un leone della creatività italiana: Mizio Ratti, direttore creativo e fondatore di Enfants Terribles (MIlano), nonché uno dei pochi direttori creativi esecutivi italiani che si divide fra atl e digital. È capo redattore di ebolaind l’app che raccoglie le migliori case histories di comunicazione al mondo. È stato consigliere ADCI finché ha avuto consigli da dare, ma da febbraio ha scelto il pop come filosofia di vita.

Bei tempi quelli in cui l’unica classifica che conoscevamo era quella del SuperTeleGattone di Tv Sorrisi e Canzoni. Oggi c’è una classifica per tutto, manca solo la classifica delle classifiche inutili. Forse.
Per fortuna quella che sto per commentare è una delle più interessanti in circolazione, almeno per chi fa questo mestiere. Vi spiego il perché.

Cannes to Cannes YouTube Ads Leaderboard mette in fila i 10 video pubblicitari più apprezzati, a livello mondiale, nel periodo che va da marzo 2013 ad aprile 2014. Cannes to Cannes, appunto.
È una classifica determinata dai comportamenti e dalle interazioni dell’utente, non si limita cioè a contare il numero delle visualizzazioni ma valuta tra le altre cose la percentuale tra visualizzazioni organiche e quelle a pagamento.

Un nerd digital direbbe che è la classifica più User Centered che esista, un creativo 1.0 che è quella che rispecchia più fedelmente i gusti dei nipoti della casalinga di Voghera, mentre io dico che è il tripudio del Pop, nel senso migliore del termine: in questo caso il giudizio di valore non viene espresso dagli addetti al settore, ma dal più vasto sentimento popolare. Studiare questa classifica significa scoprire i gusti delle persone, e interpretare le loro preferenze significa diventare comunicatori migliori (poi non dite che ve l’ho detto, eh).

Cornetto – Keyfi Yolunda, Aski Sonunda.
L’evidente dimostrazione che la globalizzazione non è ancora riuscita ad amalgamare i gusti delle 7 miliardi di persone che abitano questo peculiare mondo.
Per un italiano, infatti, è molto difficile spiegare il motivo per cui questo film turco abbia fatto più di 30 milioni di visualizzazioni (la maggior parte delle quali in Turchia), così come per un inglese è difficile capire il successo dei neomelodici in Italia. Questo film in realtà è un video musicale del famoso cantante (famoso sempre in Turchia, naturalmente) Yalin. A parte questo, è interessante scoprire che la Turchia quest’anno ha due film in questa classifica, il primo e il decimo, e che questo video è stato il quinto commercial più condiviso al mondo nei social network nel 2013 (quasi 3 milioni di condivisioni su Facebook e Twitter).

Save The Children – Most shocking second a day video.
Nei film sociali si utilizzano sempre i soliti paradigmi: o si prova a suscitare la compassione nelle persone oppure si cerca di traumatizzare lo spettatore. Questo è un raro e bell’esempio di come innescare un efficiente processo identificativo.

Google Zeltgeist – Here’s to 2013.
Il secondo video antologico del gruppo.
Un’idea semplice che funziona sempre.
Non rimane che godersi questo minuto e mezzo.

Pantene – Labels Against Women.
Dalle Filippine arriva questo film che affronta in maniera intelligente gli stereotipi di genere.
Da qualche anno a questa parte le multinazionali hanno iniziato a comunicare toccando i sentimenti reali delle persone. Ha iniziato Unilever con gli imperdibili film di Dove (l’anno scorso Dove “Sketches” era in testa a questa stessa classifica), ha proseguito P&G con capolavori come Thank you Mom”, fino ad arrivare a questo di Pantene.

Nike – Winner Stays.
Questo film spiega, nel migliore dei modi, perché quando a un creativo di Portland dici che c’è da fare un viral lui è disposto a ripudiare i figli pur di lavorarci, mentre a uno di Milano viene l’ulcera perché si vede con una Canon 5D al parco di Trenno. Nike merita un posto nel paradiso dei brand per tanti motivi, ma nello specifico perché è stato il primo ad aver capito l’importanza della produzione anche nei video veicolati nel web, il primo ad aver capito che gli utenti ormai sono abituati a un certo tipo di qualità di riprese e che i video finto rubati che fanno tanto viral piacciono solo agli uomini di marketing con dipendenza da Microsoft Excel. Nel 2010, in occasione dei mondiali in Sudafrica, Nike cambiò il suo approccio ai media lanciando il suo film “Write the Future” prima in rete e poi in televisione. Da allora sono cambiate le regole del gioco. “Winner Stays” è uno degli ormai numerosi epigoni di “Write the Future”: stessa super produzione, stessi super campioni, stessa super agenzia… a volerla dire tutta non è proprio super originale, ma il suo sporco mestiere lo fa ugualmente portando a casa oltre 78 milioni di visualizzazioni in meno di due mesi. C’è da considerare infatti che è il più recente fra quelli entrati in classifica. Peccato solo che Cannes to Cannes sia uscita adesso: sarebbero bastate un paio di settimane ancora per vedere tra questi dieci il vero blockbuster Nike di quest’anno, “The Last Game”, che in una sola settimana ha fatto già più di 44 milioni di visualizzazioni. Ma di certo lo ritroveremo in Cannes to Cannes 2015.

Budweiser – Puppy Love.
Nella classifica dei film più virali di tutti i tempi al SuperBowl, il brand con il maggior numero di film è Budweiser. Non stupisce quindi il fatto che Puppy Love sia l’unico reduce del SuperBowl XLVIII in questa classifica.
Se proprio vogliamo stupirci di qualcosa, semmai, è di quanto piaccia la retorica agli americani. Manca solo la bandiera stelle e strisce nell’inquadratura finale e poi c’è tutto.

Volvo Trucks – The Epic Split.
Un video a metà fra lo stunt e il commercial, che miscela alla perfezione gli ingredienti necessari per una comunicazione efficace: la performance del prodotto unita all’originalità e all’intrattenimento. Un film che una volta tanto concilia anche la critica e il pubblico. È infatti l’unico di questa classifica presente anche in Cannes 2014 Sweepstakes di Gunn Report. Traduzione: “Epic Split” farà molto bene anche questa settimana ai Cannes Lions. Nel frattempo, però, l’agenzia svedese Forsman & Bodenfors può godersi già alcuni incredibili risultati: è riuscita a resuscitare la carriera di Jean-Claude Van Damme, è riuscita a farci ascoltare Enya per un minuto e sedici secondi, è riuscita ad aumentare le vendite di Volvo Trucks in novembre del 31% (fonte Wall Street Journal). Inoltre Contagious scrive che con le sue 100 milioni di visualizzazioni in soli 38 giorni (73 milioni delle quali su Youtube), “Epic Split”  è diventato il film di automotive più virale di sempre, superando addirittura in viralità “The Force” di Volkswagen.

Wren – First Kiss.
Al terzo posto con quasi 85 milioni di visualizzazioni troviamo “First Kiss”. È un video che abbiamo incrociato sulle bacheca di tutti i nostri amici. Poi abbiamo scoperto che si trattava di un’operazione pubblicitaria, ma ha continuato a piacerci. Non mi viene in mente niente di sagace da scrivere a proposito di questo film, che significa che è davvero emozionante. Sicuramente il più emozionante dei dieci.

YouTube – YouTube Rewind: What does 2013 says?
Il primo dei due video antologici in classifica è quello di YouTube, e non c’è da stupirsi: se non lo sa YouTube cosa piace agli utenti di Youtube, allora chi lo sa? Ma l’interesse in questo caso viene catturato da due aspetti. Il primo è che un video del genere viene considerato pubblicitario dallo stesso YouTube, e quindi più che celebrativo bisogna considerarlo come un modo per stimolare gli utenti a caricare e vedere sempre più contenuti. Il secondo aspetto interessante sta nella scelta di non aver fatto un semplice montaggio dei video, ma di aver prodotto invece delle clip ispirate agli stessi. In sintesi, delle citazioni da indovinare. Anche i community manager dell’ultima ora possono capire che questa dinamica rappresenta un’ottima call to action, e infatti l’interazione ha funzionato: il numero dei commenti a questo video è dieci volte superiore a quello tutti gli altri.

Turkish Airlines – Kobe vs Messi.
Metti insieme due fra gli sportivi più noti al mondo, Kobe e Messi, aggiungi a questi il fenomeno sociologico degli ultimi due anni, il selfie. Risultato: quasi 138 milioni di visualizzazioni. Detta così sembra facile, anche perché agli ingredienti per la viralità mancano solo un paio di teneri gattini, ma non va sottovalutato il fatto che nel giro di soli due anni Turkish Airline è passato da essere sconosciuto ai più a uno dei brand più virali in assoluto. Sempre di Turkish Airline, infatti, è il secondo posto nella Cannes to Cannes dell’anno scorso con il film “Legends on board”, che ha rappresentato anche l’esordio di Kobe e Messi come ambassador (per chi se lo stesse chiedendo, ambassador vuol dire la stessa identica cosa di testimonial, ma ambassador fa molto più cool). A Turkish Airline va riconosciuto il merito di averci creduto ma soprattutto di aver fatto scelte coraggiose e intelligenti: dopo l’esperienza dell’anno scorso hanno scelto un’agenzia creativa di assoluta eccellenza, Crispin Porter + Bogusky, e hanno investito molto di più nella produzione. La differenza tra il secondo e il primo posto è tutta lì.

Per concludere, ecco alcune statistiche che renderanno felici i nostri affezionati lettori aspergeriani (ciao Gianni Lombardi, come stai?): ogni pubblicità presente in classifica dura almeno un minuto ma la durata media delle visualizzazioni delle 10 pubblicità è stata di un minuto e ventinove. Se ciò non bastasse, sappiate che le visualizzazioni totali di questi dieci film ammontano a 620 milioni per un totale di ben 924 milioni di minuti, che approsimativamente corrispondono all’età di Massimo Guastini.

Mizio Ratti


Lascia una risposta

Buon lunedì, le segnalazioni Claudia Neri 16_06_014

Twitter: @claudianeri

Il talento milanese dell’illustratrice Alessandra Scandella

Mark Porter, editorial designer inglese che ha progettato e rifatto importanti quotidiani e riviste.

Lo stile inconfondibile del noto scultore Javier Marin

L’attività trendsetting di Lia Rumma, riferimento italiano e internazionale per l’arte contemporanea


Lascia una risposta

Google & ADCI : YouTube Ads Leaderboard Italia (#ytali S1 E2/12)

Il supereroe, l’eroe quotidiano, un Diesel spompato, e Nike intanto piazza il double – Pressure Shapes Legends.

Il secondo episodio di #ytali lo commenta Federico Russo, direttore creativo di Metaphora – Alphaomega Group (Roma).

La classifica delle pubblicità più popolari su YouTube in Italia nel mese di aprile vede Nike leader indiscusso con ben due soggetti della stessa campagna Risk Everything. Seguono un filmato per Diesel, un film tailandese per Thai Life Insurance e quello che è diventato ormai un classico contemporaneo, uno spin-off della campagna Baby&me di Evian.

Spider-Man – The Amazing Baby & me 2
EvianBabies
Agenzia creativa: Betc Paris
Centro media: Mec

La campagna originale “Baby&me” con il suo primo soggetto ha vinto un Film Silver Lion e un Film Craft Silver Lion nel 2013 e toccato quasi quota 90 milioni di views su YouTube, 130 milioni su tutte le piattaforme secondo Filip Nilsson, il direttore creativo esecutivo dell’agenzia BETC Paris, autrice dello spot (fonte). Era inevitabile che uno spin-off raggiungesse immediatamente il successo virale. Stavolta il protagonista che vede se stesso da bambino riflesso su uno specchio è Peter Parker nei panni di Spider Man. Per la campagna sono state realizzate 5000 bottiglie da collezione e creatività sui social network Instagram, Twitter, Facebook e Pinterest con l’hashtag #evianSpiderMan.
La colonna sonora è “Here comes the Hotstepper – Evian remix”, di Yuksek, supervisionata da BETC Music dal direttore creativo Christophe Caurret. (fonte).
Il successo della campagna è cominciato nel 1998 con lo spot Water Babies ed è proseguito con Roller Babies nel 2009. Anche se, a quanto pare, non sempre il successo virale è sinonimo di successo commerciale. Probabilmente troppa popolarità non fa bene a un brand premium, come sostengono Business Insider e Daily Mail.

Unsung Hero
thailifechannel
Agenzia creativa: Ogilvy Bangkok
Centro media: Ogilvy

La pubblicità tailandese da una decina di anni a questa parte riserva delle belle sorprese ed è riuscita spesso ad imporsi a Cannes come una delle più all’avanguardia in termini creativi. Per rimanere in tema con lo spot in classifica, ricordiamo ad esempio la campagna di Bangkok Insurance, che ha vinto il Gold Lion for the Campaign 2006, regia del visionario Thanonchai Sornsriwichai.
Recentemente la creatività tailandese, quanto meno quella che in questo periodo è più virale, ha dato una sterzata creativa in tutt’altra direzione, facendo dello storytelling il suo cavallo di battaglia. Ecco quindi un prodotto creativo ben confezionato da Ogilvy Bangkok – regia sempre di Thanonchai Sornsriwichai – che ci racconta la storia di un ragazzo che aiuta gli altri con generosità senza aspettarsi nulla in cambio, se non per il piacere di fare del bene. Un eroe non celebrato, come recita il titolo “Unsung Hero”. Per chi ama il genere, consigliamo la visione di un’altra campagna tailandese bella e strappalacrime per Wacoal “My Beautiful Woman”.
La creatività tailandese resterà comunque nella nostra memoria per spot di tutt’altro genere. Qui una bella, esaustiva e spassosissima selezione.

A-Z of Dance
DieselPlanet
Agenzia creativa: Diesel + i-D Diesel

Siamo distanti anni luce dal linguaggio pubblicitario che, con autoironia e intelligenza, nel corso degli anni ’90 ha accompagnato Diesel al successo planetario, facendone il brand di abbigliamento più all’avanguardia al mondo in termini di creatività.
L’ultimo capitolo della Diesel di un tempo è stato la campagna Be Stupid, che ha chiuso un ciclo nel 2010. Si è aperto un nuovo corso che in questo commercial “A-Z Dance” vede protagonista un mondo di “coolness” più competitivo e che si prende forse troppo sul serio – “troppo” in relazione a come il brand ci aveva abituato – mostrando una serie dei balli più in voga del momento, dal krumping al twerking, dalla rumba al bangra. Ogni stile si riferisce a una lettera dell’alfabeto, reiterando il concetto che il modo in cui il corpo si muove rappresenta un linguaggio e uno strumento per esprimere se stessi. Ovviamente tutti i protagonisti indossano i nuovi Jogg jeans Diesel, probabilmente il jeans più confortevole mai realizzato dal brand italiano.
Il video è stato creato grazie a una collaborazione i-D/Diesel e diretto da Jacob Sutton, è ambientato a Los Angeles e vede protagoniste alcune star della pop dance: Nicole ‘The Pole’ Williams, Levanna McLean e il Twerk Team Atlanta, Mizz Twerksum e Lady Luscious. La campagna è stata pensata anche in chiave crowdsourcing e invita gli appassionati del genere a caricare i propri video con le proprie performance sulle piattaforme social – usando gli hashtag #joggjeans e #iDdance – per diventare le star dei nuovi video.
La campagna non emerge in termini di innovazione: c’è un precedente illustre del brand Puma, con il progetto Puma Dance Dictionary. Lo stile disincantato, magico ed esilarante della Diesel di un tempo fa sentire la propria mancanza e dà la percezione di un brand che ha drasticamente cambiato il proprio DNA per percorrere strade già battute e linguaggi già esplorati.

Risk Everything. Cristiano Ronaldo, Neymar Jr. & Wayne Rooney
NikeFootball
Agenzia creativa: Wieden+Kennedy Portland
Centro media: Mindshare

La campagna Write The Future già nel 2010, in occasione del mondiale in Sud Africa, introduceva in comunicazione il lato psicologico delle star del calcio che, nei momenti decisivi della loro carriera – come i mondiali – si trovano a combattere con la paura di non riuscire ad attendere ed a superare le aspettative. Risk Everything è una variazione sul tema e ci mostra Cristiano Ronaldo, Neymar Jr. e Wayne Rooney nei momenti che precedono la loro discesa in campo.
Uno speaker sportivo pone delle questioni: riuscirà Wayne Rooney a fare il suo primo goal in un mondiale? Può Neymar diventare una leggenda con il numero 10? È all’altezza di questa maglia così importante? Chi altri se non Ronaldo può trascinare il Portogallo alla vittoria? Domande che pesano come macigni sulla psiche dei giocatori che però proprio sull’incertezza e sul rischio hanno costruito la loro carriera e il loro successo. Come recita il copy “Pressure Shapes Legends”, le leggende prendono forma nei momenti decisivi. A differenza di “Write The Future”, in questo spot la comunicazione Nike non è spiritosa e si presenta più cupa e intimista. Un tono che è stato stemperato nel prosieguo della campagna con “Winner Stays”, che trovate di seguito, in prima posizione.
La regia stavolta è di una stella nel firmamento del mondo pubblicitario: Jonathan Glazer, che da quasi vent’anni ci delizia con i suoi capolavori. In molti ricorderanno i suoi spot entrati nella storia, tra questi segnaliamo Nike Guerrilla Tennis, l’insuperabile Guinness Surfer, Levi’s Strauss Odissey e Sony Bravia Paint. Ma la lista è parziale e non è esaustiva. Quest’anno quasi sicuramente lo vedremo ancora protagonista a Cannes sia con il commercial Nike di cui sopra, che con il bellissimo Audi “The Ring”.

Winner Stays. ft. Ronaldo, Neymar Jr., Rooney, Ibrahimović, Iniesta & more
NikeFootball
Agenzia creativa: Wieden+Kennedy Portland
Centro media: Mindshare

La comunicazione di Nike Football si fa sempre più spettacolare, forte quest’anno della creatività di Wieden+Kennedy Portland, gli autori, fra le altre, della campagna Nike – Find Your Greatness, pluripremiata a Cannes 2013 (Jogger è probabilmente il soggetto più interessante della campagna). La regia di Ringan Ledwidge, il regista con cui ogni creativo vorrebbe lavorare*, ci porta in un campo di calcio di periferia dove due squadre di amici si affrontano in un match via via sempre più spettacolare. L’immaginazione dei ragazzi che sognano di essere le loro star preferite del calcio si tramuta in realtà: mentre giocano, i ragazzi si trasformano in Cristiano Ronaldo, Neymar Jr., Wayne Rooney, Zlatan Ibrahimović, Gerard Piqué, Gonzalo Higuaín, Mario Götze, Andrés Iniesta, David Luiz, Tim HowardEden Hazard e Thiago Silva, nel massimo della loro forma fisica e della loro capacità di fare i trick calcistici più incredibili. Nel sogno torna un pezzo di realtà nel momento finale del rigore decisivo: Cristiano Ronaldo viene letteralmente scansato da uno dei ragazzini che vuole prendersi l’onere del tiro che può riportare la partita in parità. Il ragazzo segna e avvalora con il suo gesto il claim finale: Risk Everything, perché nel calcio, come nella vita, se non sai prenderti le tue responsabilità e non sei disposto a correre dei rischi, non vai da nessuna parte.
La campagna si pone in continuità con la creatività di “My Time Is Now” di Wieden+Kennedy London, spot vincitore lo scorso anno di un Cannes Silver Lion nella categoria Film, e con quella di “Write The Future” di Wieden+Kennedy Amsterdam, vincitore del Cannes Film Grand Prix 2011.

*Ringan Ledwidge è il regista di alcune campagne passate alla storia, come Three Little Pigs di The Guardian/Grand Clio 2013, Puma After Hours / Film Craft Grand Prix Winner 2011, e Lynx Getting Dressed / Cannes Gold Lion 2004 solo per citarne alcuni.

Federico Russo

***
Ricordiamo che la classifica #ytali non si limita alle view assolute, bensì viene determinata da Google utilizzando alcuni dei segnali di gradimento più significativi espressi dagli utenti su YouTube tra cui: il numero di visualizzazioni nel nostro Paese, la percentuale di visualizzazione di ciascuna pubblicità e il rapporto tra visualizzazioni organiche e visualizzazioni a pagamento.


1 Risposta

Lavorare gratis NON è una buona opportunità.

Antonella Meoli, copywriter e consulente strategica, condivide sulla Adci-List un’esperienza ormai quotidiana per migliaia di creativi italiani. Il caso è paradigmatico. Pasquale Barbella lo riprende sul suo blog. E noi con lui. Perché con la creatività ci mangiamo (e lo diciamo da tempo).

Questo pomeriggio, parliamo di noi.

Sostiene Antonella: «Fare il copy è la mia professione, non il mio hobby. […] La differenza tra un dilettante e un professionista è proprio questa: il professionista non lavora a tempo perso, si fa pagare.»

Rimarca Barbella: «Esigere gratis la merce, il servizio e il sudore altrui è un paradosso: mina la logica dello scambio utile tra le parti e non ha precedenti nemmeno nella preistoria (io ti dò la carne secca e tu mi dai il sale).»

Annotava Guastini: «Fare lavorare gratis le persone non è bello. Ha anche effetti negativi che non credo debba spiegare. Forse la nostra Costituzione avrebbe dovuto essere più esplicita nel primo articolo. “L’Italia è una repubblica fondata sul lavoro remunerato”.»

A me ha sempre fatto pensare a Divide et impera. Per questo è fondamentale saper dire di no. Tutti insieme. Sempre.

Ma questo è lo spazio di Antonella, che ringraziamo per il coraggio di autorizzarci a pubblicare integralmente – perché ce ne vuole, e lo sapete: sta rischiando il cliente.

La speranza resta che facciamo girare, che non smettiamo di parlare, che non ne abbiamo mai abbastanza di denunciare.

Casi in cui lavorare gratis si è rivelato effettiva-mente un buon modo per conquistare il cliente.

eMail : [Adci-List] | 30 maggio 2014 | h11:25

Lavoro come freelance e, tra i miei clienti, c’è un’importante azienda.

Collaboro piuttosto bene con diversi product manager.

Uno, a differenza degli altri, ha però l’abitudine di mettere in gara (non retribuita) ogni lavoro, anche minimo. 

Si tratta di lavori così banali che vincere o perdere la gara dipende più dal caso che dalla qualità delle proposte.

Immagino infatti che tutti i contendenti siano in grado di dare risposte analoghe.

Ho espresso delle perplessità in merito.

Il product manager in questione mi risponde, stupito, che pensava che coinvolgermi in queste gare fosse per me una «buona opportunità», ma che se mi creava disagi «lavorare gratis», si sarebbe comportato di conseguenza.

Nonostante questo sia per me un cliente importante, ho risposto:

«Lavorare gratis non mi crea disagi, mi crea perdite. Fare il copy è la mia professione, non il mio hobby. Lo faccio con passione, ma l’obiettivo non è sentirmi bene invece che a disagio. L’obiettivo è guadagnare un onesto e doveroso compenso. La differenza tra un dilettante e un professionista è proprio questa: il professionista non lavora a tempo perso, si fa pagare.

Lavorare gratis NON è una buona opportunità.

Lavorare gratis ripetutamente per ottenere, al massimo, il giusto compenso solo su uno dei lavori fatti ogni 4 o 5, non è un investimento: è un’inutile perdita di tempo. Tu lavoreresti se sapessi che l’azienda ti paga un mese ogni 5 con la motivazione che gli altri 4 mesi sono intervenuti dei cambiamenti che hanno vanificato il tuo lavoro? Chi comprerebbe mai dei biglietti di una lotteria se il massimo della vincita fosse il rimborso del biglietto acquistato?»

Probabilmente perderò il cliente e, francamente, non potrei permettermelo.

Ma se tutti i miei colleghi fossero altrettanto fermi nel rifiutare proposte indecenti o, peggio, non offrissero la loro disponibilità a gareggiare gratis perché è comunque «una buona opportunità», ne guadagneremmo tutti. Perlomeno in dignità.

Antonella Meoli


Lascia una risposta

Una bella scommessa (vinta in partenza)

Può una persona non vedente dalla nascita lavorare come copywriter con un art director che crea immagini? Quali le immagini mentali che si sovrapporranno a quelle reali? Le agenzie saranno disposte a questa nuova esperienza? La storia di Greta.

Due anni fa è arrivata in Accademia di Comunicazione Greta, una ragazza non vedente, che aveva una grande passione: scrivere per la pubblicità.
Non ci sono mai state esperienze simili, perlomeno in Italia, e ci siamo posti la domanda: come farà una persona non vedente dalla nascita a lavorare come copywriter con un art director che crea immagini?
Quali le immagini mentali che si sovrapporranno a quelle reali? E se anche tutto questo potesse avvenire, le agenzie di pubblicità saranno disposte a questa nuova esperienza Troverà lavoro nella pubblicità?
Abbiamo chiesto ad alcuni Direttori Creativi nostri ex studenti: qualcuno ha detto NO ma qualcun altro ha detto SÌ.

E abbiamo dato inizio all’esperienza.

Sono passati due anni, Greta ha fatto un ottimo lavoro e ora è pronta a iniziare in agenzia.

E in Agenzia andrà: è stata presa in stage in FCB Milan da Fabio Teodori, creative director, e da Nicola Rovetta, cosicché tra pochi giorni inizierà a lavorare.

Le abbiamo chiesto di raccontare la sua storia perché altri giovani non vedenti potessero avere un’ulteriore possibilità di lavoro futuro, perché tutti quanti potessero condividere con noi questa grande vittoria!

E la meraviglia di questa storia è stata la sua “non storia”.

“Mi è stato chiesto di riassumere la mia esperienza in Accademia. Dovrei scrivere un piccolo racconto, qualcosa che stupisca, magari con dettagli che solo un cieco può percepire. Ma è questo il punto. Io non ho niente da dire. Ci ho anche provato a scrivere la storia…

Se non ci credete, dopo vi mando l’inizio. Tuttavia, per quanto mi sia sforzata, non ho trovato nulla che valesse la pena annotare. Ho vissuto questi due anni come i miei compagni. Mi sono mangiata le unghie per l’ansia da consegna, ho passato i pomeriggi a litigare sulle virgole, e non so quanti soldi ho speso ai distributori di caffè. Certo, ho avuto qualche difficoltà. Ho incontrato persone che non volevano lavorare con me e gente che non ha mai pensato di descrivermi un video. Ma ho conosciuto anche dei compagni fantastici degli insegnanti curiosi e disponibili. Insomma, per me è stata un’esperienza normale. Ed è proprio per questo che anche altri non vedenti potrebbero farla. Si parla sempre d’integrazione, degli effetti speciali che un disabile può aggiungere allo show. Ma la verità è che sei davvero integrato soltanto quando non hai niente da dire”.


Lascia una risposta

Google & ADCI : YouTube Ads Leaderboard Italia (#ytali S1 E1/12)

La guerra, lo smartphone, la Play, il calcio e un’idea sexy per la cura della nomofobia – YouTube killed the tv ads.

ADCI inaugura una partnership con Google Italia. Bel colpo, no? ; )
Per il nostro blog, contenuti freschi e spunti di riflessione. In primis, questa video-chart mensile che mette in fila i primi 5 YouTube ads in Italia. Questa chart ci dà il polso, lo stato dell’arte, l’indice di gradimento del lavoro nostro e dei nostri colleghi, calcolato da Google (il primo search engine del mondo, ma che ve lo dico a fare?) sugli algoritmi del… secondo motore di ricerca dopo Google (#sapevatelo).
Video ads in salsa top-chart: un classico della generazione MTV, che da oggi fa coppia di fatto con i contenuti della maggiore piattaforma di condivisione video attualmente sul web – se poi YouTube, in quanto ecosistema, non sia anche già la maggiore piattaforma di condivisione e fruizione di cultura (quantomeno nella sua versione fast-food e certamente nella sua accezione più ampia) per la nostra società video-onnivora, e dunque uno dei media preferibili anche per raccontare storie di brand che vogliano andare oltre il tradizionale commercial, magari è una riflessione che lasciamo ai vostri commenti.

E dunque sia: YouTube Ads Leaderboard Italia, Stagione 1, Episodio 1/12.
Cinque video diversissimi sono stati in vetta alla classifica delle pubblicità più popolari su YouTube, in Italia, nel mese di marzo.

Apre la classifica, al quinto posto, il video di Durex per la Earth Hour 2014. È suggestivo, ironico da sorrisetto traverso, e insieme fastidiosamente “vero”. È tra una seduta di autoanalisi indiretta (non so se esiste, ma ci sta: vedere per credere) e un percorso di redenzione dalla psicopatologia più diffusa del West (dell’Occidente, okay), la nomofobia. Che non è la paura del nòmos, ovvero della legge, ma più prosaicamente del no-mobile: restare disconnessi, trovarci senza smartphone, genera panico in più della metà di noi; questo è.
Associato a #TurnOffToTurnOn, un hashtag di bel grip, che oggi è l’unico vero modo di far funzionare in modalità integrata una call-to-action, il clip Durex (creato da TMW London) propone una soluzione decisamente sexy, in linea con la propria… mission.
Inter nos: guardate il video e sappiatemi dire – tutta la storia può sembrare una soluzione “di sponda” per arrivare infine a quest’oretta di consapevolezza ambientale con la luce spenta, tuttavia, in fondo, rispetta alla perfezione gli assi cartesiani di ogni campagna digital-based che si rispetti: engagement+utility. #TurnOffToTurnOn è una soluzione coinvolgente per trascorrere in modo utile (e green) la nostra Earth Hour.
Ah, visto che siamo su YouTube e la domanda nei commenti è sempre quella: la soundtrack è I can’t help myself di Fiona O’Kane.

Al quarto posto, un classico spot pubblicitario dedicato a Magista, le nuove scarpette di Nike che promettono di rivoluzionare il gioco del calcio grazie a un look mai visto prima e innovazioni tecnologiche hi-end.
Naturalmente, da questo clip, via YouTube Related Videos, si apre un mondo di video di taglio decisamente più web, destinato a crescere via via che le scarpette saranno diffuse sul mercato – dal focus/testimonianza del Nike Football Design Director Denis Dekovic sul nuovo paradigma introdotto con le Magista, al quasi minuto e mezzo di testimonianza-wow! della stella del Bayern Monaco FC (e della Nazionale tedesca) Mario Götze.
In tutta franchezza, le scarpette sono effettivamente rivoluzionarie (ove la bellezza è negli occhi di chi guarda – ndr), mentre il format e soprattutto gli stilemi Nike sono assolutamente l’opposto: sempre, distintamente, identitariamente se stessi. D’altronde, è qualche tempo che sentiamo dire che Content Is King” (il primo è stato Bill, nel 1996), quindi nessuno stupore se il colosso di Beaverton, Oregon sceglie la trasparenza relativa di una cornice “a giorno” per garantire massima rilevanza al prodotto, no?

Presenta i sacri crismi del viral il video al terzo posto in classifica (#statesereni, per stavolta no spoiler). È il primo di tre episodi in cui i ragazzi di The Pills raccontano la loro molto, molto peculiare Playstation experience, insieme al nuovo coinquilino/testimonial Alessandro Florenzi, nella vita (e nel clip) ottimo calciatore della AS Roma. Finale garantito.
The Pills
è un collettivo di autori comici romani i cui video, già cult su YouTube, sono sbarcati in tv, con la webserie omonima trasmessa prima da La3 e poi (seconda stagione) da Italia1.

Lo sperimentiamo ogni giorno, anzi ogni minuto: il sovraccarico d’informazione ha fatalmente generato una nuova specie di supporti informativi, il cui medium d’elezione è il video.
Non sorprende dunque che il secondo classificato sia un clip piuttosto didascalico di quasi 4 minuti, che illustra passo per passo le caratteristiche e le funzioni del Galaxy s5, il nuovo smartphone di casa SamsungDi fatto, si tratta di un bel depliant declinato in video: è molto chiaro, e sfrutta al meglio (lo testimonia la posizione in classifica) il plus di risultare molto più immediato e facilmente fruibile, ergo comunicativamente efficace, del suo cugino cartaceo. That’s it, se vi pare poco!

Il primo posto lo conquista (con merito, IMHO) il drammatico video della campagna “If Britain Was Like Syria” a sostegno della raccolta fondi di Save the Children UK.
Invece di mostrare le solite immagini di bambini annientati, in Paesi ormai devastati da anni di conflitti (in Siria sono 3 anni – ndr), immagini tanto toccanti quanto “distanti” dall’immediato quotidiano di un’audience occidentale che occorre tuttavia sensibilizzare, l’agenzia londinese Don’t Panic sceglie un approccio distopico e, direi, mobile-first (leggi: esperienziale). Il clip, montato con una tecnica à la “1 second everyday” (fortunatissima mobile app fondata su Kickstarter nel 2012) che regala una prospettiva first-person e dunque un impatto emozionale diretto, forte, mostra come sarebbe la non-vita dei bambini britannici (o dei nostri) se una guerra coinvolgesse direttamente il loro Paese. Un pugno nello stomaco, che ti mette al tappeto con logica aristotelica: Just because it isn’t happening here | doesn’t mean it isn’t happening.

Google ci informa che la classifica è stata determinata utilizzando alcuni dei segnali di gradimento più significativi espressi dagli utenti su YouTube tra cui: il numero di visualizzazioni nel nostro Paese, la percentuale di visualizzazione di ciascuna pubblicità e il rapporto tra visualizzazioni organiche e visualizzazioni a pagamento.

Commentate, socializzate, followate che vi passa – Alla prossima YouTube Ads Leaderboard Italia (per gli #amici: #ytali)!


Lascia una risposta

ADCI Awards: ultima extension 12 maggio

In via eccezionale, tenuto conto dei due “ponti” consecutivi in prossimità della precedente deadline, è stata fissata l’ultima deadline degli ADCI Awards, con scadenza al 12 maggio 2014.

Ricordiamo che possono partecipare tutti i lavori che siano stati pubblicati nel periodo che va dal 1° marzo 2013 al 28 febbraio 2014, che non è necessario essere soci ADCI per partecipare, ma è necessario che i progetti siano approvati dal committente e pianificati su mezzi coerenti con il target e con gli obiettivi di comunicazione (tranne per la categoria R&D).
Per ulteriori informazioni, potete scaricare la Call for Entries qui.

Per l’iscrizione dei lavori invece l’indirizzo è questo.


Lascia una risposta

ADCI Awards: nuova deadline 24 aprile

Avendo ricevuto numerose richieste di spostare oltre la deadline degli ADCI Awards, abbiamo fissato la nuova scadenza al 24 aprile 2014.
Auspichiamo che questo possa agevolare le agenzie a definire le Case History e iscrivere i progetti.

Ricordiamo che possono partecipare tutti i lavori che siano stati pubblicati nel periodo che va dal 1° marzo 2013 al 28 febbraio 2014, che non è necessario essere soci ADCI per partecipare, ma è necessario che i progetti siano approvati dal committente e pianificati su mezzi coerenti con il target e con gli obiettivi di comunicazione (tranne per la categoria R&D).

 

Per ulteriori informazioni, potete scaricare la Call for Entries qui.

Per l’iscrizione dei lavori invece l’indirizzo è questo.


Lascia una risposta

Posticipata la deadline degli ADCI Awards

Abbiamo accolto la richiesta che ci è arrivata da parte di diverse agenzie di posticipare la scadenza e quindi prorogato la data di deadline degli ADCI Awards.

CFE 2014Affrettatevi comunque a definire le Case Histories e iscrivere i progetti perché, per questioni tecniche e di calendario, il 15 aprile rappresenterà la scadenza definitiva. Ricordiamo che possono partecipare tutti i lavori che siano stati pubblicati nel periodo che va dal 1° marzo 2013 al 28 febbraio 2014, che non è necessario essere soci ADCI per partecipare ma è invece necessario che i progetti siano approvati dal committente e pianificati su mezzi coerenti con il target e con gli obiettivi di comunicazione (tranne per la categoria R&D). 

Per ulteriori informazioni, potete scaricare la Call for Entries qui.

Per l’iscrizione dei lavori invece l’indirizzo è questo.


Lascia una risposta

Aperte le iscrizioni agli ADCI Awards con un Call for Entries su modello internazionale

Prima novità del nuovo corso dell’Art Directors Club, un nuovo call for entries che detta le regole di iscrizione per il più importante riconoscimento creativo italiano, ancora più attuale rispetto a quello delle scorse edizioni.

CFE 2014Nelle parole del vicepresidente Davide Boscacci: “un rinnovamento del regolamento e delle categorie era già stato iniziato dal precedente consiglio, noi ci siamo limitati a portarlo a compimento nell’ottica di una maggiore uniformazione rispetto agli standard e alle categorie dei festival internazionali, riorganizzando alcune categorie e inserendone altre ormai imprescindibili nella comunicazione di oggi”.

Tra le novità più significative, la comparsa delle categorie Direct e Pr, e la riorganizzazione delle categorie Digital e Outdoor. Semplificate anche le modalità di iscrizione della categoria Integrated.

Nulla cambia nella composizione delle giurie, affidate ai presidenti delle singole sezioni, scelti tra i migliori creativi italiani e nominati dal presidente dell’award. Quest’ultimo, come già comunicato, sarà per la seconda volta Vicky Gitto (Executive Vice President-Group Executive Creative Director Young & Rubicam Group).

Ricordiamo che il premio sarà inserito all’interno del Festival della creatività cui il consiglio sta lavorando.

È possibile scaricare il regolamento sul sito adci.it. Possono essere iscritti lavori andati on air entro il 28 febbraio 2014, apertura iscrizione il 7 marzo e termine ultimo dell’iscrizione il 31 marzo.

Per chiarimenti rivolgetevi via mail a info@adci.it o via telefono a 02 6555943