1 Reply

ADCE Awards 2017 – I vincitori

La 26° edizione degli ADCE Awards & la 4° edizione dell’European Creative Festival si è conclusa lo scorso sabato 11 novembre. I lavori italiani premiati:

Oro:

  • Interactive & Mobile – Any Other: “Chat Yourself” di Y&R Italia per Italia Longeva. 

Argento:

  • Interactive & Mobile – Websites: “Forgetting Auschwitz, Remembering Auschwitz.” di Havas Milan per CDEC and Sons of Shoah.
  • Integration & Innovation – Content Ideas: “Chat Yourself” di Y&R Italia per Italia Longeva.

Nominations:

  • Film & Radio – Online/Viral Videos: “IKEA: Inspiration or Conspiration?” di DDB Group Italy per IKEA
  • Film & Radio – Online/Viral Videos:  “Killer in Red” di J.Walter Thompson Italy per Davide Campari S.p.A.
  • Film & Radio – Any Other: “Killer in Red” di J.Walter Thompson Italy per Davide Campari S.p.A.
  • Print & Outdoor – Magazine & Trade Advertising: “MILANOFIL – XXIX International Stamps Exhibition” di McCann Worldwide per Poste Italiane
  • Interactive & Mobile – Websites: ”The History of the Mausoleum of Augustus” di Havas Milan per FONDAZIONE TIM
  • Design & Craft – Illustration and Photography: “Farmacisti Preparatori” di J.Walter Thompson Italy per Farmacisti Preparatori
  • Integration & Innovation – Content Ideas: “Forgetting Auschwitz, Remembering Auschwitz.” di Havas Milan per CDEC and Sons of Shoah.

DDB Germany vince invece il ADCE Awards Grand Prix 2017  con “Check it before it’s removed” 

Complessivamente 802 lavori iscritti, le giurie erano composte da un totale di 60 tra i più importanti creativi provenienti da 23 diversi paesi. In occasione della 26esima edizione, il presidente ADCE Ami Hasan è stato nominato presidente degli awards, la sua riflessione in merito agli Awards: “We’re blessed with a magnitude of talent in Europe, and the ADCE Awards are a celebration of that talent.”

I 30 lavori vincitori di un Oro nelle rispettive categorie sono:  

Film & Radio:
1.1. TV/Cinema Commercials: “Lachende Pferde” by Grabarz & Partner (Germany) for Volkswagen.
1.1. TV/Cinema Commercials: “Paralympics – We’re The Superhumans” by 4Creative (United Kingdom) for Channel
4.
1.5. Radio Commercials: “Countdown.” by Grabarz & Partner (Germany) for Volkswagen.

Print & Outdoor:
2.1. Poster Advertising: “Queen (You’re not you:British Edition)” by BBDO Ukraine for Mars Inc.
2.2. Newspaper Advertising: “Newspaper Stack – Trump” by Scholz & Friends (Germany) for Verlag Der Tagesspiegel.
2.3. Magazine & Trade Advertising: “Switch it off” by Ogilvy Germany for Amnesty International.
2.4. Mailings: “The Tear-Open-Mailing for “Mein Kampf – against racism”” by Ogilvy Germany for Gesicht Zeigen!

Interactive & Mobile:
3.2 Online Advertising: “Water Recipe” by Tiempo BBDO (Spain) for Oxfam Intermón. 3.3 Mobile Applications: “Sea Hero Quest ” by Saatchi & Saatchi (United Kingdom) for Deutsche Telekom.
3.4 Social Media Campaigns: “Check it before it’s removed: Naked breasts on Facebook against Breast Cancer” by DDB Group Germany for Pink Ribbon Deutschland.
3.5 Interactive & Mobile – Any Other: “Max Motor Dreams” by Ogilvy & Mather Madrid / GTB Spain (Spain) for Ford Spain.
3.5 Interactive & Mobile – Any Other: “Chat Yourself” by Y&R Italia (Italy) for Italia Longeva. 

Design & Craft:
4.1 Graphic Design: “SBERBANK. NEIGHBORHOODS” by GOOD Moscow (Russia) for SBERBANK OF RUSSIA.
4.3 Corporate Brand Identity: “Audi Brand Appearance” by STRICHPUNKT | KMS TEAM | BLACKSPACE (Germany) for AUDI AG.
4.4 Editorial: “Photography column: Cattelan & Ferrari” by ZEITmagazin (Germany) for Zeitverlag Gerd Bucerius GmbH & Co. KG.
4.5 Packaging: “L´ EAUNDRY “Fragrance Laundry Detergent“” by KOREFE (Germany) for T.D.G. Vertriebs GmbH & Co. KG.
4.6 Motion Graphics: “Genesis Beijing Digital Brand” by Wolff Olins (United Kingdom) for Genesis Property.
4.8 Interactive & Mobile – Any Other: “Dot. The first Braille Smartwatch.” by Serviceplan Germany / Serviceplan Korea for Dot Incorporation.

Promotions & New Media:
5.2 Ambient Media: “Project Germany” by HEIMAT, Berlin (Germany) for HORNBACH Baumarkt AG.
5.4 New Use of Media: “Check it before it’s removed: Naked breasts on Facebook against Breast Cancer” by DDB Group Germany for Pink Ribbon Deutschland.
5.5 Events: “Car Curling” by Voskhod (Russia) for SMPOLIS.ru.

Innovation & Integration:
6.1 Integrated Campaigns: “Check it before it’s removed: Naked breasts on Facebook against Breast Cancer” by DDB Group Germany for Pink Ribbon
6.2 Content Ideas: “Playinglynch” by wild x preacher (Austria) for Squarespace.
6.2 Content Ideas: “The lick-hiker’s guide to inner strength” by hasan & partners (Finland) for Valio.
6.3 Best Use of Technology: “DOT. The first Braille Smartwatch.” by Serviceplan Germany / Serviceplan Korea for Dot Incorporation.
6.4 Creative Strategy: “1 MB Campaign” by Marvelous LLC (Russia) for SkyLink. European

Student & Young Creative
7.1 European Student of the Year – Design: “Eye to Ear – Gallery of Audible Images” by Verena Blöchl & Katharina Götzendorfer (Austria) for University of Applied Arts Vienna.
7.1 European Student of the Year – Design: “Mm-Hmm” by Hannah McNally & Martha Halliday (United Kingdom) for Kingston University.
7.2 European Student of the Year – Creative Ideas: “Moonjourney” by Chiara Grabmayr (Germany) for College for Film and Television Munich, HFF München.
8.1 Young European Creative – Design: “Iittala & Arabia Design Museum & in-store videos” by Matti Vesanen (Finland) for Iittala & Arabia Design Centre.

Winning work will be showcased in the ADCE Annual 2017 and through a touring exhibition around Europe. For a full list of winners, visit http://www.adceurope.org/awards/winners 

I presidenti delle giurie 2017: 

  • Film & Radio: Rafa Montilla, Founding Partner at O (Spain)
  • Print & Outdoor: Dörte Spengler-Ahrens, Chief Creative Officer at Jung von Matt/SAGA (Germany)
  • Interactive & Mobile: Lotta Mårlind, Creative Director & Partner at Garbergs (Sweden)
  • Design & Craft: Muggie Ramadani, Creative Director & Partner, Bold Scandanavia (Denmark)
  • Promotions & New Media: Susana Albuquerque, Creative Director at Uzina Lisboa (Portugal)
  • Integration & Innovation: Steve Vranakis, Executive Creative Director, Google Creative Lab (UK)

Tutti i vincitori QUI. The 4th European Creativity Festival Judging of the ADCE Awards took place at the European Creativity Festival at the Disseny Hub Barcelona. Headlining the Festival was the lecture and workshop series titled ‘Imagineering Creative Intelligence’, where some of the top creative names such as Festival’s curator Kris Hoet, Steve Vranakis, Fernanda Romano or Luna Maurer explored the relationship between imagination, technology and creativity. You can the see the highlights from the 4th European Creativity Festival at the ADCE Facebook page.


Leave a reply

Say hello to the new. Con ADOBE UK

Non perdetevi il Creative Meet Up organizzato da ADOBE UK che verrà trasmesso via Live Streaming martedì 14 novembre alle ore 19:30 ( 18:30 GTM).

Basta registrasi al seguente Link >> QUI >>  dove trovate tutti i dettagli.

Il programma (gli orari indicati sono GTM):

6:30pm  Welcome to the Meet Up


6:35pm  Adobe Keynote with Rufus Deuchler


7:05pm  Luminary talk by Kate Moross


7:20pm  Luminary talk by Kelly Anna


7:35pm  Live tutorial with Tina Touli

8:10pm  Headline talk by Nick Knight


8:40pm  Close

Per ulteriori informazioni, Clicca qui!


Leave a reply

SAVE THE DATE – 16 novembre – LE BOOK presenta Connections Milano

IL SALONE INTERNAZIONALE DEDICATO ALLA COMUNITÀ CREATIVA DIGITAL | FOTO | FILM | VR/AR | INNOVAZIONE | PRODUZIONE | SOCIAL | INFLUENCERS

CONNECTIONS - L‘UNICA FIERA SU MISURA PER LA COMUNITÀ CREATIVA - è il luogo d’incontro dove puoi trovare idee soluzioni alle tue esigenze legate all’immagine e alla comunicazione. Riunisce creativi del mondo dell’advertising, del marketing, della comunicazione e del branding. Oltre un’accurata selezione di oltre 40 agenzie creative e di agenzie di supporto al mondo dell’immagine.

Per incontrare il meglio del digitale, lm, stampa e produzione in un solo luogo.

I CREATIVE AWARDS - LE BOOK è lieta di presentare i premi alla creatività, selezionati da una giuria di esperti: riconoscimenti ad alcuni dei migliori lavori di stampa, video, post produzione e nuovi media (vr, social, experiential).

TALK - Le sessioni dei panel di LE BOOK sugli argomenti più attuali inerenti al settore creativo. I talks presentano diversi leaders della comunicazione che condividono le proprie conoscenze, esperienze e progetti.

Ti invitiamo a fare parte di CONNECTIONS!

L’evento si terrà presso la Fondazione Feltrinelli, viale Pasubio 5, 20154 Milano
Orari: dalle 11.00 alle 20.00

La partecipazione è gratuita, basta registrarsi qui!

Per maggiori informazioni, scarica la Press Release QUI


Leave a reply

L’UOMO DI SAMOA E IL PAPALAGI OCCIDENTALE

Lettura 2/3 minuti

 

Erich Scheurmann, un artista tedesco amico di Hermann Hesse, quello di Siddartha per intenderci, si stabilì in Polinesia per un periodo della sua vita e lì conobbe e si avvalse della testimonianza di un capo indigeno delle isole Samoa di ritorno da un viaggio in Europa, Tuiavii di Tiavea, per scrivere un piccolo saggio antropologico sulla società dell’uomo bianco , “Il Papalagi” appunto.

Le impressioni di Tuiavii furono meticolosamente raccolte dall’autore e nel capitoletto intitolato “il Papalagi non ha tempo” Tuiavii recita testualmente : «Il tempo mi sfugge!» «Il tempo corre come un puledro impazzito!» «Dammi un po’ di tempo!» Questi sono i lamenti più abituali che si sentono dall’uomo bianco. Io dico che deve essere una strana sorta di malattia; perché anche supponendo che l’uomo bianco abbia voglia di fare una cosa, che il suo cuore lo desideri veramente, per esempio che voglia andare al sole o sul fiume con una canoa o voglia amare la sua fanciulla, così si rovina ogni gioia, tormentandosi con il pensiero: «Non ho tempo di essere contento».

Il tempo è lì ma, con tutta la buona volontà, lui non lo vede. Nomina mille cose che gli portano via il tempo, se ne sta immusonito e lamentoso al suo lavoro che non ha alcuna voglia di fare, che non gli dà gioia e al quale nessuno lo costringe se non se stesso. Ma se poi all’improvviso si avvede di avere tempo, che il tempo è lì, oppure qualcuno gli dà dell’altro tempo (i Papalagi si danno sempre il tempo a vicenda, sicuro, niente è più altamente considerato di questo), allora gli manca di nuovo la voglia oppure è stanco del suo lavoro e senza gioia. E regolarmente vuole fare l’indomani ciò per cui oggi non ha più tempo.

Ci sono Papalagi che affermano di non avere mai tempo. Corrono intorno come dei disperati, come dei posseduti dal demonio e ovunque arrivino fanno del male e combinano guai e creano spavento perché hanno perduto il loro tempo. Questa follia è uno stato terribile, una malattia che nessun uomo della medicina sa guarire, che contagia molta gente e porta alla rovina. »

Da quando Tuiavii osservò così acutamente il rapporto paradossale degli europei nei confronti del tempo, la durata della nostra vita intanto è raddoppiata. Inoltre, per risparmiare tempo, abbiamo inventato macchine come il robot, il cellulare e internet; per arricchire il tempo, abbiamo messo la radio in automobile, il cinema in aereo e nei poggiatesta delle automobili; per immagazzinare il tempo abbiamo costruito dischi, il videoregistratore, la segretaria telefonica e l’archivio di file nel pc e sul cloud; per programmare il tempo abbiamo a disposizione sveglie e dispositivi elettronici.

Eppure avvertiamo sempre più acuta la mancanza di tempo e nel corso della giornata, che si ostina a durare solo 24 ore, cerchiamo di fare quante più cose possibili per riempire fino all’orlo la nostra esistenza e tracannarla voracemente. Divorati dallo stress di fare non ci accorgiamo che il tempo vuole essere vissuto a sorsi, gustato lentamente per assaporare gli aromi e le sfumature di quanto sta accadendo.
Viviamo sulle righe, senza approfondimento, tutto si brucia in un istante: amori, amicizie, rapporti professionali, di vicinato e parentali. Tutto e subito. Vogliamo “esperienze fast-food” che lasciano in bocca sempre lo stesso sapore: l’amaro dell’inconcludenza.
Abbiamo paura di affrontare il nuovo, di capire come confrontarci con Cose & Cosi che ancora non conosciamo e allora decidiamo di non perdere tempo, e di accontentarci di quanto sappiamo. E’ poco e fragile, ma quel poco è condiviso da molti, il motto che unisce sarà “Poca conoscenza, Molti conoscenti” che fa il verso a “Faccio cose, incontro gente” di Morettiana memoria.

Se tornasse tra noi il saggio Tuiavii, continuerebbe a chiedersi, come fece cento anni fa: «Che cosa ne fa alla fine il Papalagi del suo tempo? Io credo che il tempo gli sfugga come una biscia sfugge da una mano bagnata, proprio perché lui cerca di tenerlo stretto, di arraffarlo. Ma il tempo è silenzioso, ama la pace, la calma e lo stare distesi su una stuoia a guardare le nuvole per esempio. Il Papalagi non ha compreso il tempo, non lo riconosce per quello che è, e perciò lo maltratta in quel modo con i suoi rozzi costumi. Dobbiamo liberare il povero smarrito Papalagi dalla sua follia, dobbiamo ridargli il suo tempo. Dobbiamo distruggere la sua piccola macchina del tempo che lui chiama orologio e dobbiamo annunciargli che, dal levarsi al calare del sole, c’è molto più tempo di quanto un uomo può averne bisogno ».

Cerchiamo di fare quante più cose sono possibili per riempire fino all’orlo la nostra esistenza per poi tracannarla voracemente

Divorati dallo stress di fare, non ci accorgiamo che il tempo vuole essere vissuto a sorsi, gustato lentamente per assaporarne gli aromi: le sfumature di quanto sta accadendo.

E’ poco, ma quel poco è condiviso da molti, il motto che unisce sarà “Poca conoscenza Molti conoscenti” che fa il verso a “Faccio cose, incontro gente” di Morettiana memoria.


Leave a reply

ADCI ROMA PRESENTA: “FACEBOOK. DRIVING CREATIVE IN THE FEED.”

Per la prima volta, Facebook arriva a Roma! L’evento si terrà nella mattinata del 25 ottobre presso lo studio legale E-Lex e avrà il titolo di “FACEBOOK. DRIVING CREATE IN THE FEED”.

“Il mobile è diventato un dispositivo centrale nel nostro consumo quotidiano di video e anche un importante alleato della pubblicità creatività. Ridefinisce profondamente il modo in cui le agenzie raccontano storie e generano contenuti.”

Insieme al team di Facebook e ai local ambassador Carla Leveratto e Marco Diotallevi, vi invitiamo a partecipare ad un evento dedicato proprio alla creatività costruita per il mobile, per discutere insieme di questi temi e condividere esperienze e best practice.

Saranno presenti
Cristina Baccelli // Creative Strategist Facebook & Instagram
Patricia Consonni // Creative Agency Partner

L’appuntamento quindi è per il 25 ottobre dalle ore 10 alle 13. L’ingresso è gratuito ma su prenotazione, fino a esaurimento biglietti. Qui il link per prenotarsi.  -> https://www.eventbrite.it/e/biglietti-adci-roma-presenta-driving-creative-in-the-feed-39044299551


Leave a reply

ADC*E Awards – Deadline prolungata al 13 ottobre

È tutto vero.

Hai ancora qualche giorno per iscrivere i tuoi lavori ai prossimi ADC*E Awards.

Se ti ricordi, qui ti avevamo detto tutto quello che dovevi fare per partecipare.
Ecco, adesso è ancora così, solo che il termine ultimo si è allungato di una settimana.

Quindi ricapitoliamo, che già ti sei distratto.

13 ottobre, deadline per l’iscrizione agli ADC*E Awards.

Se hai domande, dubbi, curiosità, pensieri, parole, opere, omissioni, scrivi a questo indirizzo mail e vai sereno.


Leave a reply

CFE ADC*E Awards 2017

Non fa in tempo a calare il sipario sugli ADCI Awards che è subito il momento di alzare la posta in palio e andare a comandare oltreconfine.

Il 6 ottobre è infatti la deadline per gli ADC*E Awards, il riconoscimento promosso dall’Art Directors Club Europe che premia l’eccellenza creativa continentale.

Non perdere l’occasione di confrontarti con colleghi provenienti da ogni parte d’Europa e provare a vincere la Champions League dell’advertising.

“Sì, ma quanto costa?” mi chiederai. Ed è qui che arriva il bello.

Ti ricordi che l’ADCI è associato all’ADC*E, vero? Ecco, allora senti qui.

Hai vinto un oro agli ultimi ADCI Awards? Ottime notizie, puoi iscrivere il tuo lavoro gratis!

Hai vinto un argento, un bronzo o una shortlist? Puoi comunque iscrivere i tuoi lavori con un robusto sconto.

(lLo vedi che iscriversi all’ADCI conviene sempre?)

Partecipare è di una semplicità disarmante: basta andare su adce.submit.to e completare l’iscrizione.

Per ulteriori info, dai un’occhiata alla CFE qui –> ADCEAwards2017_RulesInfo


Leave a reply

ADCI Awards 2017 – Tutti ma proprio tutti i metalli.

Li abbiamo visti tutto l’anno, li abbiamo applauditi al Franco Parenti sabato sera, ci abbiamo scommesso sopra clandestinamente (lo avete fatto anche voi, giusto?).

Adesso possiamo rivederli tutti in un’unica soluzione: un meraviglioso PDF.

Ecco tutti gli ori, argenti e bronzi assegnati agli ADCI Awards 2017. –> METALLI_20171003

Ricordiamo ancora i due Grand Prix assegnati:

Chat Yourself, il primo chatbot che aiuta a contrastare l’Alzheimer ai suoi stadi iniziali (qui la case history) realizzato da Y&R per Italia Longeva;

LinkedInmate, un progetto che ha visto la luce grazie a un gruppo di giovanissimi studenti di Accademia di Comunicazione, che ha l’ambizioso obiettivo di riabilitare ex-detenuti e aiutarli a ricollocarsi nel mondo del lavoro trasformando in punti di forza per la comunità quelle debolezze che in passato hanno spalancato loro le porte del carcere (link alla case).


Leave a reply

ADCI Awards 2017: Grand Prix, Grand Prix Non Profit, Premio Speciale EQUAL

SUL PODIO GLI STUDENTI DI ACCADEMIA DI COMUNICAZIONE CON LA CAMPAGNA REALIZZATA PER LINKEDIN.

A YOUNG & RUBICAM IL GRAND PRIX PER LA SEZIONE NON PROFIT CON IL PROGETTO CHAT YOURSELF.

LA PRIMA EDIZIONE DEL PREMIO SPECIALE EQUAL VA A INDESIT CON LA CAMPAGNA #DOITTOGHETER REALIZZATA DA J. WALTER THOMPSON. MENZIONE SPECIALE PER IL PROGETTO “MOM’S DON’T QUIT”.

 

Milano, 2 ottobre 2017 –  Si è conclusa la quarte edizione di IF! Italians Festival, il primo festival italiano dedicato alla creatività e ADCI, l’Art Directors Club Italiano che da oltre vent’anni riunisce i migliori talenti della creatività del nostro Paese, promotore dell’iniziativa che ha decretato i vincitori degli ADCI Awards di quest’anno.

Vince la sezione NO PROFIT del GRAND PRIX, CHAT YOURSELF di Young & Rubicam Milano (già vincitrice quest’anno di 6 Lions Award e 4 Shortlist) decretata all’unanimità dalla Giuria per la valenza sociale del progetto. Nata da un’idea di Y&R Milano per l’Associazione Italia Longeva, il network dedicato all’ invecchiamento, creato dal Ministero della Salute, dalla Regione Marche e dall’IRCCS INRCA, CHAT YOURSELF è un chatbot creato per Facebook Messenger, che aiuta chi è affetto dalla sindrome di Alzheimer a convivere con la malattia, permettendo di rimanere più a lungo indipendente e controllare la propria vita.

Sono molto  felice per questo riconoscimento perchè Chat Yourself ha coinvolto davvero in prima persona ciascun membro del team, per la sua valenza socialeha commentato Vicky Gitto, Chief Creative Officer Y&R Italia.Stiamo assistendo ad un cambiamento fondamentale, in cui la creatività assume sempre più un ruolo strategico e differenziante e, se messa a fattor comune con le tecnologie a cui oggi tutti abbiamo accesso -  e Facebook ne è un esempio –, può portare beneficio non solo al singolo, ma all’intera comunità”.

Sul podio dei GRAND PRIX anche agli studenti dell’Accademia di Comunicazione con il progetto sviluppato per LinkedIn. 

Un lavoro straordinario, perfetto in ogni dettaglio. Un lavoro completo, maturo, pertinente e umano. Un lavoro che quest anno ha saputo mettere gli studenti al centro della nostra attenzione, al centro della nostra ammirazione” ha spiegato Andrea Stillacci, Fondatore e Presidente di Herezie Group, il Presidente degli ADCI Awards 2017.

La prima edizione del Premio Speciale EQUAL, nato per sensibilizzare – non solo i creativi ma anche le aziende, in un periodo in cui la violenza sulle donne è tristemente alla ribalta della cronaca nazionale – a sposare, realizzare e promuovere l’immagine di una donna di oggi, coerente con i tempi in cui viviamo, attraverso l’utilizzo di una creatività mai lesiva della sua dignità e che superi definitivamente gli stereotipi di genere, se lo aggiudica Indesit con la campagna #DoItTogether, realizzata da J. Walter Thompson.

Stefania Siani, membro del consiglio direttivo di ADCI, ha sottolineato: “#DoItTogether di Indesit è il progetto che più di ogni altro risponde alla volontà del premio EQUAL di evolvere l’immaginario oltre la stereotipizzazione di genere. Un piano media articolato, un investimento sistematico e multi piattaforma volto a promuovere il superamento della gender inequality nelle nostre case. Un progetto che sostiene attivamente la collaborazione tra i generi nell’organizzazione domestica e familiare. Menzione speciale a “Mom’s don’t quit”, che fa luce sul grave problema delle dimissioni e dell’abbandono del lavoro contestualmente alla maternità”.

“Sono davvero molto orgoglioso di questa edizione degli Awards. Abbiamo avuto giurie impegnate, coinvolte, con punti di vista differenti ma sempre unite da passione vera e coese verso la ricerca dell’eccellenza” ha dichiarato Vicky Gitto, Presidente ADCI. “In un momento di grande importanza per tutto il comparto della creatività, gli ADCI Awards, insieme a IF! Italians Festival, evento che fa dialogare i grandi rappresentanti del mondo della creatività, della cultura  e della comunicazione, sono un volano per dare un presente più rilevante e un futuro tangibile alle nuove generazioni” ha concluso Gitto.


Leave a reply

IF! Festival, Day 3

Si è conclusa la quarta edizione di IF!
Da lunedì riprenderemo le nostre tristi esistenze, sballottati tra criptici brief, oscuri debrief, rework carichi di rassegnazione e inevitabili rework dei rework.
Fortunatamente, da lunedì. Sì, perché oggi siamo qui, ancora emozionati e frastornati, per raccontare la terza straordinaria giornata di IF!

Per un’ora la sala Dome del Parenti diventa una gabbia, la Gabbia dei Leoni, un format fisso di questo festival.

Nicola Lampugnani (Vice Presidente ADCI, Comitato Organizzatore e Responsabile Contenuti IF!), nella veste di domatore, discute di creatività con tre giurati che hanno preso parte al Festival di Cannes: Graziana Pasqualotto (OMD Managing Director), Gianfranco Mazzone (Managing Director di Burson-Marsteller Italia) e Michele Picci (Digital Creative Director Publicis). Ogni giurato viene invitato a raccontare l’ultima edizione dei Cannes Lions attraverso un progetto ritenuto rappresentativo della loro categoria.
Si parla anche di categorie di premi. In un mondo dove la comunicazione è sempre più fluida e ricca di compenetrazioni, cosa sta accadendo nelle categorie dei festival dedicati alla creatività?

Graziana Pasqualotto, giurata nella categoria Media, racconta di aver visionato moltissimi lavori poco rilevanti con il Media. Ciò che viene chiesto dai clienti al media sono dei risultati di business, ed è con questa premessa che la Pasqualotto presenta due progetti: Terry Bradshaw’s Stain per Tide e BMW Giving Way.

Michele Picci, giurato nella categoria Promo & Activation, ricorda il discorso del presidente di giuria quando ha briffato i giurati: “Guys, everything is promo, let’s celebrate activation”. Tutto è promo, la differenza risiede nelle modalità con cui attiviamo le persone. Le campagne presentate da Picci sono Child Replacement Programme per Pedigree (un sorprendente progetto per i cani che hanno bisogno di una casa e le case che hanno bisogno di un cane), Handle With Care per Gillette e Cheetos Museum, capace di attivare i consumatori e trasformarli in media.

Gianfranco Mazzone, giurato nella categoria PR, conferma la crescente pervasività delle PR nei festival dedicati alla creativià come Cannes. La campagna portata da Mazzone è Fearless Girl per lo State Street Global Advisors, un progetto costruito con logiche e meccaniche PR.

Dopo i leoni, è il turno di tre leonesse. Giovanna Cosenza (Semiologa e Professore Ordinario Dipartimento di Filosofia e Comunicazione Università di Bologna) e Laura Carafoli (Senior Vice President – Chief Content Officer Discovery Southern Europe) affrontano con Alessandra Lanza (Consulente Comunicazione, Comitato Organizzatore e Responsabile Contenuti IF!) un argomento sempre più rilevante: la rappresentazione del corpo delle donne in pubblicità.

Si parte da dati oggettivi. Nel Gender Gap Report 2016 del World Economic Forum l’Italia è al 50° posto. Come viene costruito questo ranking? Sulla base di quattro parametri: l’educazione, la salute, la rappresentatività politica e il lavoro. Quale tra questi parametri trascina quindi l’Italia al 50° posto? Il lavoro. Secondo una recente ricerca di Almalaurea, a un anno dalla laurea e a parità di voti, una donna percepisce in media tra i 100 e i 600€ netti al mese in meno rispetto a un uomo.
Laura Carafoli, racconta la propria esperienza in Discovery, sottolineando come sia indispensabile la meritocrazia nelle dinamiche di un’azienda. La meritocrazia è ciò che rende Discovery una grande realtà da prendere ad esempio.
Si tenta poi di rispondere alla domanda più importante: il mondo della comunicazione come vede e considera il corpo delle donne?
In Italia il numero dei casi più gravi, stampe e affissioni con immagini offensive, è diminuito. Lo stereotipo, purtroppo, persiste. Persistono le abitudine visive che inquadrano la donna come una persona leggera, frizzantina e l’uomo come un soggetto pensoso, maturo, consapevole. Ciò, secondo Giovanna Cosenza, innesca un circolo vizioso, in cui le ragazze stesse vengono abituate fin da giovani a vedersi rappresentate con codici, linguaggi e immagini stereotipate, senza percepire a pieno il gap realmente esistente. Cosa possiamo fare quindi noi creativi per sovvertire questo stereotipo? Moltiplicare i modelli, aprire il ventaglio, sporcare.

Passiamo infine al motivo per cui ci siamo recati al Parenti questa giornata.
IL CONTROCOLLOQUIO.
Tre direttori creativi: Serena Di Bruno (Grey), Livio Basoli (DUDE), Gina Ridenti (TBWA). Due giovani creative: Gaia Barison (Alkemy) e Giulia Brugnoli (JWT). Apparentemente un normale colloquio di lavoro, eccetto per un piccolo particolare: per 50 interminabili minuti sono state le due giovani creative a dettare le regole del gioco.
A completare questa già sublime visione, il moderatore Roberto Ottolino (The&Partnership), che nel caso di Ottolino si scrive “moderatore” ma si legge “aizzatore”.

Mentre nella sala Dome del Parenti Morgan strimpella l’ukulele e intona alcuni versi di Faith di George Michael, al Controcolloquio Serena di Bruno accoglie la richiesta delle due giovani creative e si esibisce in un’appassionante seppur breve performance canora (Hello di Adele).

Al Controcolloquio le domande delle giovani creative sono scomode, appuntite, maledettamente taglienti. I candidati, forti della loro esperienza, hanno sempre o quasi sempre la risposta pronta.

Gaia: “Preferisci avere un rapporto amichevole o più distaccato con i creativi con cui lavori?”
Candidata Serena Di Bruno: “Amichevole…PERÒ MI INCAZZO EH!”

Gaia: “Quale mestiere avresti fatto, se non fossi divento direttore creativo?
Candidato Livio Basoli: “Il console! Anzi no…L’AMBASCIATORE!”

Giulia: “Quanto pesa un leone di Cannes?”
Candidato Livio Basoli: “Non ne conosco il peso.”
(applauso del pubblico)
Candidato Livio Basoli al pubblico: “GUARDATE CHE NON È UNA COSA POSITIVA EH!”

Gaia: “Venerdì sera. Ennesima richiesta di rework da parte del cliente per lunedì. Cosa fai? Chiedi ai creativi di lavorare il weekend o comunichi al cliente che avrà il lavoro per martedì?”
Candidata Gina Ridenti: “Prima di tutto…BESTEMMIO.”

Giulia: “Qual è il colmo per un direttore creativo?”
Candidata Gina Ridenti: “SONO UNA SEGA A RACCONTARE LE BARZELLETTE!”

A sorpresa, ai candidati viene pure sottoposto un One Minute Brief, ma il panico è altissimo, l’ansia da prestazione insostenibile e le creatività presentate inconsistenti. C’è persino chi tenta di aggiungersi ai credits delle idee presentate dagli altri.

Dopo aver esaminato i tre candidati e osservato il loro portfolio è il momento della selezione. Gaia e Giulia si prendono qualche istante per una breve consultazione, poi pronunciano il loro verdetto. È Serena Di Bruno la candidata prescelta, che può finalmente firmare un golosissimo contratto di collaborazione a progetto.

Terminato il Controcolloquio, ci si prepara alla Cerimonia di premiazione degli ADCI Awards. Per sapere come si è svolta questa grandissima serata, clicca qui.