1 Reply

I Giovani Leoni 2014

Anche quest’anno tornano i Giovani Leoni, l’evento organizzato da Rai Pubblicità in collaborazione con ADCI, Assocom e Gettyimages, che non vi fa dormire il sabato sera.

È possibile registrarsi sin da ora sul sito giovanileoni.it

Sullo stesso sito è anche possibile leggere molto attentamente il regolamento e rendersi conto di una grande novità:

le modalità della sezione CYBER (finalmente, grazie a Dio) cambiano radicalmente.

Non più anacronistici banner ma campagne che si sviluppino sui vari social media. Una decisione presa direttamente da Cannes, alla quale siamo più che felici di adattarci. Quindi si aprono le porte a tutti quei creativi che quotidianamente affrontano campagne sviluppabili su social network ma che magari non sono dei draghi con html, flash ecc. ecc.

Per i dettagli di questa e di tutte le altre categorie potete leggere molto attentamente il regolamento che trovate qui.

A proposito di regolamento da leggere molto attentamente…

Per evitare le spiacevoli situazioni in cui siamo incorsi l’anno scorso, quest’anno si creerà una specie di commissione che valuterà gli elaborati prima che arrivino sul tavolo delle giurie. Questi saranno valutati solo in termini di regolamento. Chiunque non abbia rispettato i termini del regolamento incorrerà in una squalifica.

Questo per lasciare alle giurie il compito di valutare gli elaborati solo in base alla creatività e alla risposta al brief senza preoccuparsi di altro.

Quindi leggete molto attentamente il regolamento.

Ah… poi fate del vostro meglio e divertitevi, sarà pur sempre sabato sera.


28 Replies

Giovani Leoni – Decisioni Design

Per quanto riguarda la categoria DESIGN il vantaggio avuto dalla violazione del regolamento è stato ritenuto non rilevante. Per tanto non ci sarà nessuna squalifica.

Punto chiave della decisione la dichiarazione di Bruno Stucchi, presidente della giuria Design, a cui è stata posta la seguente domanda: “In tutta sincerità e onestà professionale, pensi che il fatto di avere presentato 3 board invece che uno abbia influenzato, anche in minima parte, il giudizio della giuria?”

Premetto che dal mio punto di vista personale, anche un “non saprei” sarebbe bastato per mettere in discussione la premiazione.

Ma la risposta (scritta) è stata questa:

Tutti i membri della giuria erano perfettamente coscienti del fatto che la proposta fosse sviluppata su tre board – e quindi non perfettamente in regola con il brief da un punto di vista tecnico/formale. 

E infatti ad un certo punto della discussione abbiamo verificato in modo collegiale se gli elementi presenti sugli altri board ci sarebbero stati su uno, ovvero se la dilatazione su tre pagine fosse necessaria al rollout dell’idea. La risposta pressoché unanime è stata che avrebbero potuto benissimo starci su uno, e ciò non avrebbe comunque cambiato il fatto che quell’idea era la più solida, anche se non la preferita da tutti da un punto di vista formale.

 La proposta ha vinto per i seguenti motivi: 

 

  • Concept esattamente in brief (il premio di GL è volare a Cannes, non vincere a Cannes)
  • Spirito e trattamento originali, pertinenti e rilevanti (l’immagine GL trattata come una airline low cost per giovani)
  • Stile di design coerente con il concept, differenziante e ben eseguito e presentato
  • Elementi di brand (e.g. colori, tonality) coerenti con immagine ADCI  e quindi corretto approccio da un punto di vista di brand architecture
  • Logo “gender respectful” (simboli leoni maschio+femmina), eseguito in modo originale e tecnicamente corretto (semplicità, adattabilità, possibiltà di riduzione, di cross-medialità, etc…)
  • Sviluppo del concept sui materiali richiesti brillante e coerente con idea (e.g. i diplomi come aerei di carta che si piegano e lanciano)

Infine, un elemento di giudizio importante è stata la valutazione del potenziale delle coppie arrivate in shortlist rispetto al contest di Cannes, in termini di capacità di produrre un concept e un design solidi e brillanti in poco tempo, in ambiente internazionale  (i.e. capacita di capire/interpretare un brief – e l’inglese ottimo è qui fondamentale – di relazionarsi, di capire il contesto e gli avversari, di presentare anche in forma scritta), e quindi in ultima analisi ben rappresentare l’Italia. 

La giuria, che ricordo non è formata da persone alle prime armi influenzabili da una bella impaginazione, si è quindi focalizzata sul logo, sull’attestato e sull’invito.

La violazione e vantaggio ottenuto in questo caso non è sostanziale poiché tutto quello presentato oltre le richieste, non è stato valutato (in questo e in altri casi della stessa categoria).

 


23 Replies

Giovani Leoni – Decisioni Cyber

Per quanto riguarda la categoria Cyber ci vediamo costretti a squalificare  la campagna vincitrice. Personalmente è una decisione presa con dispiacere perché sarebbe dovuta avvenire prima della premiazione, in modo da non creare una situazione spiacevole nei confronti dei vincitori, prima premiati e dopo pochi giorni privati di quello che sembrava ormai realtà

Detto questo è risultato evidente che la campagna vincente abbia avuto un vantaggio sostanziale e oggettivo, non rispettando le limitazioni del regolamento.

Analizzando il regolamento chiaramente si puo leggere:

“Il lavoro dovrà essere finalizzato come DEMO utilizzabile e interattiva. Non sono ammessi video che spieghino l’idea creativa senza permetterne l’interazione.”

Questo perché alla base della categoria Cyber vige la condizione che i ragazzi debbano PENSARE e SVILUPPARE una campagna INTERATTIVA in 24 ore.

Un video esplicativo può coprire solo la parte relativa al PENSARE un’idea in 24 ore. L’idea vincente, per quanto creativa e concettualmente in brief possa essere, NON mostra le caratteristiche di SVILUPPO e INTERATTIVITA’.

Avendo chiaro che l’idea creativa in questione prevede uno sviluppo “Live”, sarebbe stata ritenuta sufficiente anche una  DEMO INTERATTIVA. Nello specifico se il video su Youtube allegato nella cartella fosse stata una ricostruzione interattiva dove simulando il tweet qualcosa di registrato accadeva nel video, sarebbe stata premiabile. Poiché appunto soddisferebbe le richieste di INTERATTIVITA’ e SVILUPPO (di DEMO).

Permettere solamente di mostrare idee in divenire mediante un video apre troppi possibili sviluppi. Questo è esattamente il motivo per cui esiste quella voce del regolamento.

Allo stato attuale non squalificare questa idea creerebbe un precedente che renderebbe di fatto ingestibile, nella categoria cyber, il premio negli anni avvenire.

A titolo personale, mi dispiaccio e, mi scuso nuovamente con i partecipanti che si sono visti premiare prima e ritirare ora la loro possibilità di andare a Cannes.

Vorrei che sia chiaro che questo non significa che i ragazzi autori della campagna siano cattivi creativi o persone da additare come scorrette. Siamo fermamente convinti della loro buona fede. E ciò non toglie loro i meriti nell’ideare un soluzione che, in un altro contesto meno limitante, manterrebbe intatte le sue qualità creative.

Da parte nostra faremo il possibile perché questa situazione non si ripeta. Oltre alle giurie dovrebbe crearsi una figura che valuti le campagne in termini di regolamento prima delle premiazioni.

 

Giovani Leoni – Le Decisioni Prese

A questo post ne seguiranno altri due con i dettagli sul perché siano state prese le decisioni in merito alle categorie Cyber e Design che sono state:

Assegnazione del premio ai secondi classificati per il Cyber.

Conferma della classifica per il Design.

Vi prego di aspettare (pochi minuti) di leggere entrambi i prossimi due post prima di commentare.

Ribadisco poi una delle caratteristiche principali dei Giovani Leoni, cioè la presenza di grandi limitazioni di tempo e di mezzi, col fine di premiare lavori IDEATI e SVILUPPATI in 24 o 48 ore da due giovani PROFESSIONISTI.


3 Replies

Che la lotta abbia inizio.

Sono ufficialmente aperte le iscrizione per I Giovani Leoni 2013.

Sul sito troverete tre sezioni, quella organizzata da Sipra in collaborazione con l’ADCI da quest’anno si chiama Giovani Creativi e potrete iscrivervi fino al termine della competizione che inizierà ufficialmente alle 9:00 di Sabato 6 Aprile. Da quel momento avrete 24 ore per sviluppare una campagna per le categorie Stampa, Digital e Design e 48 ore per la categoria Film. Non mi dilungo sul regolamento perché è tutto scritto nel sito giovanileoni.it

Dico solo che quest’anno le regole sono più chiare e quindi sarà più facile rispettarle e farle rispettare.

Vorrei invece tornare un attimo sulla competizione dell’anno scorso dove le 131 proposte inviate erano così suddivise: Press (84), Cyber (15), Film (14), Design (18). Non ci vuole una laurea in scienze matematiche per rendersi conto che le possibilità di vittoria fossero maggiori nelle categorie diverse dalla stampa. Pensateci quando sceglierete il brief, e ricordatevi che, se siete pazzi abbastanza, nessuno vi vieta di partecipare a più categorie contemporaneamente (come coppia, non con partner differenti).

Ricordatevi inoltre che se siete studenti e non avete mai lavorato professionalmente con qualche agenzia o studio di comunicazione NON potete partecipare.

Quindi ora sta a voi, avete una ventina di giorni per trovare il partner giusto, affiatarvi, allenarvi ed essere pronti per sbaragliare tutti gli altri agguerriti leoni.

Ne resteran soltanto 8 e andranno a Cannes.

Come termine di paragone, qui trovate tutte le campagne sviluppate nella Young Competition di Cannes negli ultimi 5 anni.


Leave a reply

Leoni Giovanni in posizione esplicita rivela il suo progetto.

 

Non è stato difficile trovare Giovanni Leoni e il suo modellino (è bastato un motore di ricerca qualsiasi), sarà invece più impegnativo trovare I Giovani Leoni da mandare alla Young Lions Competition di Cannes. Impegnativo per voi che partecipate ovviamente.

Ma prima di annunciare la nuova edizione, che si terrà la prima settimana di Aprile, vorrei rinnovare i complimenti ai Giovani Leoni dell’anno scorso per la grande prestazione a Cannes. Forse non tutti ci hanno fatto caso, ma se si fosse organizzato un medagliere come alle Olimpiadi, l’Italia sarebbe stata la nazione in testa alla classifica (con un oro, un argento e un bronzo). Un grande risultato ma, a meno che non si collezionino 6 ori (contando anche le categorie Media e Marketers) si può sempre fare di meglio. Un risultato che riempie di soddisfazione anche perché sintomo che la nuova formula del regolamento ha funzionato. Mi piacerebbe sapere se con la vecchia formula i ragazzi di Cannes avrebbero avuto la possibilità di parteciparvi.

Ma ora sta ai prossimi Giovani Leoni riconfermare l’Italia come la migliore nazione al mondo Under 28 (senza pressioni, eh). Quest’anno ci saranno novità e aggiustamenti. Il regolamento sarà lievemente più rigido (o forse semplicemente più chiaro) al fine di evitare le polemiche e i problemi insorti l’anno scorso. L’interfaccia del sito che sarà on line a breve (qualche giorno ancora) sarà rivista al fine di semplificare il tutto e per finire ci saranno cambiamenti anche nella selezione delle giurie.

Quindi preparatevi, il momento dell’iscrizione è vicino. E ricordatevi: I Giovani Leoni possono essere una grande occasione per rendere concrete le vostre passioni e i vostri progetti.

Proprio come ha fatto Giovanni Leoni (imagine qui sotto). Lui ce l’ha fatta. Ora tocca a voi.


Leave a reply

Consigli per Giovani Leoni.

 

Mancano poco più di due settimane al momento in cui i professionisti under 28 (compreso), si sfideranno nei nuovi Giovani Leoni.

Il 17 marzo alle ore 9:00 sul sito giovanileoni.it verranno diffusi i 4 brief: Stampa, Film, Digital e Design. Da quel momento, che siano 24 o 48 ore, dovrete dare il meglio di voi. Il regolamento lo potete trovare qui.

Qui invece qualche consiglio a tutti i partecipanti:

Non siete in agenzia.
Qui non ci sono direttori creativi da conquistare, o clienti da adulare, o richieste banali da soddisfare. Dimenticatevi qualsiasi dinamica di agenzia, affidatevi alla vostra creatività cercando comunque di non andare fuori brief.

Non fatevi aiutare da esterni.
Non solo per una questione di rispetto delle regole e degli altri partecipanti. Qui non si tratta di una gara d’agenzia o di risolvere un brief con mestiere. La furbizia, l’astuzia, l’esperienza dei direttori creativi o dei professionisti più anziani non è detto che sia utile in questo caso, anzi. Qui si premiano la freschezza delle idee, quel pizzico di incoscienza e di novità che sono presenti più nei giovani che nei rispettabilissimi direttori creativi.

Una e subito.
Ogni coppia potrà presentare solo una soluzione creativa. Per cui una volta individuata concentrate tutte le energie solo su di essa e su come migliorarla. Sacrificate tutto il resto del brainstorming senza paura e senza rimpianti. Non cercate compromessi e non lavorate su due idee contemporaneamente, sarebbe solo uno spreco di energie.

Non aspettate le 8:55
I tempi sono strettissimi, ma non aspettate l’ultimo secondo per mandare la vostra idea. Appena ne siete soddisfatti inviatela all’indirizzo del concorso. Questa nuova formula è nuova per tutti, anche per gli organizzatori. Se tutti mandassero le loro proposte negli ultimi 5 minuti disponibili potrebbero generarsi problemi di sovraccarico o simili che sarebbe meglio evitare. Non ci saranno proroghe sulla scadenza, neanche di qualche minuto, quindi non dovrebbe essere bello per chi partecipa non riuscire a inviare la propria proposta perché il sistema è intasato.  Mentre facendolo con una o due ore di anticipo ci sarebbe tutto il tempo per far fronte alle diverse problematiche.

 

Come ultima cosa qui ci sono tutte le campagne (vincitrici e non) realizzate durante la Cannes  Young Lions Competition degli ultimi anni, di sicuro vi tornerà utile per capire quale possa essere il metro di giudizio e la qualità dei lavori.

 CANNES YOUNG LIONS PAST WINNERS

Ora non resta che aspettare le 9:00 del 17 marzo.
In bocca al lupo. O al leone.


7 Replies

I “nuovi” Giovani Leoni

 

Nei prossimi giorni Sipra in collaborazione con l’ADCI diffonderà il regolamento ufficiale dei Giovani Leoni 2012. Regolamento che porterà diversi cambiamenti rispetto alle precedenti edizioni in particolare per quello che riguarda le categorie PRINT, FILM, DIGITAL e la nuova DESIGN.

Più che cambiamento è giusto parlarne come un adeguamento dato che la formula diventerà simile alla competizione che si svolge a Cannes. Lo scopo principale è quello di far diventare I Giovani Leoni una manifestazione per valorizzare e promuovere esclusivamente il talento dei giovani professionisti creativi.

Tutti avranno le stesse possibilità di vittoria. I brief saranno uguali per tutti e i mezzi (sperando e augurandoci che nessuno intervenga dall’esterno) saranno pressoché gli stessi. Sta solo alla vostra abilità e creatività. Con la vecchia formula una vittoria dipendeva troppo dai clienti, dalle opportunità e dai brief dell’agenzia di appartenenza.

Potranno parteciparvi tutti i giovani creativi under 28 che lavorino o abbiano lavorato per un’agenzia pubblicitaria italiana. Potranno fare coppia con un giovane creativo anche di un’altra agenzia. Quindi niente più coppie con un membro senior, niente più aggiunte last minute nei credits per aggiudicarsi un viaggetto a Cannes.

I tempi a disposizione per la realizzazione saranno quelli di Cannes (24 ore per Stampa, Digital, Design e 48 ore per Film) e probabilmente si svolgerà durante un fine settimana in modo da non “scontrarsi” con impegni lavorativi. L’invio delle proposte avverrà in forma digitale e, come sempre, l’iscrizione gratuita.

Queste sono alcune novità, le più importanti. Maggiori dettagli e il regolamento completo usciranno presto sul sito dedicato sviluppato da Sipra e, ovviamente, anche su questo blog. Un ringraziamento va proprio a Sipra che fin dalla prima proposta si è subito rivelata disponibile ed entusiasta verso questi cambiamenti.

Quindi, aspettando i prossimi aggiornamenti, vi possiamo dire di cominciare ad affilare le unghie e mostrare i denti perché quest’anno dipenderà esclusivamente da voi stessi.