Condividi:

3 Replies

“Gli Adci Awards sono l’unico premio davvero importante nel nostro paese” – Nicola Lampugnani e la sua Giuria

presidente sezione comunicazione integrata Adci Awards

Nicola Lampugnani, direttore creativo esecutivo TBWA e presidente della sezione comunicazione integrata agli Adci Awards, ci parla oggi della sua giuria.

Da chi è composta la tua giuria e con quale criterio/i hai scelto la tua squadra?

Ecco la mia giuria:
Luca Scotto di Carlo
Marco Venturelli
Angelo Pannofino
Davide Boscacci
Hugo Gallardo
Giandomenico Puglisi
Giuseppe Mastromatteo
Bruno Bertelli
Emanuele Nenna
Francesco Bozza
Il criterio che ho applicato nella scelta dei componenti è molto semplice: ho scelto le persone con cui mi piace discutere di pubblicità, tutte persone che stimo professionalmente e personalmente. Tutte persone con cui sono certo di poter creare il giusto mood per affrontare una giuria. Nel nostro lavoro l’attitudine con cui si affrontano i problemi o le opportunità è la cosa che più di tutto ci fa fare la differenza.


Quali indicazioni darai ai componenti della tua giuria nel valutare i lavori iscritti?

Partendo dal presupposto che nella mia categoria non credo ci sia il rischio di trovare campagne finte come per esempio nella stampa o nella radio, il criterio che darò è: prima giudichiamo le idee poi, a parità di valore creativo, l’innovazione nell’utilizzo dei mezzi. Adoro da sempre le idee che mi stupiscono anche a livello media.


Perché hai accettato di fare il Presidente di giuria?

Guastini mi ha chiamato mentre ero in motorino. Con l’auricolare non sentivo bene e ho detto sì. Tanto nella mia vita non ho mai riflettuto molto.

Perché i creativi dovrebbero iscrivere i lavori agli adci awards?

Gli ADCI Awards sono l’unico premio davvero importante nel nostro paese. Le tante polemiche degli ultimi anni ne sono la prova. La gente non si incazza se la posta in gioco è bassa.


In un momento di crisi come questo perché è secondo te importante battersi per la qualità dei lavori?

In questo momento l’importante è battersi per ridare dignità e valore al nostro lavoro. Questo passa inevitabilmente attraverso la qualità.