Condividi:

Shortlist Giovani Leoni (stampa & affissioni)

In coda alla shortlist completa della sezione press&poster, Giovani Leoni, trovate la riflessione che Davide Rossi ha postato tra i commenti. Ricordo che Davide Rossi, attualmente direttore creativo associato in Ogilvy a Shanghai, è il socio che ha aiutato il consiglio direttivo Adci a realizzare la nuova formula del concorso riservato agli under 29.

secondo classificato Giulio Frittaion e Massimo Paternoster (Saatchi&Saatchi)

terzo classificato Andrea Fumagalli e Matteo Lazzarini (Young&Rubicam Milano)

quarto classificato Alessandro Agnellini e Davide Iacono Cassarino(Young&Rubicam Milano)

quinto classificato Giulio Bordonaro e Gabriele Caeti

Commenta Davide Rossi:

Vorrei uscire un attimo dalla questione plagio/non plagio per smorzare un po’ i toni e per dire una cosa che dai commenti non sembra essere stata colta.

Ossia comprendere che questa competizione non equivale al professionismo creativo.

Mi spiego: chi vince i giovani leoni non è detto che sia il miglior giovane professionista/creativo sulla piazza. Come chi perde non è detto che sia un incompetente. Il lavoro vero è un altro, le campagne si fanno (si dovrebbero fare per lo meno) in più tempo, in più media, con più possibilità di espressione, affidandosi a fotografi, illustratori, postproduttori ecc. ecc.

Questa è una cosa a parte, una specialità, quella di brief veloce con pochi mezzi. La stessa che c’è a Cannes. Spulciando i lavori dei giovani leoni a Cannes, dubito fortemente che se valutati dalle giurie degli altri leoni possano ambire a qualche premio (anche shortlist). Perché anche a Cannes è una cosa a parte.
Quindi chi vince i giovani leoni può ritenersi il migliore nel svolgere un brief in 24 ore con mezzi limitati. Quello sì.

Non è la cartina tornasole dei bravi/cattivi giovani professionisti tanto/poco creativi. Certo è una bella soddisfazione e vanto per chi vince. Un’occasione. Ma io la vedo, come un momento di libertà dal pantano in cui ci troviamo.

L’anno prossimo in molti avrete un’altra possibilità.

Nei commenti c’è chi difende e c’è chi attacca. Perché definire il giusto e sbagliato è abbastanza relativo, come lo è il giudizio di tutte le giurie al mondo. Magari con un altra giuria non avrebbe vinto, ma la giuria era questa e penso che fossero consapevoli sia della campagna portoghese sia delle altre, e abbiano espresso la loro valutazione in base anche a quello.

Ma tutto questo ormai è passato. Mi piace il parallelismo con Byron Moreno, dopo 4 anni abbiamo vinto il mondiale e tutto è cancellato. Fate lo stesso.

Per chi grida vendetta mi pare che possano ritenersi ormai soddisfatti. Tutti ormai sappiamo di questa somiglianza. E penso che i vincitori (perché quello rimangono) non se la stiano vivendo benissimo, o di sicuro non come si immaginavano.

Quindi io direi di voltare pagina sulla questione.

Ringrazio invece chi esprime considerazioni, critiche e suggerimenti sull’organizzazione dell’evento e della competizione. Siamo sicuri che le prossime edizioni saranno migliori di queste, stiamo già studiando aggiunte al regolamento e miglioramenti sul sito da proporre per l’anno prossimo. Se avete qualche suggerimento (niente flame su vincitori, giurie e robe del genere) mandatelo pure a me drossi79@gmail.com oppure, come al solito, telefonate all’infaticabile consigliere Mizio Ratti :)

  • Livio Basoli

    Possiamo aggiungere i credits delle stampe? Sennò che Shortlist è?

  • http://kttbblog.splinder.com/ Massimo Guastini

    Sono d’accordo con te. Ho chiesto tre volte i nomi a Sipra. L’ultima 5 minuti fa. Appena me li mandano, se me li mandano, li inserisco. Se volete darmi una mano e dimostrare cosa sia la velocità oggi, datemeli voi ;)
    Grazie
    m.

  • http://spegnetelapubblicita.wordpress.com Flavia

    Il quinto classificato è il mio preferito. Complimenti a chi l’ha fatto.

    • Gabriele Caeti

      Grazie Flavia :P

    • Matteo Chiani

      Anche a me piace moltissimo, complimenti.

    • Federica

      il quinto è l’unico che sia degno di nota e di shortlist. il secondo classificato è la prima idea che è venuta in mente a tutti e che tutti (tranne i secondi classificati) hanno ben pensato di eliminare. non c’è innovazione in nessuna proposta.

  • Gabriele Caeti

    Ciao Massimo:

    Terzo Classificato
    Copy: Matteo Lazzarini
    Art: Andrea Fumagalli

    Quarto Classificato
    Copy: Davide Iacono
    Art: Alessandro Agnellini

    Quinto Classificato
    Copy: Gabriele Caeti
    Art: Giulio Bordonaro

    Il secondo, bo? :)

    • Alessandro Izzillo

      La coppia terza classificata è davvero lodevole.
      A mio avviso meritavano di più. E’ quello il vero annuncio da Cannes.
      idea e sintesi, proprio quello che servirà al Palais.
      Bravò Andrea, bravò Matteo.

      Alessandro Izzillo

  • Stella

    Ciao Massimo,
    ma prima o poi da qualche parte sarà possibile vederle tutte?

    • http://kttbblog.splinder.com/ Massimo Guastini

      sì, Stella. Anche in questo caso aspetto il file da Sipra. Ciao
      m.

  • Max

    Anche la terza secondo me è meritevole, oltre alla quinta.
    Complimenti.

    ps: si aspettano tutte le altre in gara, così, giusto per curiosità.

  • Matteo

    Al di là dei discorsi sul plagio, vorrei segnalare una irregolarità oggettiva. La campagna che si è classificata al secondo posto (George Clooney) va chiaramente contro al regolamento che imponeva l’utilizzo di sole immagini royalty free di Getty Images. La foto in questione non si trova su getty, e anche qualora ci fosse stata non sarebbe assolutamente stata una royalty free.
    Questo non cambia assolutamente nulla, ma è sicuramente ingiusto nei confronti di chi invece ha rispettato le regolo e soprattutto dice molto su una giuria che, prima di giudicare i lavori, non ha speso nemmeno 2 minuti a leggersi le 4 righe in croce di regolamento.

    • http://kttbblog.splinder.com/ Massimo Guastini

      Il regolamento diceva che possono (non “DEVONO”) essere usate foto Getty. Era un aiuto. Non un obbligo.
      Questo dubbio è venuto ad altre coppie. In molti hanno chiesto e ricevuto risposte. Anche quelli che hanno telefonato di notte all’infaticabile consigliere Ratti.

    • Matteo

      No Massimo. Il regolamento indicava Getty Images come fonte per l’utilizzo di banca immagini (Royalty free) e specificava che altrimenti si sarebbero potute usare foto, illustrazioni o altro realizzato in prima persona o di cui comunque si POSSEDESSERO I DIRITTI DI UTILIZZO.
      Quindi devo desumere che la campagna utilizzi un’immagine presa da google (basta cercare “clooney kid”) di cui non è ragionevole pensare che gli autori avessero diritto di utilizzo.
      Sempre che i ragazzi non fossero amici di infanzia di George Clooney che gli hanno scattato una foto e ottenendo poi da lui il diritto di usarla. Ma facendo due conti, allora, sarebbero stati fuori limite di età per partecipare.

    • Simone

      Se è per questo anche la quinta proposta sarebbe fuori regolamento visto che si doveva ideare una monosoggetto, e quella è una domination che prevede molte pagine stampa. Ma forse sono problemi meno gravi rispetto il dubbio che ha attanagliato l’annuncio “vincente”.

    • Federica

      quoto simone. confermo la preferenza per la 5, ma è fuori regolamento.

    • Gabriele Caeti

      C’è scritto chiaramente non multisoggetto, e quella non è una multisoggetto ma un’unica idea creativa che per vivere ha bisogno di ampio respiro.

      Sarebbe stata multisoggetto se ogni pagina avesse avuto una valenza “Singola” e quindi autoesplicativa.
      Allora la doppia pagina è una multisoggetto? :)

    • Simone

      Di solito una monosoggetto può vivere da sola, su una pagina stampa, senza il supporto di altri pezzi. Io ammiro la vostra idea, e come ho sottolineato è un problema minore, di “cavilli” se vogliamo, certo che però non è un annuncio one-shot nel senso stretto del termine. E comunque molto meglio qualcosa di leggermente fuori brieg che qualcosa che fa pensare al “già visto e rivisto” ;)

      Complimenti anche a voi da parte mia :)

    • Laughable T

      Claro, ma bisognava possedere i diritti sull’utilizzo di un’immagine.
      O sbaglio?

    • Federica

      Diciamo pure che il regolamento aveva qualche falla qua e là, e alla luce dei vari giudizi la tua motivazione è valida. Però sappiamo che spiegare tutto in una singola o doppia che sia, è più difficile che farlo tramite una pianificazione a più pagine.
      Detto questo, meritavate molto più di un quinto posto. Bravi.

    • Federica

      ovviamente mi riferivo al post di Gabriele ;)

    • Gabriele Caeti

      sì! Ma infatti non ha senso fare polemiche in generale, rigore è quando arbitro fischia :)

    • marika

      Tu invece il regolamento lo hai letto e non lo hai neppure capito.
      E magari fai anche il copy…

    • Matteo

      La mia risposta a Guastini, vale anche per te.
      E anche la risposta che ha appena dato Davide Rossi, qua sotto.
      Quindi, ti consiglierei di essere meno astiosa, ragazza.

    • marika

      Matteo, se nel regolamento non si scrive “solo” oppure “esclusivamente” riferito all’utilizzo di immagini, si può usare qualunque foto. Senza astio. Solo magna cum laude in giurisprudenza.

      ps: in ogni caso occorre il testo del regolamento per giudicare con serenità.

    • Matteo

      Sì, ma c’è scritto: “si possono usare immagini royalty free di getty images O illustrazioni/foto/altro DI CUI SI POSSIEDONO I DIRITTI DI UTILIZZO.

      Dobbiamo andare avanti ancora molto?

    • francesco

      ragazzi fatela tacere.
      Again.
      ;)

    • Davide Rossi

      Purtroppo, prendendomi la ma parte di responsabilità, non ho previsto questo problema ed il regolamento era abbastanza fumoso a riguardo di copyright e personaggi famosi.

      Massimo dici bene, ma da regolamento si POTEVANO usare le immagini di getty ma come alternativa di immagini o illustrazioni di cui i diritti erano dei partecipanti. A mio parere la critica in questo caso è fondata, perché altrimenti non sarebbe stato nemmeno necessario coinvolgere Getty, ma sarebbe stato valido tutto.

      Ma purtroppo il regolamento lascia aperti spirargli che verranno chiusi al più presto. Grazie.

    • marika

      Perché non posti il regoalmento? Così facciamo una valutazione oggettiva, anche squisitamente giuridica.

    • Davide Rossi
    • Matteo

      Questo non è il regolamento completo. Quello completo lo si otteneva solo dopo l’autenticazione e l’accesso ai brief.

    • marika

      “Per la realizzazione delle campagne potranno essere utilizzate immagini fornite gratuitamente da Getty Images, partner del Premio per l’edizione 2012, utilizzando un account e una password fornita dalla segreteria organizzativa dopo la fase di iscrizione. L’accesso alla sezione dedicata sul sito di Getty Images sarà attiva dalle ore 09.00 di sabato 17 marzo, fino alle ore 08.59 di lunedi 19 marzo. ”

      In base a questo regolamento, quell’annuncio non fa una piega. E i giurati presumo che avessero questo tra le mani, non potevano averne un altro. A meno che non partecipassero alla competition : )

    • Ricky

      Quindi Marika, seguendo il tuo ragionamento, chi ha partecipato al contest avrebbe dovuto dire “Caspita ci è appena stato dato un regolamento molto più specifico: sarà il caso di ignorarlo e rifarci a quello generico e fumoso che c’è sulla homepage del sito!”
      Chi era il tuo relatore di laurea, l’avvocato Ghedini?

    • http://www.nicolovolanti.com/ Nicolò

      Solo per sdrammatizzare e citare un gran pezzo di storia della pubblicità ;)
      http://www.youtube.com/watch?v=FRh2IDFmbgU

    • marika

      Giusto per farsi due risate.
      Ma come si fanno ad avere i diritti di immagini usate per fare un lay out? In 24 ore? E senza un euro?
      Ma a Shangaii prima di fare un lay out comprate la foto?
      Davide, Davide…che mi combini…

    • Davide Rossi

      Fai la foto tu stesso.

    • Davide Rossi

      O l’illustrazione tu stesso.

    • marika

      @ricky
      No professor Previti. Io dico che secondo me l’altro regolamento più specifico non ce l’avevano proprio altrimenti l’avrebbero letto, spero. Ed è comunque grave che un insieme di regole si amplii in una sezione dedicata SOLO ai partecipanti al concorso. E’ un vizio formale determinante.
      Bisognava aggiungere delle postille, degli allegati. SI fa spesso con le leggi e i regolamenti. Almeno Ghedini questo mi ha insegnato.

    • marika

      @Davide.

      Quindi voi non potete usare personaggi famosi per i vostri lay out. La censura in Cina è arrivata a questo?

    • worno

      ma tu chi sei? perché parli? cosa ci fai qui? perché difendi a spada tratta cose che non conosci? e soprattutto: perché un avvocato è sul blog dell’adci?

    • Davide Rossi

      Marika, non continuare con domande prive di senso.
      Cosa centrano i layout? Questi non sono layout sono opere che vengono poi diffuse su siti internet come questo o su facebook o dove vuoi te. E quindi (paradossalmente) se al signor Clooney gli girano i coglioni e si chiede “Perchè Amico Charly (logo ben visibile) sta usando la mia immagine da ragazzetto senza avermi chiesto il permesso?” nessuno gli vieta di sguinzagliare gli avvocati. E sai cosa fa Amico Charly, sbologna tutto a Sipra, che sbologna tutto agli autori che non hanno seguito un regolamento.
      Quindi lo so che è paradossale e non succederà mai (anche perché sono onlus tra l’altro) ma, teoricamente parlando, gli autori potrebbero incorrere in problemi con il signor Clooney.

      E la stessa cosa succederebbe utilizzando fotografie (anche un albero) di altri fotografi.

      Quindi te lo ripeto: per regolamento si potevano usare o le immagini di getty, o immagini di cui si posseggono i diritti che vuol dire averle fatte tu stessa (vai fuori e ti fotografi l’albero).

      I layout non centrano nulla, la Cina ancora meno.

    • Gianna

      …e si scoprì che uno degli autori della campagna era il figlio segreto di George Clooney che aveva ottenuto dal padre l’orrida foto a patto che la usasse per uno scopo meritorio….va figlio mio e fatti valere nel mondo….

    • marika

      @davide

      Ammetterai che per un concorso che premia l’immaginazione, quel regolamento pone un limite molto grande. Sempre secondo me.
      Per il resto, se questo fosse un mondo giusto, a Cannes ci andrebbe la terza classificata. Ma Socraticamente parlando…(il motto lo conoscete tutti, no?)

    • Davide Rossi

      Un limite c’è. Ma sarebbe più grave incorrere in cause per diritti d’autore o altro.

      Poi non è detto che non si possano usare personaggi famosi, si può benissimo fare un’illustrazione, un disegno, un collage (non di foto), una scultura di pongo. Se non ne siete capaci, pensate ad altro. Come detto, qui non si vogliono e non si possono ricreare le condizioni “professionali”. Questa è un ‘altra cosa.

      Comunque il prossimo anno sta cosa sarà chiara e limpida sin dal principio.

    • Laughable T

      L’argomento è stato sollevato proprio il giorno della competizione e proprio su questo blog…nel commento a questo post http://blog.adci.it/?p=2563

      “Riguardo al copyright POTETE ma non siete obbligati, usare le foro ROYALTY FREE messe a disposizione da GettyImages, quello che non trovate non potete usarlo.
      MA POTETE usare foto, illustrazioni, sculture, architetture, opere d’arti, sinfonie ecc. ecc. di cui possedete i diritti, in soldoni che avete fatto o farete voi stessi.

      Per quanto riguarda rappresentare personaggi famosi, non penso si siano problemi sempre che siano vostre opere, quindi illustrazioni o altro.
      NON POTETE USARE foto trovate su google, flickr, o altri siti di stock images.”

      Scritto proprio da Davide Rossi.

  • Benni Priolisi

    Condivido in pieno il pensiero di Davide Rossi.
    E aggiungo: tutti meritevoli di attenzione per lo sforzo nella velocità.
    Keep rockin’, young guns!
    :)

  • http://www.nicolovolanti.com/ Nicolò

    La terza e la quinta proposta meritano.
    Bravi ragazzi.

  • Simone

    Vado contro corrente, ma secondo me chi meritava davvero erano i ragazzi di Saatchi. Una campagna con l’insight giusto, una bella realizzazione, e soprattutto un messaggio positivo. Complimenti da parte mia!

  • Quasicopy

    Carina la seconda, molto bella la quinta. Idea semplice, d’effetto, creativa. Ci piace.

  • http://scrittorefreelance.blogspot.com/ Gianni Lombardi

    Per quel che riguarda critiche e polemiche: le critiche servono per crescere e chi ha gestito i Giovani Leoni quest’anno ne terrà sicuramente conto l’anno prossimo.

    Per quel che riguarda i dogmatismi pro e contro faccio notare che i commenti sono divisi, con persone intelligenti e competenti da entrambe le parti.

    Evitiamo quindi i toni da lotta del bene contro il male.

  • mattia

    la più bella per me è la quarta. magari senza la foto della ragazza e con il copy più grande (‘che altrimenti manco se lo leggono).
    la seconda e la quinta a cannes sarebbero state eliminate?

  • mente logica

    Complimenti ai creativi di tutte le campagne in shortlist.
    Non condivido il primo posto perché trovo più interessante e giusto a questo punto il meccanismo usato dal quarto classificato, ma ovviamente è un parere.

    • Mah

      La quarta è la migliore sia per meccanismo (non del tutto nuovo ma mai usato in una stampa) sia perchè dice una cosa vera. Il problema è l’art direction che fa davvero pena. Bisognava confezionarla meglio.

  • BOB

    Ragazzi non c’è molto da dire sulla competizione di quest’anno, bello il meccanismo ma regolamento scritto male e poca serietà nel giudizio:
    • la campagna vincitrice sfrutta un meccanismo visto e rivisto più volte. Nonostante ben rigirata per il concetto, era da non prendere in considerazione.
    • la seconda è fuori regolamento, usa img prese da internet, quindi non utilizzabili.
    • la quarta, per quanto il meccanismo sia stato ben sfruttato, è un’idea gia fatta più volte. Quindi non era da prendere in considerazione.
    • la quinta è una multisoggetto, quindi fuori regolamento.
    • Infine se il brief è “far conoscere a tutti cos’è l’amico charly, soprattutto per poter anche essere finanziata come onlus”, vorrei dire che in 3 campagne su 5 non è presente neanche il sito internet.

    Forse era più da fare una cosa “studentesca” e non per “professionisti”.

    • Mah

      Bob, mi sa che sei un po’ troppo assolutista. Inserire il sito non è una discriminante, se non avessero nominato l’associazione sarebbe stato un altro paio di maniche.
      Poi trovami per favore il meccanismo della quarta idea in pubblicità.

  • fuoribrief

    marika, ma ti hanno mai detto che sei davvero simpatica? no? e te credo!
    brava eh, ma della tua laurea con lode non ce ne impippa una fava.

    ora vorrei dire una cosa più tecnica: la numero 5 ha sfruttato una tecnica vista e stravista, quella di voltare pagina e scoprire qualcosa, ma l’ha fatto secondo me in modo personale e pertinente. al contrario dei vincitori.
    anticipo quanti mi daranno dell’invidioso. sì sono una persona di merda, un rancoroso che se la prende per nulla, un figlio di puttana che la metterebbe nel culo a chiunque pur di fare carriera, mi scaccolo in ufficio mentre non sono visto, non alzo la tavoletta del cesso e ho un portfolio che fa cagare.

  • Fabio

    Ma solo io ricordo che in questo post http://blog.adci.it/?p=2563 ad un certo punto il sabato pomeriggio è stato scritto: POTETE USARE FOTO ROYALTY FREE DI GETTY OPPURE FOTO DI CUI POSSEDETE I DIRITT (IN PRATICA FATTE DA VOI)
    NON POTETE USARE FOTO DI ALTRE BANCHE IMMAGINI.

    com’è che oggi è scomparsa?

    Vabbé magra figura dell’ADCI.

  • Fabio

    Davide Rossi on 17 marzo 2012 at 17:11 said:
    Faccio un update nei commenti (massimo ci devi pensare te ad aggiornarlo che non ho i diritti sui post altrui)

    Sembrerebbe che caricando le soluzioni sul sito ufficiale compaia un form che dia la possibilità di caricare più soggetti per il brief stampa. E’ un errore del form. Per la stampa bisogna presentare UN SOLO SOGGETTO. Come scritto nel brief.

    Le richieste sui formati dei file sono scritte nel REGOLAMENTO. Per quanto riguarda la categoria DESIGN sentitevi liberi di impaginare tutto quello che viene richiesto come volete, meglio se un file solo comunque, per non sovraccaricare tutto.

    Riguardo al copyright POTETE ma non siete obbligati, usare le foro ROYALTY FREE messe a disposizione da GettyImages, quello che non trovate non potete usarlo.
    MA POTETE usare foto, illustrazioni, sculture, architetture, opere d’arti, sinfonie ecc. ecc. di cui possedete i diritti, in soldoni che avete fatto o farete voi stessi.

    Per quanto riguarda rappresentare personaggi famosi, non penso si siano problemi sempre che siano vostre opere, quindi illustrazioni o altro.
    NON POTETE USARE foto trovate su google, flickr, o altri siti di stock images.

    • http://scrittorefreelance.blogspot.com/ Gianni Lombardi

      C’è un’ulteriore possibilità, non contemplata esplicitamente dal regolamento, ma che potrebbe legittimare l’uso della foto di George Clooney bambino: la foto potrebbe essere di pubblico dominio (e il fatto che il regolamento non contempli o escluda l’uso di immagini di pubblico dominio potrebbe essere considerato un errore del regolamento).

      Se la foto in questione fosse stata pubblicata da innumerevoli testate giornalistiche, online e fuori, questa foto, almeno in alcune giurisdizioni, sarebbe – o potrebbe essere considerata – di pubblico dominio.

      Quando Repubblica nella sua campagna “Repubblica sveglia l’Italia” utilizzò una foto di Bettino Craxi semi-addormentato a un convegno ci furono delle questioni, ma mi pare che il giudice decise che la foto era di pubblico dominio perché pubblicata da numerosi giornali precedentemente alla campagna.

      Altro esempio: molte foto di Marylin Monroe sono così diffuse e utilizzate dappertutto perché sono di pubblico dominio, questo perché, successivamente alla morte dell’attrice nessun erede si preoccupò di tutelarne i diritti (e forse anche per questo Marylin Monroe è diventata un’icona del cinema e della pop art).

      Tutto questo per dire che la questione dei diritti di quella foto NON può essere decisa dogmaticamente nel commento di un blog. :-)

    • Fabio

      ? Ma davvero? Ci si arrampica vagamente sugli specchi. Ma per favore|

    • Fabio

      E poi se DAVIDE ROSSI scrive:

      “Riguardo al copyright POTETE ma non siete obbligati, usare le foro ROYALTY FREE messe a disposizione da GettyImages, quello che non trovate non potete usarlo.
      MA POTETE usare foto, illustrazioni, sculture, architetture, opere d’arti, sinfonie ecc. ecc. di cui possedete i diritti, in soldoni che avete fatto o farete voi stessi.
      Per quanto riguarda rappresentare personaggi famosi, non penso si siano problemi sempre che siano vostre opere, quindi illustrazioni o altro.NON POTETE USARE foto trovate su google, flickr, o altri siti di stock images.”

      Se premiate la seconda siete scorretti, voglio dire: magari la stessa idea è venuta ad altri che hanno deciso di attenersi alle regole e magari sono stati penalizzati da ciò. Non credi Gianni? O pensi che la creatività sia rompere gli schemi e le regole?

    • http://scrittorefreelance.blogspot.com/ Gianni Lombardi

      Fabio:

      1. Io non facevo parte delle giurie. L’interpretazione autentica delle motivazioni delle giurie possono dartele solo i giurati.

      2. Io ho specificato, senza arrampicarmi su nessuno specchio ma citando due casistiche reali, che la questione del copyright di quella foto è molto più ampia e complessa di come la descrivi tu, e anche di quanto previsto dal regolamento.

      3. Il regolamento NON prevede la casistica di immagini “public domain”, categoria alla quale la foto di George Clooney _potrebbe_ appartenere (e secondo me è molto probabile che sia public domain, perché io l’avevo già vista più volte).
      Questo significa che la decisione in merito è un po’ più complessa di un processo sommario via commenti su un blog. Significa anche che quella foto (forse) esce da tutte le casistiche previste dal regolamento e dall’interpretazione di Davide Rossi.

      4. I pareri personali (il mio, il tuo e anche quello di Davide Rossi nel commento che citi continuamente) possono essere autorevoli, ma non hanno potere di “sentenza”: né il mio né il tuo.

      Quella di Davide Rossi è un’autorevole interpretazione del regolamento, ma anche questa non ha valore di “sentenza” definitiva, anche perché comunque non era stato previsto il caso del public domain.

  • Simone

    Faccio una premessa: l’annuncio in questione è in assoluto il mio preferito.

    C’è un però. Da regolamento non avrebbe potuto vincere, o quanto meno entrare in short-list.
    Ora è inutile tentare di dare giustificazioni, millantando eventuali ipotesi non coperte dal regolamento.
    Il regolamento era sufficientemente chiaro riguardo a come reperire le immagini utili per comporre il lay-out finale.
    Questo svirgolare tra corsi e ricorsi storici, senza poi trovare la controprova che il caso in questione si rispecchia nel passato è al limite di sfidare l’intelligenza di chi legge. Avete pensato che magari qualcuno di meno smaliziato abbia avuto la stessa idea, ma si sia posto giustamente come limite le regole da voi dettate?
    Usare i condizionali per interpretare un regolamento non fa altro che rimarcare quanta piccola Italia esiste ancora nei nostri meccanismi di giudizio.

    Sarebbe stato molto, ma molto più bello, ammettere candidamente che il regolamento non è stato applicato alla lettera vista la bellezza del lavoro. Altrimenti quello che ai nostri occhi sembra non è nient’altro che questo: http://www.youtube.com/watch?v=0x4EQcHE8ug . Soltanto sembrate un po’ meno teneri :)

    • http://scrittorefreelance.blogspot.com/ Gianni Lombardi

      Ti rimando a questo: http://blog.adci.it/?p=2813#comment-2417

      Il mio punto è che quelli che emettono dogmaticamente la sentenza “la foto di George Clooney NON si poteva usare” sbagliano, esattamente come quelli che emettono dogmaticamente la sentenza opposta.

      Si tratta di un caso particolare e di difficile decisione che evidenza il fatto che il regolamento (erroneamente secondo me) non aveva previsto la casistica di foto “public domain” (e infatti con grande intelligenza e disponibilità anche Davide Rossi conferma questo fatto).

      Si tratta quindi di prendere nota per fare meglio l’anno prossimo.

  • Davide Rossi

    E’ già stato ammesso che il problema copyright non era stato previsto. Sul regolamento è accennato, ma lascia aperti spirargli di interpretazione.

    Quando durante la gara qualcuno mi chiese: “Ma come funziona con i personaggi famosi?”

    Il mio primo pensiero è stato: “Cazzo! Non l’avevamo previsto minimamente.” In quel momento potevo dire quello che per me era l’interpretazione del regolamento e quello che andasse poi a tutelare i partecipanti rispetto a improbabili ma possibili conseguenze (leggi utilizzo di immagini protette).

    Detta la mia (con la mia dose di ufficialità) e postata sul blog dell’ADCI (con la sua dose di ufficialità), si apriva un nuovo scenario:
    “Un commento (seppur con buona dose di ufficialità) non può essere parte integrante di un regolamento ufficiale.” “Non tutti lo hanno letto” ecc.ecc.

    Quindi sì, è stato fatto un mezzo casino. E mi scuso e mi dispiaccio. Era la prima volta per tutti e di solito solo provandoci vengono fuori problemi che prima non erano (o non pensavamo fossero) preventivabili.

    Inoltre, penso sia mancata in sede di giuria o post giuria, una figura alla Biffi, che supervisiona il tutto strettamente dal punto di vista regolamentare. O magari c’è stata e le falle appunto sono nel regolamento.

    A questo punto io penso (parere personale) che questa specifica questione su Clooney, dovrà essere valutata solo in caso di rinuncia dei vincitori per valutare chi debba andare a Cannes al loro posto. Se i suddetti non rinunceranno (e a questo punto lo spero :) ), non penso ci sarà nessun processo o squalifica.

    Lo ripeto, l’anno prossimo, consapevoli della cosa si porrà rimedio. Qui come in tante altre cose venute fuori un po’ alla volta.

    • Stella

      Riassumendo: la prima è copiata (o casualmente identica ad altre 5, già premiate, campagne), la seconda viola il regolamento, la quarta è vista, stravista, vecchia come il cucco, la quinta viola il regolamento…
      Salvando la terza, non vedo l’ora di vedere tutte le proposte che sono state iscritte. Perché DEVONO essere orrende. Per forza. Se fanno schifo, ci fate tutti più bella figura.

    • http://scrittorefreelance.blogspot.com/ Gianni Lombardi

      Domanda per Stella: se le altre 5 campagne sono state premiate altrove, allora cosa vieta di premiare anche questa? :-)

    • Stella

      Gianni, ma stai scherzando? E l’innovazione, che indicavate come il parametro con cui avreste deciso il vincitore?
      Se una campagna è copiata o già fatta mille volte, dove sta la creatività?
      Se no prendiamo atto del tuo ragionamento e l’anno prossimo, qualunque sia il cliente, troveremo il modo di usare lo stesso meccanismo. E immagino che, essendo già stato premiato 6 volte, non possiate tirarvi indietro dal premiarlo una settima.

    • http://scrittorefreelance.blogspot.com/ Gianni Lombardi

      Stella, come didascalicamente espresso dall’apposita emoticon :-) sì, stavo scherzando.

      E, sempre didascalicamente, avevo solo portato alle estreme conseguenze una tua frase, se rileggi il tuo commento originale te ne rendi conto :-) (sto sempre scherzando, anzi ti sto prendendo un po’ in giro :-)

      Un po’ di leggerezza e ironia, se possibile. :-)

      Per quel che riguarda la risposta seria alla vessata questione (“vexata quaestio” per quelli che vogliono accusarmi di citare impropriamente il latino), ti rinvio qui: http://blog.adci.it/?p=2805#comment-2298

  • Claire

    Ciao Massimo, so che accetti volentieri i consigli. E per il concorso dell’anno prossimo ne avrei uno da proporti, per aumentare la trasparenza.
    Vorrei farti una domanda: perché al momento dell’iscrizione alle selezioni per i Giovani Leoni abbiamo dovuto inserire nel form il nome dell’agenzia per cui lavoriamo? Che cosa comporta questa specifica, in una competizione tra ragazzi creativi, che vincono da privati l’ingresso a una manifestazione internazionale?
    Propongo quindi di eliminare quella clausola, per cancellare il dubbio che il nome di qualche agenzia possa influenzare, più o meno volontariamente, la valutazione dei giurati. Credo che in molti abbiano pensato la stessa cosa e siano della mia stessa opinione. Claire.

    • Davide Rossi

      Hai ragione Claire.
      Ma una delle caratteristiche che i partecipanti devono avere è quella di collaborare o aver collaborato, con contratto di qualsiasi tipo con un’agenzia di comunicazione.

      Questo perché essendo una competizione gratuita va comunque limitata ai professionisti (assunti, freelance, collaboratori, ex momentaneamente a spasso, stagisti) e non aperta totalmente a studenti e magari persone che “ci vogliono provare”. Tutto qui.
      Rispetto all’anno scorso dove partecipava solo chi aveva fatto uscire una campagna, mi sembra un bel passo avanti.

      Quello che dici comunque è giusto, in un prossimo form penso si chiederà di indicare qualcosa come: “ultima agenzia con cui si è collaborato”.

    • http://kttbblog.splinder.com/ Massimo Guastini

      Ciao Claire (F.),
      i lavori presentati in giuria non riportavano i nomi degli autori. Certo, i giurati potevano comunque essere già a conoscenza dei lavori iscritti eventualmente da giovani della propria agenzia. Ma questo succederebbe anche con la tua proposta.
      Solo io e l’infaticabile Consigliere Ratti avevamo la lista che indicava la provenienza dei lavori. Giusto per essere a conoscenza di quali giurati avrebbero potuto avere un teorico “conflitto di interessi”.
      Precauzione necessaria quanto poi inutile. Come già scritto, confermo che tutti i giurati si sono comportati con estrema correttezza.
      Nessuno dei lavori vincitori faceva capo ad autori con “Santi in Paradiso” e “protettori in giuria”.
      Chiederò a Sipra cosa pensa della tua proposta. Non vorrei creasse loro problemi organizzativi.

      Io credo che complessivamente questa nuova formula sia stata un esperimento positivo. Come qualunque novità può essere migliorata. Tutte le vostre critiche costruttive ci aiuteranno in tal senso. Le critiche distruttive non mi servono ma soprattutto non Vi servono.
      Io non sono un under 29 da molto tempo.
      I Giovani Leoni è una manifestazione che, in questa formula, può soprattutto servire a identificare nuovi talenti al di fuori delle sedi canoniche.
      Non credere in questa finalità è lo spreco di una vera opportunità.
      Ciao a tutti
      m.

  • boris

    ma davide perchè non ci fai dei resoconti dalla cina su questo blog,
    partendo dal lavoro, dalle differenze con noi e col nostro mercato, per spaziare poi su tutto il fronte???
    so che è fuori post ma approfitto della tua presenza… :)

    • Davide Rossi

      Guarda boris, son qui solo da tre settimane. E per di più sono praticamente in prova per i primi sei mesi. Quindi può succedere di tutto. Ti posso dire che l’asticella del significato della parola assurdo è stata più e più volte alzata in queste tre settimane. Quando un giorno ci avrò capito qualcosa sarò ben lieto di raccontarlo.

    • http://scrittorefreelance.blogspot.com/ Gianni Lombardi

      Buona idea. Quoto.

  • Davide Iacono

    Claire i giudici non conoscono nè nomi nè agenzie di chi fa le stampe.

  • https://twitter.com/#!/davidemartirani Davide Martirani

    Ragazzi, però al quarto classificato (anche secondo me il migliore, insieme al quinto) manca l’accento sul “sì” :D