1 Reply

Abbiamo vinto i Creativepool Awards e abbiamo deciso che ci meritavamo un’autointervista.

 

Il 29 marzo scorso si sono tenuti a Londra i Creativepool Awards. Con due shortlist in saccoccia, ho pensato che fosse il momento buono per andare a trovare il mio art di una vita, Andrea Foresi, e vedere se Shoreditch era ancora figa o se il fulcro del presobenismo si fosse ineluttabilmente spostato a Hackney.

Pur non essendo riuscito a decretare un vincitore nella diatriba di cui sopra, il mio viaggio non è stato poi del tutto infruttuoso, grazie ai due ori che ci siamo portati a casa quella sera nelle categorie Direct Mail e Music Composition.

La fregatura però era dietro l’angolo. Con l’open bar non adeguatamente compensato da stuzzichini (ancora con sta storia che eating is cheating… inglese, fattene una ragione, se bevi devi magnà), i morsi della fame e l’allettante prospettiva di una cena al turco di Shadwell, infatti, ci siamo persi il momento delle interviste al party.

Per questo abbiamo pensato che un’autointervista potesse risolvere l’impasse e quindi eccola.

Ale:
Andrea, complimenti. Hai un taglio di capelli davvero giovane. Ma adesso parlaci un po’ di com’è andata. Che progetti abbiamo presentato?

Andrea:
Intanto complimenti anche a te per la tua igiene personale. I progetti con cui abbiamo vinto sono due declinazioni secondo me molto intelligenti di due idee che ci frullavano nella testa da un po’.

Ale:
A noi che l’abbiamo creata, One More Bravo ha fatto sorridere molto. Raccontala un po’ anche a chi ci legge.

Andrea:
È semplice. Volevamo farci un po’ di sana autopromozione e cercavamo un modo per attirare l’attenzione dei direttori creativi londinesi, che giustamente ci sembravano più interessati ai premi che non a conoscere nuovi creativi. Allora abbiamo fatto l’unica cosa possibile: ci siamo spacciati per Adweek e abbiamo detto loro che avevano vinto un premio, noi. La cosa divertente è stata giocare sull’insight più vecchio del mondo dell’advertising: i pubblicitari sono dei gran vanitosi e, in quanto tali, non riusciranno mai a dire di no a un premio in più. Il tasso di risposte alle nostre email e conversione in colloqui è stato infatti altissimo, con nostra enorme soddisfazione.

Ale:

E invece Musician Mind-Reading? Leggere le onde cerebrali di un quartetto d’archi mentre suonava una polifonia complessissima: figata!

Andrea:
Sì, è uno dei progetti a cui siamo più affezionati. Lo abbiamo realizzato nel tempo libero, assieme a un gruppo di colleghi e amici di Wunderman UK – anche se il progetto è assolutamente indie, senza il supporto di nessuna agenzia – perché ci credevamo tanto. In pratica abbiamo registrato in presa diretta l’attività cerebrale di questi musicisti mentre suonavano e abbiamo convertito i segnali ricevuti in dati CVS, che ci hanno permesso di visualizzare – letteralmente – pensieri ed emozioni dei musicisti all’opera. E il tutto ci è costato solo 75£, il prezzo del caschetto per leggere e onde cerebrali.

Ale:
L’hai detto prima, si tratta di progetti del tutto indipendenti. Una bella soddisfazione vincere contro agenzie e network internazionali, no?

Andrea:
Sì, siamo saliti sul palco assieme a giganti come AKQA, AMVBBDO, Y&R… e noi eravamo lì solo come Andrea Foresi e Ale Miasi. Fa piacere vedere le proprie idee premiate, soprattutto se la concorrenza è di così alto livello.

Ale:
Un due a zero fuori casa che da italiani fa ancora più piacere, no?

Andrea:
Senz’altro. Siamo entrambi molto orgogliosi di questo risultato, soprattutto perché dimostra, ancora una volta, che la creatività made in Italy non ha nulla da invidiare al resto del mondo. Ed è una cosa che il nostro Paese dimostra ogni giorno, basta vedere la valanga di progetti mega che sono usciti negli ultimi mesi e che non mi sorprenderei di vedere trionfare a qualche festival in giro per il mondo, magari legato al mondo dei grandi felini, tanto per non fare nomi.

Ale:
Senti, ma tu hai idea di come si chiuda in maniera corretta un’intervista?

Andrea:
No.

Ale:
Eh, nemmeno io.


Leave a reply

DMA Italia annuncia la Giuria dei DMA Awards Italia 2017

DMA Italia è lieta di annunciare la formazione della giuria dell’edizione 2017 dei DMA Awards Italia, le cui Call for Entry sono aperte. Patrocinatori ADCI e AssoCom. 

Fabio Paracchini, executive creative director a DigitasLBi Italy e socio ADCI, è il nuovo presidente di giuria di questo premio che ha al suo centro la misurabilità dei risultati e il direct & data driven marketing.

La giuria è così composta:

Carla Leveratto, creative director di Gruppo Roncaglia e socia ADCI; Cristina Ziliani docente di Database and Internet Marketing e di International Branding and Retailing presso l’Università di Parma; Daniela Radice, executive creative director presso J. Walter Thompson Milan; Davide Boscacci, group creative director di Leo Burnett, socio ADCI e consigliere AssoCom; Enrico Meacci, VP strategy di Alkemy; Marco Rosso, CEO di DM Group e past president DMA Italia; Marzia Curone, partner Relata, rappresentante di Assocom e madrina del premio Freccia D’Oro; Mirco Pagano, creative director di Integer Italy  presso TBWA\Italia  e socio ADCI; Nicola Rovetta, direttore creativo di Golin e socio ADCI; Raffella Lebano, paid content marketing manager, Corriere della Sera; Rossella Ferrara, digital strategy & innovation director presso The Big Now; Sergio Mandelli, digital marketing e customer engagement manager Europe di Eni – divisione retail gas e luce; Sergio Müller, Creative and Planning Director di A-Tono e socio ADCI.

Il Presidente di giuria ha così commentato il lavoro che ha portato a questo panel di esperti:
I DMA Awards hanno una sorta di missione implicita che mi affascina molto: far interagire nel migliore dei modi l’emisfero sinistro e quello destro del cervello collettivo del nostro settore. Ragione e sentimento, insomma. Per comporre la giuria di quest’anno mi sono messo alla ricerca di persone che rispondessero a due requisiti. Il primo era che provenissero da ambiti molto diversi: agenzie indipendenti, network internazionali, una multinazionale dell’energia, un grande quotidiano, università, altre strutture in velocissima crescita che non si definiscono nemmeno più agenzie. L’altro requisito era che tutti i giurati fossero persone che – una volta di fronte ai lavori iscritti – avessero un punto di vista unico e interessante proprio riguardo a quell’interazione tra ragione e sentimento, tra emisfero sinistro e destro. Credo di averle trovate.

La giuria valuterà le 10 categorie in gara ai DMA Awards Italia: Automotive, Business and Consumer Services, Energy and Utilities, Business and Consumer Products, Insurance and Financial Products and Services, Not-for-Profit, Publishing / Entertainment / Media, Retail and Direct Sale, Technologies and Communications, Transportation & Hospitality / Travel.

A discrezione dei giurati sarà l’assegnazione dei premi speciali.

Si ricorda che le Call for Entry sono aperte e che l’unico requisito è avere realizzato campagne costruite sui dati tra il 1 ottobre 2015 e il 30 giugno 2017. Le campagne potranno essere presentate entro il 18 aprile 2017 e la deadline dell’Early Bird è l’8 aprile.


Leave a reply

Sabato 25 marzo alle ore 10 – Assemblea Soci


Cari Soci,

vi aspettiamo domani alle 10,00 per l’Assemblea Generale del Club presso la Scuola del Design del Politecnico di Milano – Edificio B2 – Aula 1.1, ingresso da Via Giuseppe Candiani, 72, oppure da Via Schiaffino 20158 – Milano.

Prevediamo Live Streaming salvo imprevisti – Il link verrà comunicato via mail + gruppo riservato ai Soci su Facebook sabato mattina.

NOTA BENE:
Chi non avesse ancora rinnovato ricordi di farlo in tempo utile prima dell’Assemblea Soci per poter partecipare alla stessa, versando la propria quota* tramite bonifico bancario:

Banca Prossima, Milano
Iban: IT19V0335901600100000119579 
BIC/SWIFT:  BCITITMX (Solo per l’estero)
Causale: Quota Socio 2017 Nome – Cognome

 


Leave a reply

DMA Italia annuncia i vincitori del Contest Under30

DMA Italia annuncia i vincitori del Contest Under 30, il contest promosso da DMA, dell’Association for Direct and Data Driven Marketing per realizzare la campagna di comunicazione dei DMA Awards Italia 2017, il più prestigioso riconoscimento nazionale riservato a Data-Driven Marketing, CRM e Programmatic Advertising.

A giudicare i lavori presentati, una giuria d’eccellenza composta da: Fabio Paracchini, Executive Creative Director, DigitasLBi Italy, Marco Rosso, Presidente DM Group e Past President DMA Italia, Sergio Muller, Creative and planning director at A-Tono, Carla Leveratto, Creative director di Gruppo Roncaglia e Marzia Curone, Partner Relata.

Giovanni Torraco, Art Director presso Doing e Fabio Dalla Venezia, Copywriter di Geometry Global formano la coppia copy + art vincente che volerà a New Orleans per partecipare all’evento annuale della DMA americana: &Then.

I secondi arrivati sono sotto l’ala di H2H, Ilaria Grieco e Luca De Marchi. Per Relata il terzo posto, con una campagna presentata dalle più giovani creative in gara: Veronica Barbaglia e Nicole Liguori.

Questa vittoria rispecchia lo spirito di collaborazione tra i soci DMA Italia e ADCI: è un successo che a rappresentare i DMA Awards Italia 2017 sia stata la partecipazione di due ragazzi provenienti da agenzie differenti, che spontaneamente hanno deciso di collaborare e aderire a questa sfida. Giovanni Torraco ha partecipato grazie alla sponsorizzazione ADCI, mentre Fabio Dalla Venezia ha concorso grazie agli associati DMA, in quanto Geometry Global è nel network Ogilvy.

Il Contest è l’esternalizzazione di un progetto più ampio di DMA Italia, che si impegna concretamente nel mettere a disposizione strumenti per l’accrescimento del know how in un settore che si sta evolvendo velocemente. In questa occasione il focus è sulla crescita dei giovani creativi, che grazie alla formazione offerta con la partecipazione a &Then costruiranno del valore aggiunto per loro stessi e nelle agenzie in cui lavorano. 


Leave a reply

Buon lunedì, le segnalazioni di Claudia Neri 20_03_017

twitter: @claudianeri

Base in Italia ma sguardo sul mondo, la fotografia di Clara Vannucci

Da Utrecht, Olanda, Merel van der Berg, l’art director dei progetti editoriali targati COS

Tra fotografia e yoga, le immagini di Michael James Wong di base in Australia.

Le immagini e i video di Nora Heinisch giovane artista concettuale tedesca


Leave a reply

Assemblea Soci Ordinaria 2017

Il Consiglio Direttivo dell’Art Directors Club Italiano convoca, a norma di Statuto, l’Assemblea Ordinaria dei Soci per il giorno 24 marzo 2017 alle ore 6:00 in prima convocazione e alle ore 10:00 del giorno 25 marzo 2017 in seconda convocazione presso la Scuola del Design del Politecnico di Milano – Edificio B2 – Aula 1.1, ingresso da Via Giuseppe Candiani, 72, oppure da Via Schiaffino 20158 – Milano, per discutere e deliberare sul seguente:

ORDINE DEL GIORNO:

  • 10:00 – 10:30 Welcome Coffee
  • 10:30 – 11:30 Presentazione dei nuovi consiglieri Nicola Rovetta e Luca Pedrani | Resoconto attività svolte nel 2016 e previsioni attività 2017 | Presentazione, discussione e votazione bilancio 2016
  • 11:30 – 12:00 Presentazione risultati della Survey X-RAY4US (Human Highway)
  • 12:00 – 12:30 “ADCI – Prospettiva di un’evoluzione” (Marco Lombardi)

Per chi arriva in auto: si parcheggia comodamente fuori dal campus, in particolare in Via Schiaffino e in Via Durando.

Per chi arriva con i mezzi pubblici: con il Passante ferroviario (linea S1 – S2 – S3 – S4 – S13 – MXP) fermata Bovisa | Bus 92 (direzione Bovisa) Fermata Via Durando Via Cosenz | Tram 2 Fermata Bausan (capolinea).

NOTA BENE: 
Ricordiamo che per partecipare e votare occorre essere socio regolarmente iscritto 2017.
La quota associativa può essere pagata tramite bonifico:
Banca Prossima, Milano.
Iban: IT19V0335901600100000119579
causale: Quota Socio NN-2017 – Nome Cognome


Leave a reply

Nicola Rovetta e Luca Pedrani nuovi consiglieri del club

Siamo lieti annunciare la nomina all’interno del Consiglio Direttivo del Club di Nicola Rovetta – Direttore Creativo di Golin – e di Luca Pedrani – Senior Copywriter in H-ART / AKQA Italy – quest’ultimo con specifica delega sui giovani creativi. Pedrani e Rovetta si uniranno agli altri membri del Consiglio in sostituzione di Matteo Maggiore e Mauro Manieri impegnati in nuove e importanti occasioni professionali. 

Vicky Gitto: “Sono felice che Nicola e Luca abbiano accolto con passione ed entusiasmo l’invito a partecipare mettendo le proprie idee e le proprie forze a disposizione del Club. Dall’inizio di questo mandato abbiamo già fatto molto per far evolvere l’immagine del Club e della professione sul mercato ma tanto ancora resta da fare e in questo senso sono convinto che i nuovi consiglieri sapranno rafforzare il lavoro del team con nuove proposte e progetti. Ringrazio molto Matteo e Mauro per le energie messe a disposizione; sono sicuro che continueranno a contribuire al lavoro del nuovo Consiglio per cui il supporto di tutti i soci è fondamentale per portare il Club verso il futuro”.


Leave a reply

Ultima chiamata per New Orleans al gate 5

Tutti sanno che 5 è un numero dispari, primo, difettivo, pentatopico, congruente e idoneo. Molti sanno anche che 5 è un numero di Fermat, di Catalan, di Eisenstein e di Perrin. Pochi invece sanno che 5 è il numero delle coppie creative che l’ADCI anche quest’anno iscriverà a “The Call for the Call for Entry”, il contest promosso da DMA per realizzare la campagna di comunicazione dei DMA Awards Italia 2017, il più prestigioso riconoscimento nazionale riservato a Data-Driven Marketing, CRM e Programmatic Advertising.

La partnership tra DMA e ADCI si rinnova quindi all’insegna della continuità, offrendo anche quest’anno ai vincitori due biglietti per la DMA Global Conference, in programma in Autunno a New Orleans. Un’occasione da non perdere.

Chi può partecipare?
Il contest è aperto ai creativi delle agenzie associate alla DMA, ma come detto possono iscriversi fino a 5 coppie creative (anche miste) provenienti da agenzie non associate, purché entrambi i componenti siano soci ADCI under 30 (nati cioè dopo il 28 Febbraio 1987).

Come ci si iscrive?
È sufficiente mandare un’email a info@adci.it con oggetto ISCRIZIONE DMA 2017, indicando nomi, date di nascita e agenzie di appartenenza. Il club verificherà il rispetto dei requisiti e invierà alle coppie idonee un’email di conferma con le istruzioni per completare l’iscrizione. I posti saranno assegnati in ordine di iscrizione, quindi: sbrigatevi a fare check in!

Quando è la deadline?
I progetti dovranno essere inviati entro il 19 Marzo.

Qual è il tema?
I numeri, se usati bene, illuminano la creatività. Per questo nella produzione dei materiali cartacei sarà indispensabile utilizzare un “quinto colore”, scegliendo tra Bianco, Trasparente e Giallo Neon. Il brief completo è disponibile qui.

Buon viaggio!


Leave a reply

Buon lunedì, le segnalazioni di Claudia Neri 06_03_017

twitter: @claudianeri

La forza dei reportage di Luca Locatelli

Dal Messico, Estudio Menta, graphic designer di sicuro talento.

Da Montreal, le illustrazioni di Jerome Mireault

Di base a New York ma attiva in tutto il mondo Glenna Gordon, fotografa