Leave a reply

ADCI Awards 2016 – Le Giurie

Presidenza Giuria PROMO/ACTIVATION – Luca Cinquepalmi – Direttore Creativo Esecutivo Publicis Italia

Presidenza Giuria CYBER 1 – Paolo Iabichino – CCO del Gruppo Ogilvy & Mather Italia

Presidenza Giuria CYBER 2 – Ottavio Nava – Co-founder & Managing Director Italia di We Are Social

Presidenza Giuria DIRECT/PR – Sergio Müller – Creative & Planning Director di A-Tono

Presidenza Giuria STUDENTI – Jack Blanga – Digital Director di TBWA\Group

Presidenza Giuria INTEGRATED – Ginevra Capece – Creative Strategist in Facebook

Presidenza Giuria FILM/CRAFT/BRANDED CONTENT – Stefania Siani – Executive Creative Director di DLVBBDO

Presidenza Giuria OUTDOOR/FOTOGRAFIA – Serena Di Bruno Direttore Creativo Associato di GreyUnited

Presidenza Giuria STAMPA/DESIGN – Francesco Guerrera – Direttore creativo e Partner di Le Balene

Presidenza Giuria RADIO/COPYWRITING – Lorenzo Crespi – Direttore Creativo Havas Worldwide Milan

 


Leave a reply

THANKS ENZO IT’S A BIG FRIDAY

 

Ve lo avevamo già accennato.
Tante iniziative pronte per voi giovanotti dell’Italia creativa.
Dopo il 7daysBrief, ecco il Grande Venerdì di Enzo.
Sempre ad IF!, sempre con tanti Direttori Creativi alla ricerca di nuovi talenti, affamati di grandi idee.

Tirate fuori le p***### e i vostri portfolii e andatevi a prendere quella scrivania vuota che aspetta solo di essere occupata.

Che David Droga sia con voi e con il vostro Art o Copy.

Sarà una serata difficile ma per partecipare è davvero molto facile.
Cliccate qui.
In bocca al lupo!


Leave a reply

7 DAYS BRIEF

Ebbene ci siamo. IF! è alle porte e gli appuntamenti per voi giovani creativi italiani iniziano a sbocciare come rose a dispetto dell’inverno che inizia a farsi sentire.

Partiamo dal primo appuntamento. Stiamo parlando proprio del 7 Days Brief, premio che ADCI e GOOGLE ogni anno preparano per scegliere le migliori teste creative capaci di produrre in sette giorni un video roll out davvero unskippable.

Il primo ottobre, sul questo bIog, caricheremo il brief.
Quindi seguiteci come solo un bravo stalker è capace di fare.

Questa la giuria che vi giudicherà.

Marianna Ghirlanda – Presidente di Giuria (Google Italia)
Luis Ciccognani - Politecnico di Milano
Pasquale Frezza – Clients Creative Director DLVBBDO
Mirco Pagano – Creative Director TBWA and Integer Italia
Matteo Maggiore – Associate Creative Director Leo Burnett Dubai
Lavinia Francia – Senior Copywriter Ogilvy&Mather

Siete avvisati. ;)


Leave a reply

TEMPO DiVINO NELLE TERRE DI ALBIONE.

Lettura 2/3 minuti

Non c’è dubbio, sta cambiando e qualcosa è già cambiato. Quest’estate, ma in verità già da qualche anno, molti luoghi comuni sono stati messi in discussione, sono stati rimossi,
sbriciolati. Il solleone, anche quest’anno, è stato indiscusso protagonista a latitudini finora mai costantemente accarezzate. Popolazioni del nord Europa, incoraggiate dai caldi raggi, sono state viste migrare verso le proprie zone costiere armate di sdraio, ombrelloni e piedi ammollo con tanto di selfie, irriverenti prove da esibire sui social e dedicati al resto del continente. Londra 32, Copenaghen 30, Glasgow 28, sono queste le gradazioni raggiunte nella stagione calda da alcune città europee notoriamente conosciute come “tiepidine”.

I cambiamenti climatici in atto sconvolgono i naturali usi e costumi di lontana memoria scolastica; ridisegnano la nostra mappa concettuale del mondo, ci forniscono nuove informazioni che dovrebbero rimuovere le vecchie. Ridisegnano Genti e Territorio.

Brindiamo allora all’Estate democraticamente diffusa, perché c’è il bisogno di cogliere e accogliere, incuriositi, il buono dal nuovo. Ecco, nell’atto di brindare notoriamente si confrontano da sempre due scuole di pensiero: la prima considerata un po’ snob, è quella che senza se e senza ma stappa (senza fare rumore) una bella bottiglia di champagne; l’altra, a volte snob di ritorsione, è quella che con patriottico orgoglio stappa (con rumore) il suo bel prosecco vantando l’italico sorpasso sui cugini francesi. Nella guerra planetaria delle festose e inebrianti bollicine si fa strada, spinge  non più  all’orizzonte il terzo incomodo, lo Sparkling wine direttamente dalle terre di Sua Maestà Britannica.

Eh già, Il riscaldamento globale è venuto in soccorso dei sudditi di Sua Maestà. Lo spostamento delle fasce climatiche verso nord ha permesso di ottenere nel sud dell’Inghilterra le stesse temperature finora presenti nella regione della Champagne.

L’Inghilterra ha avuto da sempre un clima troppo rigido per poter sperare in una giusta maturazione del frutto di Bacco. Con l’inversione di tendenza, i novelli cantinieri britannici,  si sono trovati nella possibilità di produrre un loro spumante, metodo classico di alta qualità. L’idea di produrre un’alternativa anglosassone di qualità allo Champagne, nacque verso gli anni ’80 e  lo spumante rappresenta oggi circa i due terzi dell’intera produzione vinicola britannica, coprendo lo 0,25% del fabbisogno interno. Comunque piccolo, lo Sparkling batte lo Champagne! Tim Atkin, noto Master of Wine di Sua Maestà, dichiara al Times  di essere orgoglioso di quanto stia accadendo in U.K. . Il clima così come si sta delineando favorisce ogni anno la nascita di nuove cantine: si vendemmia nel Kent  come nel Sussex, nell’Hampshire, nell’isola di Wight, nella Cornovaglia, nell’Oxfordshire, nel Galles, in Scozia e perfino nei dintorni di Londra.

L’inversione di tendenza climatica per l’Inghilterra si traduce in ettolitri. E negli assaggi alla cieca  dei concorsi internazionali,  per intenderci quelli con le etichette nascoste, i vini sono così competitivi da superare quelli di molti altri Paesi, Italia e Francia compresi (Corsera). L’Indipendent attacca a testa bassa: ad aver messo le bollicine in bottiglia fu un certo Christopher Merret nel 1662, cioè trent’anni prima di un più ben noto monaco francese passato alla storia, Dom Pierre Pérignon a cui però viene riconosciuta la primogenitura . L’inappuntabile “Times” a questa affascinante svolta vitivinicola, ha  invece dedicato un editoriale, dai toni pacatamente patriottici: «E’ il rinascimento del vino Inglese» con un “remember” ai cugini francesi: «La nostra storia enologica è più antica della vostra.  Nel censimento voluto nel 1086 da Guglielmo il Conquistatore qui c’erano 40 vigneti». Nove secoli dopo, i vignaioli sono più di 500. Più di 2.000 gli ettari a vigna. La produzione in 5 anni è quasi raddoppiata, raggiungendo i 5 milioni di bottiglie. La previsione è di arrivare a 10 milioni nel 2020. Tre bottiglie su quattro sono di spumante. In metà dei vigneti sono stati piantati Chardonnay, Pinot Noir e Pinot  Meunier, i vitigni tradizionalmente usati per  lo Champagne.

Crolla un luogo comune, il “Times” ricorda ancora che, fino a pochi anni fa, se si parlava di un prodotto britannico con «note floreali e acidità bilanciata, si pensava a un deodorante per ambienti più che a un vino». Nove i trofei vinti dalle bollicine britanniche nelle ultime 16 edizioni del Best International Sparkling Wine.

Queste cantine con i loro prodotti di qualità, in poco tempo hanno conquistato intenditori da tutto il mondo. Jancis Robinson Mary esperta di vini per il Financial Time e consulente per la Cantina di Sua Maestà Elisabetta II fa riferimento alle produzioni di: Bride Valley, Camel Valley, Chapel Down, Coates & Seely, Court Garden, Digby, Furleigh, Gusbourne,  Hambledon, Hart of Gold, Hattingley Valley, Hush Heath, Nyetimber, Ridgeview, Winston. Se volete togliervi il dubbio, acquistate e sorseggiate. Molti di loro vendono via internet. Visitando i loro siti, l’atmosfera che ci si presenta è quella giusta: veduta di filari al sole, vendemmia felice, proprietari sorridenti e soddisfatti della loro oramai radicata passione.

Sembra di stare in quei luoghi magici nel Chiantishire (Italia) dove gli inglesi hanno già da tempo acquistato vigne e nobili cantine e stabilito la loro residenza da Buen retiro e, nel resto del Paese Italia insieme a facoltosi ed illuminati tedeschi hanno risollevato e reso competitive diverse Etichette, destinate per incompetenza ed atavica arroganza, all’oblio. A noi italiani non so, ci piace vincere facile il sorpasso di vendite del prosecco a danno dei cugini con lo champagne ci ha reso una nazione felice. Prosecco batte Champagne!?! Ma non è lo stesso prodotto:  costa la metà o un terzo anche  un quarto se valutiamo la media commerciale. Non è la stessa lavorazione, non è la stessa qualità, è un’altra cosa! I francesi, consapevoli da dove arriva il pericolo, non ci stanno, partono alla riscossa, passano la Manica. Taittinger, la maison di Champagne ha già comprato 70 ettari nel Kent.

Nel frattempo un altro luogo comune sta per essere superato, ed è quello della cucina. Chi non ricorda John Cleese, dei Monthy Python in “Un pesce di nome Wanda” tessere le lodi alla cucina inglese con: «Il contributo inglese alla cucina internazionale: la patatina.   E cosa mangiano gli inglesi con le patatine per renderle meno squallide?… il pesce!»

Frase peraltro attribuita ad un altro eccellente suddito di Sua Maestà, Glenda Jackson che in altra occasione, per rimarcare il sense of humor inglese, aveva dichiarato:« l’Inghilterra è l’unico paese dove il cibo è più pericoloso del sesso». E William Somerset Maugham , scrittore e commediografo britannico  considerava che  «Per mangiare bene in Inghilterra, si dovrebbe fare colazione tre volte al giorno»

Bene, quest’anno a vincere il premio come migliore ristorante al mondo è stato il nostro Massimo Bottura e la sua Osteria Francescana di Modena. Tra i primi dieci: francesi, spagnoli, al sesto posto il Noma di Copenhagen, Danimarca dove lo chef danese René Redzepi ha come obiettivo da sempre di reinterpretare la cucina nordica (lo scorso anno oro). In questa classifica delle migliori cucine al mondo dove lo scontro tra tradizione e innovazione è senza esclusione di colpi, spadellano a pieno titolo: Il Dinneby Heston Blumenthal di Londra dove  lo chef Ashley Palmer-Watts punta al meglio con i piatti di pesce, attingendo dalla storia inglese dei secoli passati, e il Clove Club sempre di Londra a cui è andato il Premio Highest new entry.

Le cose come si vede cambiano, lentamente ma inesorabilmente cambiano, cadono miti , leggende e luoghi comuni, in molti tengono duro non cedono al nuovo, rimanendo padroni felici del loro sapere che sa di ineluttabile tramonto. So Prosit! The English Sparkling Wine is here.


Leave a reply

***EXTENSION*** LAST CALL ADCI AWARDS 2016 – 30/09 ORE 12:00

Acquisto entry esteso al 30/09 e upload materiali esteso sempre al 30/09!

A grande richiesta è stato deciso che su cfe.adci.it sarà possibile:

1. ACQUISTARE le entry fino alle ore 12:00 di venerdì 30 settembre 2016

2. CARICARE i materiali relativi alle entry acquistate fino alle ore 12:00 di venerdì 30 settembre 2016

Questa è una LAST CALL:  dal 01 ottobre non sarà più possibile acquistare entry; dal 01 ottobre verrà chiuso definitivamente anche l’upload dei materiali.

 


Leave a reply

Buon lunedì, le segnalazioni di Claudia Neri 26_09_016

twitter: @claudianeri

Dal Congo il talento di Sammy_Baloji tra fotografia e pittura.

Da New York gli sketchbook di viaggio di Melania Reim

Il tratto di C.M.Butzer cartoonist di rango.

Inquietanti e memorabili le opere di Patricia Piccinini, originale talento artistico australiano.


Leave a reply

ADCI e AIR3 – una nuova partnership

Siamo lieti di annunciare la nuova partnership tra l’Art Directors Club Italiano e AIR3 – l’Associazione Italiana Registi, con l’obiettivo di collaborare a partire dal 2017 allo sviluppo di progetti congiunti per avvicinare così due realtà già molto vicine. 

Un’occasione per conoscersi meglio sarà l’evento VISIONAIR3 che si terrà dal 23 settembre. Due giorni di eventi, incontri, musica e video-wall alla scoperta della passione per le immagini, raccontata da chi lavora dietro la macchina da presa: 90 registi, 7 proiezioni e 200 video tra cortometraggi, videoclip, video d’arte, estratti di documentari e film, in una grande festa per promuovere e sostenere il talento dei registi italiani.

I soci ADCI sono invitati a partecipare, è consigliato registrarsi qui prima dell’evento in modo da trovare la tessera già pronta e risparmiarsi un po’ dell’eventuale coda che si potrà creare.


Leave a reply

ADC*E Awards 2016 – estensione fino al 23 settembre

CALL FOR ENTRIES – 25° EDIZIONE DEGLI ADC*E AWARDS
“The Champions League of creativity”

Prorogata al 23 settembre la chiusura delle iscrizioni. Dettagli qui

L’iscrizione deve essere effettuata on-line su http://adce.submit.to entro venerdì 16 settembre 2016.
Maggiori informazioni su regolamento e ammissibilità ai 25° ADC*E Awards si trovano su http://www.adceurope.org/awards/rules

Per ulteriori informazioni, contattare:
Dan Bryant
Art Directors Club of Europe
Tel. +34 93 256 67 65
Tel. +34 629836939
press@adceurope.org
www.adceurope.org

 

 


Leave a reply

***EXTENSION*** DEADLINE ADCI AWARDS 2016

Acquisto entry esteso al 27/09 e upload materiali esteso sempre al 27/09!

A grande richiesta è stato deciso che su cfe.adci.it sarà possibile:

1. ACQUISTARE le entry fino alle ore 23:59 di martedì 27 settembre 2016

2. CARICARE i materiali relativi alle entry acquistate fino alle ore 23:59 di martedì 27 settembre 2016

Questa è una LAST CALL:  dal 28 settembre non sarà più possibile acquistare entry; dal 28 settembre verrà chiuso definitivamente anche l’upload dei materiali.


Leave a reply

Buon lunedì, le segnalazioni di Claudia Neri 19_09_016

twitter: @claudianeri

Da Nw York in bilico tra illustrazione/design/arte il talento di Tamar Cohen

Collabora con brand di moda importanti, ma le immagini che produce sono agli antipodi del glamour: la fotografia di Hanna Moon

Havana nelle foto senza tempo di Michael Eastman, fotografo americano di rango

I collage di Jason Galligan-Baldwin, artista americano.