Condividi:

“Più premiamo, meno valgono i premi” – Adci Awards: Mauro Manieri e la sua Giuria.

Mauro Manieri presidente sezione Social e Radio Adci Award 2012

Come ogni anno abbiamo prorogato la scadenza degli Adci Award. Avete tempo sino all’otto marzo. A differenza degli anni passati abbiamo pensato di rivolgere alcune domande ai Presidenti delle Giurie.
Apre le danze Mauro Manieri, Presidente della Giuria che valuterà le campagne sociali e quelle radio.

Da chi è composta la tua giuria e con quale criterio/i hai scelto la tua squadra?

Non ho seguito un unico criterio. Ne ho seguiti un po’, tanto per rendermi la vita più complicata.
Criterio A. Pur essendo tra i creativi che vivono e lavorano Milano, ho sempre trovato strana la poca presenza di giurati di area torinese. Ne ho chiamati 3 sui 10 giurati di mia competenza.
Criterio B. Presiedo, oltre alla quella “sociale”, anche la giuria radio, solitamente sovrappopolata da copywriter. Ma davvero gli art director non sono in grado di giudicare una buona idea radio? Quelli con cui ho avuto la fortuna di lavorare, lo sono stati tutti. Ergo: 4 su 10 sono art director.
Criterio C. Adoro i network internazionali. Ci lavoro dentro da una vita. Ma la realtà dell’advertising italico è sempre più ricca di sigle che nascono localmente e si guadagnano col sudore della fronte il loro spazio. Ecco perché solo 3 giurati provengono da sigle internazionali.

Ed ecco la squadra (ne manca uno, ancora incerto): Alessandro Sabini, Giuseppe Mazza (sostituito da Francesco Simonetti), Michele Mariani, Michela Grasso, Paolo De Matteis, Stefano Volpi, Andrea Stanich, Sofia Ambrosini. A questi si aggiunge Daniele Dionisi.

Quali indicazioni darai ai componenti della tua giuria nel valutare i lavori iscritti?

Quelle del Call for entries e quelle di Vicky Gitto, presidente dell’annual 2012.
Più una sola mia: più premiamo, meno valgono i premi. Non regaleremo nemmeno un bronzetto a chi non se lo merita veramente. E niente metalli alle campagne per il vinaio compiacente sotto casa.


Perché hai accettato di fare il Presidente di giuria?

È quello che mi chiedo anch’io.

Perché i creativi dovrebbero iscrivere i lavori agli adci awards?

Per lo stesso motivo per cui un calciatore dovrebbe desiderare di vincere il campionato.

In un momento di crisi come questo perché è secondo te importante battersi per laqualità dei lavori?

Perché è proprio con la qualità che si esce dalla crisi.

Massimo Guastini chiede di condire queste mie risposte con cenni biografici a piacere. Cosa che, proprio per il vostro piacere, tenderei a risparmiarvi.
Chi però avesse un bisogno impellente di info sul mio conto, può andare su http://it.linkedin.com/in/mauromanieri per il mio cv, o su http://mauromanieri.blogspot.com per una raccolta non esaustiva delle puntate della mia vita professionale.

7 pensieri su ““Più premiamo, meno valgono i premi” – Adci Awards: Mauro Manieri e la sua Giuria.

  1. Bello sentire qualcuno che dice che non si premieranno le campagne per il vinaio sotto casa. Speriamo valga lo stesso per tutte le categorie.

    Ma la proroga è anche sulla pianificazione dei lavori?

    • Anche perché di vinai, sotto casa, non è che ce ne siano molti.

      Per quel che riguarda le proroghe: fino al 29 febbraio l’uscita dei lavori che possono essere iscritti. Fino all’8 marzo l’iscrizione.

    • Dipende da dove abiti, Gianni.
      Scherzi a parte, il vinaio sotto casa è evidentemente un simbolo retorico per rappresentare la categoria di piccoli esercizi commerciali e artigiani con sorprendente attività ATL.

  2. Pingback: “Senza una riflessione comune sul proprio lavoro i livelli si abbassano” – Adci Awards: Luca Miniero e la sua Giuria. | Il blog dell'ADCI

  3. Pingback: Adci Awards – Shortlist Radio & Campagne Sociali | Il blog dell'ADCI

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>