Leave a reply

Buon lunedì, le segnalazioni di Claudia Neri 26_06_017

twitter: @claudianeri

Da Toronto, il talento e lo stile di Underline Studio, graphic designer

Argentino di nascita, ma di base in Germania Pablo Castagnola fotografo.

Le infografiche e le illustrazioni di Luca Lacorte, giovane talento italiano

Lo sguardo curatoriale e lo stile di Looklateral, magazine dell’arte


Leave a reply

Think with ADCI – YouTube, Your Pop.

Continua l’appuntamento con Think with ADCI, la rubrica nata dalla partnership tra il nostro Club e Google.

Mentre probabilmente stai guardando in streaming su YouTube il Festival di Cannes, noi oggi parliamo – rullo di tamburi – proprio di YouTube, perché il contenuto è importante, ma senza contenitore non te ne fai granché, no?

Come avrà intuito ormai anche la persona più lontana dal concetto di “early adopter” (io, per esempio), la piattaforma di hosting video di Google è diventata un punto fermo all’interno del nostro sistema culturale e valoriale.

È inutile girarci troppo intorno: YouTube ha cambiato radicalmente la cultura pop, anzi, l’ha completamente reinventata.

Se mi avessero proposto, guardando il primo video nella storia di YouTube, di scommettere sul successo o il fallimento della piattaforma, avrei perso miseramente i miei denari.

Ma ti sei mai chiesto quale strada abbia portato YouTube dal video di un tizio allo zoo fino a diventare il punto di riferimento in cui tutti cercano ispirazione e informazioni per farsi un’idea di dove sta andando il mondo? Per capirlo devi analizzare il fenomeno da più punti di vista, in modo da comprenderne la complessità e i fattori che ne determinano il successo ogni santo giorno. Partiamo da un primo assunto: quando il tuo pubblico potenziale è l’intero pianeta, c’è la concreta possibilità che i tuoi contenuti possano risultare rilevanti per qualcuno, da qualche parte. Questo ha dato vita al fenomeno che Kevin Allocca, Head of Culture & Trends di YouTube, chiama delle nicchie di massa, vale a dire tutti quei fan dei contenuti più disparati e settoriali, che a seconda della tipologia possono contare numeri grandi, grandissimi o mastodontici. Dagli appassionati di bricolage estremo ai (più o meno) buongustai che aspettano la nuova puntata di Epic Meal Time, i pubblici che possono aver voglia di seguirti sono tantissimi. Basta (quasi) solo raggiungerli. 

Certo è però che la rivoluzione culturale di YouTube non la puoi considerare conclusa qui. Un ruolo altrettanto fondamentale e complementare ce l’ha anche l’elemento chiave alla base di ogni community, virtuale e non: l’interazione. YouTube è, per sua stessa definizione, un ambiente in cui la creatività vive grazie all’interazione. Io vedo il tuo video, ne parlo con la mia amica, che ne parla con un suo amico e, insieme, ne fanno una versione fuori di testa che diventa un cult. E se, per seguire l’esempio, tu sei un ballerino filippino e quell’amica con cui ne ho parlato è, ne dico una, Beyoncé* che decide di farne un video spettacolare, ti rendi conto benissimo che YouTube sta cambiando la percezione della cultura pop anche agli occhi di chi quella stessa cultura la crea ogni giorno.

Last but not least, ti ricordi qual è il payoff di YouTube? Esatto, Broadcast Yourself.

 

È proprio questo invito, tanto semplice quanto audace, che ci porta ad affrontare l’ultimo aspetto della faccenda. Su YouTube, in pratica, metti in scena te stesso, che sia la parte che preferisci o quella che odi di più non ha importanza. Quello che conta è che qualunque sia la porzione di mondo che ci offri attraverso il tuo video, sarà sempre filtrata dalle tue esperienze individuali, che andranno così a incontrarsi o scontrarsi con quelle degli altri utenti, dando vita ai fenomeni più disparati: da conversazioni infinite che si perdono nei meandri di pagine e pagine di commenti, alla creazione di format innovativi e capaci di superare barriere all’apparenza insormontabili. Vuoi un esempio? Visto che a Cannes si sta già facendo notare, è facile che tu conosca già la storia di questa ragazza che ha creato un talk show in cui intervista un sacco di persone famose nonostante un suo non esattamente trascurabile problema: è affetta da autismo.

Se vuoi sapere qualcosa in più di ciò che Google ha da dirti su YouTube, leggi direttamente l’articolo di Kevin Allocca qui.

 

*Nel caso te lo fossi chiesto no, non conosco davvero Beyoncé né credo la conoscerò mai. Ma una volta ho visto James Brown in aeroporto a Catania.


Leave a reply

Buon lunedì, le segnalazioni di Claudia Neri 19_06_017

twitter @claudianeri

Il mondo illustrato di Marco Raparelli, giovane talento romano con inprinting inglese

La costante eccellenza creativa di Leo Burnett Toronto, che ha recentemente “sfornato” le ricette di carta per IKEA

Da Manchester all’Australia, il talento di Jamie Hladky, fotografo

Lo geografia umana nei reportage di Giacomo Fe


Leave a reply

YouTube Cannes Ads Leaderboard 2017

Ed eccoci arrivati a Cannes – YouTube Cannes Ads Leaderboard 2017 è la classifica delle 10 pubblicità più popolari a livello mondiale tra marzo 2016 e aprile 2017. Queste pubblicità rappresentano complessivamente 11,8 milioni di ore visualizzate e 416 milioni di visualizzazioni su YouTube. La classifica è determinata sulla base dei segnali di gradimento più significativi espressi dagli utenti su YouTube tra cui: il numero di visualizzazioni di ciascuna pubblicità, il tempo di visualizzazione e il rapporto tra visualizzazioni organiche e visualizzazioni a pagamento.

Nike Football Presents: The Switch ft. Cristiano Ronaldo, Harry Kane, Anthony Martial & More

Knorr #LoveAtFirstTaste

Clash of Clans: Hog Rider 360°

Best Day Of My Life | Shell #makethefuture

How to Use a Raw Egg to Determine if Your Mattress is Awful – #PURPLE

This is a phone.

The Unexpected John Cena Prank | Hidden Camera

Budweiser 2017 Super Bowl Commercial | “Born The Hard Way”

A Better Super Bowl | NFL Hyundai Super Bowl LI

2017 Kia Niro | “Hero’s Journey” Starring Melissa McCarthy


Leave a reply

ADCI Awards 2017 – I Presidenti

Sarà Andrea Stillacci, Fondatore e Presidente di Herezie Group, il Presidente degli ADCI Award 2017, il riconoscimento nato per premiare la creatività e la qualità nella comunicazione pubblicitaria in Italia e che documenta, allo stesso tempo, come i linguaggi, gli stili e l’utilizzo dei mezzi di comunicazione evolvono.

“Sono particolarmente felice che Andrea Stillacci abbia accettato di guidare la giuria di questa edizione 2017 perché è uno dei professionisti che meglio può rappresentare ed esprimere l’Italia e l’italianità, unite a professionalità, esperienza e visione dal respiro internazionale. Sono certo che Andrea, insieme agli altri Presidenti, renderà questa edizione degli ADCI Award senza precedenti, rafforzando i valori che stanno alla base della nostra competizione.” – ha dichiarato Vicky Gitto. “Tutti i Presidenti vantano la partecipazione a diverse giurie internazionali e siamo certi saranno in grado di offrire un supporto straordinario alle proprie squadre”.


Andrea Stillacci dopo 12 anni di carriera in Italia, nel 2002 approda in JWT Londra come Global Creative Director per Unilever. Nel 2004 è in Francia come Vice Presidente e Direttore Creativo di JWT Parigi e nel 2006 è Presidente e Direttore Creativo di Grey Parigi. In entrambi i casi le 2 agenzie sono le più premiate agenzie Francesi a Cannes. Nel 2010 fonda l’agenzia 100% indipendente Herezie. Quasi 7 anni dopo Herezie diventa il Gruppo Indipendente N.1 in Francia con 140 persone e clienti quali Amazon, Henkel, Unilever, Barilla, Toyota, Coca Cola. Nel 2015 Herezie è l’Agenzia indipendente più premiata in Francia e nel 2016 è stato votato Miglior Gruppo Indipendente in Francia.

Ogni giuria sarà composta, oltre che dal presidente, da non più di otto professionisti rappresentativi delle diverse professionalità e realtà del mondo della comunicazione in Italia. Di seguito l’elenco completo dei 10 presidenti di Giuria degli ADCI Awards 2017.

  1. PROMO/ACTIVATION - Christopher Jones - Chief Creative Officer - Grey United Italy
  2. DIRECT/PR - Francesco Bozza - Executive Creative Director – Leo Burnett Italia
  3. OUTDOOR/FOTOGRAFIA - Giuseppe Mastromatteo - Chief Creative Officer – Ogilvy&Mather Italy & Executive Creative Director- Ogilvy&Mather Advertising
  4. STAMPA/DESIGN - Erick Loi - Creative Director – Havas Milan
  5. RADIO/COPYWRITING -  Bruno Vohwinkel - Associate Creative Director – Publicis Italia
  6. CYBER 2 - Carla Leveratto - Creative Director -  Gruppo Roncaglia
  7. CYBER 1 - Marianna Ghirlanda - Head of Creative Agencies - Google Italy
  8. INTEGRATED - Vincenzo Gasbarro - Co-Founder, Partner & Creative Director -  M&C Saatchi Milan
  9. STUDENTI – Luca Pedrani - Senior Copywriter in AKQA
  10. FILM/CRAFT/BRANDED CONTENT – Karim Bartoletti - Partner/MD/Executive Producer - Indiana Production

Le iscrizioni agli Awards dovranno essere effettuate sul sito cfe.adci.it – sul sito sono disponibili tutte le informazioni in dettaglio. Il regolamento è scaricabile qui e sul sito.

I vincitori saranno premiati nel corso della serata finale di IF! Italians Festival, il primo festival italiano della creatività, il prossimo 30 settembre, al Teatro Franco Parenti.


Leave a reply

CFE – ADCI Awards 2017 – Deadline Early Bird Pricing prorogata!

TARIFFA RIDOTTA EARLY BIRD PROLUNGATA FINO AL 30 GIUGNO

Il periodo per usufruire dello sconto del 30% sui prezzi da listino delle fee di iscrizione al premio è stato esteso fino al 30 giugno. Basta inserire il codice sconto ( EARLY_BIRD ) in fase di check-out nel carrello sul sito cfe.adci.it.

Il regolamento è scaricabile qui e si trova anche sul sito stesso.

Per qualsiasi informazione in merito alle categorie, basta inviare una mail a cfe@adci.it – in merito al pagamento mezzo bonifico scrivete a caroline.schaper@adci.it, mettendo in cc amministrazione@adci.it.


Leave a reply

Buon lunedì, le segnalazioni di Claudia Neri 12_06_017

twitter: @claudianeri

Da Roma il talento e l’eleganza delle illustrazioni di Andrea Ferolla

La qualità emozionale delle immagini di Laetitia Vancon, giovane fotografa francese di base a Monaco in Baviera

Dal Belgio l’eclettismo brillante di Studio Job

Da Firenze il talento fotografico di Edoardo de Lille, autore di interessanti photo essays come quello sul Giro d’Italia e sull’America trumpista


Leave a reply

2017 Young Lions Health Award

 

Lions Health ha lanciato anche quest’anno il Young Lions Health Award in partnership con UNICEF e “la Caixa” Foundation.

Una categoria che si distacca dalla classica dinamica: viene fornito un brief da eseguire in anticipo, una giuria di esperti (membri di Unicef, di La Caixa Foundation e una selezione di giurati di Cannes Health Lions) compone una shortlist di 10 lavori e durante il Festival viene annunciato il vincitore.

In shortlist ci sono anche due lavori italiani di Sudler Milano:

Not available in your country
(View here)
Giulia Marchi Art Director Sudler & Hennessey Italy
Laila, the coughing elephant
(Watch here)
Sara Ferraù Digital Executive Sudler & Hennessey Italy

Leave a reply

Buon lunedì, le segnalazioni di Claudia Neri, 29_05_017

twitter: @claudianeri

Francesca Fusari, aka selapennamidisegna giovane ma già affermato talento italiano dell’illustrazione

Dal midwest americano la sensibilità di Karl Herber, fotografo.

Tra design, art direction e interattività l’eclettismo originale dello studio milanese POMO

I rolling stones e la scena del rock degli anni 60-70 nelle immagini postume di Michael Cooper