Condividi:

Creatività pubblicitaria in Italia: lettera da Parigi

Alasdhair Macgregor-Hastie, un piemontese dal nome scozzese, ha scritto a Lato B, il blog di ADV Express per raccontare la sua esperienza di italiano all’estero:

“Torneresti a lavorare in Italia?”.
La risposta? “No”.
All’estero ci si guadagna di più, ci si impara di più, lavori con gente più preparata e talentuosa, ci sono ancora produzioni milionarie e, nel nostri caso, si vive a Parigi.
Ma soprattutto, in Italia non ci sono i clienti. Infatti, è tutta colpa dei clienti.
Eppure, in Italia esistono marchi molto interessanti, ma gli interlocutori a sud del Monte Bianco non sono interessanti per chi ama la creatività, nè sono interessati ad averla. In Francia i clienti ci criticano per la scarsa originalità delle idee. In Italia ci criticano (mi hanno criticato personalmente) per troppa creatività.

Il resto della lettera di Macgregor su Italia e creatività qui.

Alasdhair Macgregor-Hastie, direttore creativo con esperienze in Italia e internazionali