Condividi:

2 Replies

Giurati italiani per Cannes Lions 2012: Massimo Guastini intervistato da Youmark

“Massimo Guastini difende candidature ed eletti. Nonostante il settore mormori. E non si tratta di critiche a viso scoperto, quanto di fazioni più o meno ampie, con diverse argomentazioni in merito. Anche perché in gioco c’è la professionalità indiscussa di ognuno dei prescelti. Ma siccome compito di una testata è quanto meno capire e far capire, ci è sembrato giusto addentrarci nei perché.”

Il resto dell’intervista qui.

  • http://timothypetersen.tumblr.com/ Zuma

    Sono contento che Massimo abbia risposto per le rime.
    Un solo “neo”, o commento: perché riproporre per la seconda volta consecutiva – sebbene in un’altra categoria – Bruno Bertelli?
    Non è un po’ troppo?
    Lo volevamo premiare per aver spinto il suo lavoro di Fitosonno verso il bronzo lo scorso anno :) ? Mi sfugge proprio la scelta da parte dell’ADCI di ricandidare un socio l’anno successivo a quello in cui ha fatto il giurato. Grazie (se arriva una spiegazione, altrimenti va bene così: siamo con Massimo e ci piacciono le sue scelte)

    • http://kttbblog.splinder.com/ Massimo Guastini

      Bruno Bertelli è uno dei direttori creativi italiani più autorevoli all’estero. Lo scorso anno portò al bronzo due lavori (non dimentichiamo Cric) perché evidentemente seppe trovare le argomentazioni giuste. Ma devi anche saper puntare su lavori difendibili senza compromettere la tua credibilità: in giuria non hai a che fare con degli interlocutori sprovveduti.
      In reatà, come ho spiegato a youmark, non avrei potuto candidare Bertelli perché il regolamento non permette di partecipare a due giurie (anche diverse) consecutive. Peccato che, almeno qui in Italia, il regolamento viene tramandato oralmente, come l’Iliade tremila anni fa. Nessuno mi aveva avvisato di questo. Spero di avere un regolamento scritto il prossimo anno. Non dovrebbe essere difficile dopo tutto.
      Ciao
      m.