Leave a reply

48 ore per uscire un’idea vincente. Anzi, 49.

David Teniers il Giovane (pittore, 1610-1690). Albert Grisar (compositore, 1808-1869). Hippolyte Delehaye (gesuita e storico, 1859-1941).

Sono solo alcune delle straordinarie personalità a cui ha dato i natali la magnifica località di Anversa, la seconda città più popolosa del ridente Belgio. Un posto che, detto fra noi, con tutta probabilità non visiterete mai in vita vostra. Un immotivato snobismo che l’Art Directors Club Italiano non è più disposto a tollerare, motivo per cui ha deciso anche quest’anno di spedire i suoi due migliori giovani talenti alla Young Creatives Competition organizzata dall’Eurobest Festival. Evento che quest’anno si svolge, guarda caso, proprio ad Anversa.

Solo una coincidenza? Io non credo.

La Country Selection si svolgerà il 24 e 25 Ottobre prossimi.

Per iscrivervi, non dovete far altro che:
- Essere in due (un copy e un art, incredibilmente)
- Scrivere una mail a info@adci.it e sheeponboard@gmail.com, specificando nome, data di nascita, ruolo e agenzia (se attualmente non siete in agenzia dite che siete freelance, che fa chic e non impegna)
- Essere nati DOPO il 3 Dicembre 1986 (se vi occorrono documenti falsi, contattatemi in privato)

Per partecipare, non dovete far altro che:
- Sacrificare due preziose giornate della vostra vita per ideare una campagna integrata che risponda al brief. Quale brief? E che ne so io, lo scoprirete la mattina del 24.
- Approfittare dell’ora in più di cui disporrete quest’anno, al contrario degli anni scorsi, grazie al cambio dell’ora solare. VERGOGNIA!!!!!!111 L’HANNO SCORSO CERANO SOLO 48 ORE A DISPOSIZZIONE!!!!!!1111 QUESTO È’ L’ADDICCI’!!!!!!!!!1111111

Per vincere, non dovete far altro che:
- Uscire l’idea più fica di tutte. (O più figa? Voi come scrivete? Ma poi non è che è un termine sessista? Aspè, riproviamo…)

Per vincere, non dovete far altro che:
- Uscire l’idea migliore di tutte.

Mica facile, vero? Eggià, ve lo conferma uno che quando era giovane questi contest li ha fatti sempre tutti, perdendoli praticamente tutti. Il mio segreto? Tutta questione di metodo.

Per rendervi la vita meno complicata, abbiamo preparato un piccolo aiuto. Un dado di emergenza con un concentrato di idee potentissimo, per stimolare la vostra creatività quando la situazione si fa dura.

Ma attenzione: usatelo SOLO IN CASO DI ESTREMA NECESSITÀ. Oggi per sbaglio l’ho lanciato e sono stato ritwittato da Salvini.

In bocca al lupo, ragazzi!
(E ricordatevi di rispondere “Crepi!” a mente, che sennò dice che porta sfiga!)

Credits:

ADCI Creative Team
Matteo Maggiore
Francesco Grandazzi
Roberto Ottolino
Luca Pedrani


5 Replies

EUROBET Young Competition

No. Non c’è un refuso.

È il terzo anno di seguito che ADCI e Rai Pubblicità organizzano la Country Selection di Eurobest per mandare una coppia a rappresentare l’Italia nella Young Competition del Festival.

Quest’anno abbiamo deciso di aggiungerci un po’ di pepe e creare una competition nella competition. Nasce infatti la EUROBET COUNTRY SELECTION: per la prima volta, potrete scommettere sulla coppia che vincerà la competition.

Partecipare è molto facile.
Inviate una mail a info@adci.it e a sheeponboard@gmail.com – oltre a scrivere il vostro nome e cognome, anno di nascita, ruolo e agenzia di appartenenza, fate la vostra scommessa: scriveci i nomi della coppia che secondo voi vincerà la Selection.
Non ci saranno soldi in palio ma un gadget super-mega-fico e un certificato da appendere al muro della vostra cameretta che attesterà la vostra vittoria.

La competition si svolgerà come sempre in 48 ore che dovranno essere impiegate per realizzare un progetto integrato.
Le date saranno il 24 e il 25 ottobre.
Seguiranno ulteriori comunicazioni per i dettagli. Seguiteci su questo blog.

Un consiglio?
Scommettete forte su di voi.


Leave a reply

The Best for Eurobest 2014 *** IL BRIEF ***

Lo abbiamo già scritto qui - ci sembra giusto ricordarvelo ora che siamo davvero sotto data, e con la dovuta enfasi.

Per il secondo anno consecutivo, l’Art Directors Club Italiano seleziona la coppia creativa che rappresenterà l’Italia alla Young Competition di Eurobest 2014. La migliore coppia creativa italiana.

Tutti coloro che si sono iscritti alla Country Selection trovano qui di seguito il brief e il regolamento:

Brief FIDAS novembre 2014

REGOLAMENTO EUROBEST 2014

Ricordiamo che i concorrenti dovranno uploadare la loro campagna integrated entro 48 ore nelle modalità descritte dal regolamento e sintetizzate in coda a questo post.
La giuria dell’Art Directors Club Italiano si riunirà il 24 novembre, per scegliere il miglior lavoro e la coppia da mandare a Helsinki dall’1 al 3 di dicembre.

DA NON DIMENTICARE:

  • Per consegnare il lavoro inviate un WeTransfer a info@adci.itsheeponboard@gmail.com
  • Avete fino alle ore 08:59 di lunedì 24/11 per consegnare il tutto.

Anche quest’anno, Getty Images, la media company impegnata a promuovere innovazione e crescita nell’utilizzo di contenuti visivi nella pubblicità, sarà partner del concorso fornendo l’accesso alla propria vastissima banca immagini per le 48 ore della competizione.


2 Replies

Country Selection Eurobest – I Vincitori.

Nel post dell’altro ieri vi avevo promesso una risposta entro lunedì. Siamo in anticipo con i risultati.

Al terzo posto: Andrea Fumagalli e Mattia Lacchini (agenzie Young&Rubicam/Wunderman) con il progetto Sewing a Life

Al secondo posto: Emilia Sernagiotto e Simone Adami (agenzia JWT) con il progetto Maison D’Arret

Prima di annunciare i nomi dei vincitori, vorremmo complimentarci anche con gli autori degli altri tre lavori entrati in shortlist:
John Diatto e Dario Marongiu (M&C Saatchi) per A click for a 2nd Chance
Cristina Marra e Valentina Salaro (HI!) per Giudicateci dalle apparenze
Giovanna Favoroso e Fabio Lattieri (InAdv/Ogilvy&Mather) per Tailors Story

Devo anche ricordarmi di ringraziare Rai Pubblicità e Getty Images per averci sostenuto in questa iniziativa.

Un ringraziamento speciale ai giurati che hanno dedicato un’ intera serata all’esame approfondito dei 54 progetti presentati in concorso: Raffaella Bertini, Francesco Bozza, Francesco Guerrera, Massimiliano Maria Longo, Luca Lorenzini, Mauro Manieri, Sergio Muller, Stefania Siani, Luca Scotto di Carlo e Luca Zamboni.

Il presidente di giuria, Luca Scotto di Carlo ha così sintetizzato l’esperienza dell’altro ieri:
mi è capitato altre volte di fare parte di una giuria. a me come agli altri giurati, sia in italia che all’estero.
e la cosa a mio avviso più interessante è la discussione accesa intorno a un’idea, quel misto di sorpresa, ammirazione, curiosità e invidia che ti prende quando ti trovi davanti a qualcosa che ti attrae, anche se non sai ancora perché.
ecco, questo l’altra sera non è successo, tranne che in pochissimi casi.
certo, capisco che la giovane età, l’inesperienza e un brief sicuramente non semplice abbiano complicato il compito, ma avrei preferito vedere lavori fuori brief ma con un bel piglio creativo invece che una serie di approcci
basati quasi esclusivamente sulla meccanica.
ingaggi e punti d’entrata devono essere necessariamente interessanti, altrimenti il processo che viene dopo non ha tanto senso.
complimenti ai vincitori che sono riusciti a emergere, a tutti gli altri il consiglio di non smettere mai di partire dalla cosa per cui abbiamo scelto di fare questo lavoro: un’idea impattante, sorprendente e soprattutto rilevante.

Questo, “invece”, il commento di Mauro Manieri, anch’egli in giuria:

No, Luca, non ci siamo.

Innanzitutto, bisogna aprire una fanpage su fb e un account su twitter.
A tua discrezione il nome e l’hashtag (potrebbe essere #domanigeni , ma non voglio fare il creativo al posto tuo).
Da lì, poi, i ragazzi possono usare l’app su fb o scaricarsela dal minisito caricato sul server dell’adci (ma va bene anche l’amdi o l’aci).
L’app la farei solo per mac o iphone, che se la fai pure per pc o android sembra subito meno cool.
Con l’app puoi navigare tra i risultati del contest ma sempre rimanendo collegato in simultanea con Nike+running, meglio se lanciata da una scattofisso arancione metallizzato a sua volta lanciata a folle velocità nel design district di Lambrate.
Il vero risultato dovrebbe però essere svelato solo iscrivendosi tramite l’app a un flashmob a numero chiuso (è una contraddizione, ma è molto innovativo).

Rimane solo da trovare il concetto che giustifichi tutto questo e fare una campagna tv sulle emittenti nazionali che faccia un po’ da detonatore per l’operazione.

Chiaro il messaggio?

Ed ecco il lavoro che ha vinto (e convinto)

Complimenti a Lorena Cascino e Danilo Fragale (Young&Rubicam)
Saranno loro a rappresentare l’Italia, il prossimo dicembre a Lisbona, nella competizione Young Creatives di Eurobest.

Nei prossimi giorni vi consegneremo il “kit di viaggio”. Vedete di ripetervi a Lisbona ;)

Chiudo con un ringraziamento speciale a Matteo Maggiore che ha tenuto (bene) le fila di tutto.


1 Reply

Country Selection Eurobest – Il giorno del giudizio

Sono state 70 le coppie creative Under 29 che si sono iscritte alla Country Selection organizzata da Adci, in collaborazione con Rai Pubblicità e Getty Images.
Hanno ricevuto il brief per una campagna integrata lo scorso due novembre e hanno avuto 48 ore per svolgerlo.
I lavori in concorso possono essere visti a questo link slideshare.

Stasera tutte le proposte verranno valutate da una giuria dell’Art Directors Club Italiano composta da:
Raffaella Bertini, Francesco Bozza, Francesco Guerrera, Massimiliano Maria Longo, Luca Lorenzini, Mauro Manieri, Sergio Muller, Stefania Siani, Luca Scotto di Carlo e Luca Zamboni.

La coppia vincitrice rappresenterà l’Italia alla prossima edizione di Eurobest Young Creatives, a Lisbona, dove dovrà confrontarsi contro le migliori coppie di tutta Europa.

Renderemo pubblici i nomi dei vincitori entro lunedì 11 novembre 2013.
Oltre al volo a/r dall’Italia per Lisbona, offriremo loro il pass di accesso e i costi del pernottamento in albergo per la durata della loro competizione.


Leave a reply

Buon lunedì, le segnalazioni di Claudia Neri

Indispensabile per la sopravvivenza quotidiana, la radio di Monocle magazine

Christoph Niemann, illustratore americano noto per il libro sul lego e la collaborazione con il New York Times

Graphic Design dalla A alla z nel progetto di Dario Russo e Pasquale Volpe

Il progetto Pro/Contra dei tedeschi Serviceplan, 2009, che non smette di ispirare


Leave a reply

Eurobest 2012 visto da Anita Giavoni

L’Eurobest è propedeutico alla creatività. Lo dico per chi, come me, ha inserito un solo mignolo del piede nel mondo della pubblicità, ma anche per tutti i veterani assenti. Philip Thomas ha introdotto la venticinquesima edizione del Festival ricordando a tutti i presenti l’importanza di partecipare. “Dovete esserci!”, ha detto. “Iscrivete le vostre campagne, entrate per vedere i lavori, passate intere giornate dentro il building a respirare l’aria del Festival. Non pensate soltanto a bere e andare in spiaggia”. E con un grafico ha poi dimostrato come le agenzie europee stiano perdendo quota nel mercato dei Leoni rispetto al resto del mondo.
Ricapitolando i seminari di quest’anno,
“Best stuff come with simple ideas and simple ideas don’t cost much money” e visto che non lo dico io, ma David Droga, credeteci. Dopo aver riassunto un’intera vita di campagne semplici e vincenti in una case history di un minuto e la sua carriera professionale in meno di trenta secondi, ha presentato il suo Pling. Un sistema di messaggistica vocale istantanea che diventerà presto un “must have” tra tutti i creativi. Ne sono certa.
John Hegarty, dall’altro lato, ha convinto l’intera platea del teatro a trovare la giusta dose di energia nel svegliarsi la mattina eccitati all’idea di affrontare una giornata rischiosa.
Ha vietato, però, la parola “rischio” nel vocabolario comune perché dannosa al raggiungimento degli obiettivi e ci ha liquidati con un saggio consiglio. “Cominciate a chiamarlo Entusiasmo.“
Niels Shoe Meulman ha lasciato un suo Calligraffitto come opera d’arte permanente, accessibile a tutti a costo zero sui muri di Lisbona. Ha poi inforcato una scopa per ripetere le gesta della campagna “The Greatest Word” in tempo reale all’interno del Cinema Sao Jorge.
L’ultima sera ci sono state le premiazioni e qualcosa è andato storto. Uno, forse due soli giudici italiani e un’unica vittoria nazionale. Montblanc e Leo Burnett Milano ci hanno fatto sentire a casa per qualche minuto.
Se avete del tempo che avanza tornate su e rileggete le prime righe di questo post fino alla parola “mondo”.
Io nel frattempo, concludo qui, ringraziando la mia agenzia per avermi dato la possibilità di esserci, consapevole degli stimoli ricevuti per ottenere il massimo dal mio lavoro.

Anita Giavoni, stagista copywriter in Draftfcb Milano.


2 Replies

Cronache da Lisbona. Eurobest dia 4.

La battaglia è finita. Vincitori e vinti si spartiscono gli utlimi posti in platea per la cerimonia di premiazione. Oggi, ultimo giorno di festival, aspettiamo solo le ufficializzazioni. Questa mattina ho assistito allo speech di Sergio Valente dopo aver passato alcuni giorni con lui, confrontandoci con il resto della giuria di print, outdoor, film e radio. (il video del suo speech non è stato ancora pubblicato. Qui potete vedere un altro intervento molto interessante della Bergh School of Communication sul futuro del team creativo)

Abbiamo valutato ogni campagna chiedendoci se fosse connessa con il prodotto, se aggiungesse valore al brand, se fosse rilevante e intrattenente per il target con cui voleva attivare una relazione, se l’esecuzione fosse perfetta e contenesse degli elementi di innovazione. Criteri che credo siano gli stessi utilizzati da tutte le giurie dei più grandi premi internazionali. Le campagne che raggiungono l’eccellenza contengono tutti questi elementi e hanno vinto l’oro o l’hanno sfiorato.
Abbiamo prima discusso e deciso le shortlist e poi abbiamo discusso e votato per i metalli. Alcune campagne sono state ripescate per la shortlist e hanno poi perso il bronzo per pochissimo, come uno dei film italiani.

Devo dire che ho condiviso il 90% delle scelte. Non avrei inserito alcune campagne in shortlist, non sono d’accordo sul grandprix in outdoor, mentre condivido quelli in film e in radio che contengono dei forti contenuti di innovazione.
La chiarezza e la semplicità di una campagna o del suo case study aiutano molto la discussione in giuria e sono elementi che possono fare la differenza tra una shortlist e il podio.
Mi sembra ormai evidente che una delle chiavi per vincere un premio è investire nelle presentazioni: ormai sono quasi dei film e la cura e l’attenzione nella loro produzione sono evidenti. Mi sembra che in questo noi italiani siamo ancora un po’ indietro.

Tra le più apprezzate campagne italiane c’è Angry Birds. Ho sentito che sia stata apprezzata da più di una giuria ed è destinata a raccogliere più di un metallo, stasera. Peccato però che sia stata iscritta come campagna inglese, sarebbe stato meglio farlo almeno con la doppia nazionalità visto che il regolamento lo consente. Avrebbe aiutato a migliorare la reputazione dell’Italia, speriamo sia possibile farlo a Cannes.
Altre italiane hanno raccolto qualcosa ma sarà tutto svelato stanotte. L’ultima considerazione che voglio fare è che noi italiani dovremmo lavorare di più come team in occasione dei premi internazionali. Non conoscevo tutti i nostri lavori iscritti e avrei potuto chiedere di ripescare qualcosa: nella fase preliminare spesso le giurie vengono divise e non tutti vedono tutto. Inviare le campagne iscritte ai giurati italiani prima delle votazioni aiuterebbe molto. Se aumentassero gli ingressi in shortlist aumenterebbero le probabilità di vincere dei metalli. Più metalli, più reputazione, più presenze italiane in giuria.

Mancano 199 giorni a Cannes.

boa sorte a todos

Cristiano Tonnarelli

 

Qui le puntate precedenti.


Leave a reply

Lisbona. Diario dall’Eurobest. Dia 3.

4.38 am (5.38 in Italia). Le votazioni sono appena terminate: oggi abbiamo deciso le shortlist, recuperato qualcosa e votato per i metalli. È stata durissima, specialmente in tv. Molti ori in stampa ma nessun grandprix. Molti ori in outdoor e un grandprix che ha spaccato in due la giuria: io ero dalla parte di quelli che non erano d’accordo ma è comunque una bella campagna. In radio due ori e un grandprix, in TV 4 ori e un grandprix. Abbiamo iniziato a votare per la tv alle 23 e le discussioni sono state accese. Il resoconto più dettagliato lo scriverò domani, ora il materasso mi risucchia e mi resta appena la forza per spegnere il computer. Logout.

 

Qui le puntate precedenti.