Condividi:

6 Replies

Rooster dei premi digitali. Una proposta (aggiornata).

Si è da poco concluso il SXSW. A buon diritto la si può definire la più importante conferenza al mondo di interaction e digital design. Che al suo interno include un premio, gli SXSW awards. Oltre a questo, è, già dallo scorso anno, un luogo dove la creatività digitale di manifesta in maniera seminale: mi riferisco al caso di  Social Media Hell della R/GA.
Bene, questo mi ha fatto pensare che per l’ADCI sia tempo di aggiornare la lista dei premi digital da includere nel proprio rooster (anche per potersi accreditare come socio).
Ecco una mia lista.
Il già citato SXSW awards.
Vimeo e youtube sono i più importanti premi digital / viral in ambito video.
Facebook Studio è il premio del più importante social network.
Mashable è la bibbia dei social media e digital:
Il TED, che ha lanciato una sezione di ads worth spreading:
Il notissimo FWA.
Da ultimo, inserirei Contagious, bibbia della comunicazione viral (l’Archive del virale, insomma), che ha un forte seguito online.
Aggiungo gli awwwards e i webby awards, in effetti molto considerati in rete e non solo.
Resta una lista assolutamente opinabile.
Per cui: integratela, contestatela, riducetela.
A voi la palla.
  • Matteo

    Aggiungo awwwards.com se può servire

  • old

    e i webby?

    • http://scrittorefreelance.blogspot.com/ Gianni Lombardi

      Per favore, commenti un po’ più argomentati, se possibile. Se in Svizzera o in Norvegia si parlasse di premi pubblicitari e qualcuno scrivesse “e l’adci?” non è detto che tutti capiscano l’ADCI Awards dell’Art Directors Club Italiano.

      E, visto che si parla di digitale, ricordarsi di aggiungere un link completo di “http://”, come ad esempio: http://www.webbyawards.com/

    • old

      integrazione molto costruttiva, chissà se si poteva fare in modo meno supponente.

    • http://geekadvertising.wordpress.com/ Paolo Guglielmoni

      grazie a entrambi, ho aggiornato il post con i 2 suggerimenti.

  • http://www.facebook.com/profile.php?id=100003405712026 Patrick

    Massimo, ci abbiamo messo almeno sei anni, prima di capire che andava fatta la categoria ambient (o guerrilla). Pensa io ho dentro l’annual del 2001 una campagna di merda, nel senso che era un Guerrilla/ambient fatta con lo sterco dei cavalli, mettendo un cartellino sopra la cacca dei cavalli a villa Borghese e a Piazza di Spagna a Roma e ad Hide Park a Londra, inserita nella categoria Materiali promozionali(!!!). Spero per il prossimo anno che al grand prix possano concorrere tutte le categorie. Io pero’ il premio lo farei anche il prossimo anno. Si puo’ migliorare in tempo. Per il resto sono d’accordo con te. Gia’ a Londra nel 2000, avevano lanciato l’allarme sul disinteresse dei giovani verso l’advertising. Nelle agenzie non arrivavano piu’ richieste di assunzione da parte dei giovani. Le agenzie di Londra non tiravano piu’. Pienone invece nelle aziende di design dei giochi elettronici. Con i nostri soliti 7 anni di ritardo eccoci qua anche noi.