Lascia una risposta

Diretta con Massimo Laratro di San Precario.

Dopo le due dirette con il consulente del lavoro Cesare Augusto Alba, ecco l’intervista che abbiamo fatto ieri sera con l’avvocato Massimo Laratro di San Precario. Abbiamo avuto qualche problema tecnico, per cui alla fine abbiamo dovuto trasmettere con Hangouts.

Saltate i primi dieci minuti, quelli in cui cerchiamo disperatamente di far partire la diretta.


1 Risposta

Nella precarietà si può vincere, ma bisogna volerlo.


Come promesso, stasera saremo in diretta web, a partire dalle ore 20.15, con l’Avvocato Massimo Laratro, di San Precario. Il canale è QUI
L’obiettivo non è solo fornire uno strumento legale ai colleghi che potrebbero averne bisogno.
Spero che questo incontro serva a far comprendere che i “precarizzatori” esistono soprattutto grazie alla nostra condiscendenza.
Come sempre, vi sarà possibile partecipare anche in chat. Potrete accedere direttamente, attraverso il vostro profilo facebook, o registrarvi con un nickname.
Vi lascio con un breve scritto che l’Avvocato Laratro mi ha inviato come “trailer”.

Come molti di Voi sanno il punto San Precario Milano offre un servizio legale in favore di tutte le precarie ed i precari che invocano l’aiuto del Santo.

Il servizio legale è certamente un servizio molto importante, in quanto permette a tutti coloro che non possono rivolgersi ad un legale e che non ricevono il dovuto sostegno dai sindacati di far valere i loro diritti.

In altre parole, permette a coloro che si trovano in quella zona grigia detta anche zona precaria di muovere un primo passo contro la precarietà.

Ciò che tuttavia ci preme sottolineare è che l’azione legale non è determinante e non lo è stata neanche nelle vertenze che San San Precario ha concluso vittoriosamente.

Queste vertenze ancor prima di trovare soddisfazione nei tribunali vengono vinte nella pratica che viene imposta alle aziende

Quello che realmente contraddistingue il nostro intervento nella precariertà sia come legali sia come attivisti è quindi la ricerca continua di trasformare la sacrosanta voglia di giustizia in partecipazione e cospirazione, mezzi necessari per rompere il meccanismo di fidelizzazione/sfruttamento che la precarietà impone.

Il nostro intervento è quindi principalmente comunicazione ed azione.

Comunicazione è intesa, in primo luogo, come nuova narrazione della nostra condizione sociale. Nella precarietà si può vincere, ma bisogna volerlo.

In questo modo si può, quindi abbattere, il racconto della sfiga quale modello di narrazione che ci viene imposto da coloro che non conoscono la condizione precaria e precari non sono.

I precarizzatori o Vampiri sociali vincono perchè hanno vinto culturalmente ancor prima che sui posti di lavoro.


Lascia una risposta

Buon lunedì, le segnalazioni di Claudia Neri

Il talento della grande illustratrice NewYorkese Maira Kalman

Il packaging alimentare non necessariamente toglie l’appetito. Gli inglesi di Pearlfisher per i prodotti di Jamie Oliver.

Graphic design e installazioni del giovane designer Richard The, Brooklyn, New York.

Matteo Bologna, Mucca Design, talento italiano del graphic design a New York.

@claudianeri


3 Risposte

Agenda di febbraio

Due le segnalazioni per la seconda metà del mese.

diretta web con un avvocato di San Precario (martedì 19 ore 20.15)
Dopo l’incontro con il consulente del lavoro del 29 gennaio scorso, proseguiamo nell’approfondimento di tematiche che è meglio conoscere.

Assemblea Soci
Si terrà martedì 26 febbraio, ore 20, presso l’Ostello Bello, in via Medici 4.

Il protocollo vorrebbe che io e i Consiglieri raccontassimo le iniziative e gli eventi del 2012.
Poiché le occasioni per incontrarci e scambiare punti di vista non sono poi così frequenti, posterò un riepilogo online delle attività passate, e inviterò i Soci a usare l’Assemblea per parlare soprattutto del 2013.
La prima proposta ai Soci sarà di abbassare la quota associativa da 260 euro a 160.
Per partecipare all’Assemblea dovrete però essere in regola con la quota associativa attuale (260 euro).
Quindi, nel caso appoggiaste la nostra proposta di riduzione, dovrò porre un secondo quesito ai Soci:
cosa fare dei 100 euro in più che avrete versato per poter partecipare all’Assemblea?

Due le possibilità.

Restituirli, malgrado le lacrime di Biffi, o trattenerli come anticipo quota per l’anno successivo.
Nel caso sceglieste la prima opzione, il Club restituirà ovviamente la stessa cifra anche a tutti quelli che hanno versato i 260 euro di quota associativa a partire dal gennaio 2013.

Non so se sono riuscito a spiegarmi. Ma so per certo che qualcuno di voi sta già pensando di mettere la mia faccia nelle foto di quel tipo che porta la mano al portafoglio per restuire di tutto.
Vi prego solo di non esagerare con lo spoof. Ho dei figli minorenni 🙂


Lascia una risposta

Viaggio attraverso l’evoluzione del video con Movi&Co – 19 febbraio, Triennale di Milano

Vernissage Movi&Co 19 febbraio 2013L’evoluzione dello strumento audiovisivo dal 2003 al 2013
alla Triennale di Milano per i dieci anni di Movi&Co.

Vernissage 19 febbraio, mostra dal 19 al 24 febbraio 2013.

Dal 19 al 24 febbraio 2013 la Triennale di MIlano ospita un viaggio visivo, sonoro ed emozionale per ripercorrere i passaggi storici, formali e stilistici che hanno caratterizzato i video realizzati dalla scuderia di giovani videomaker del Concorso dal 2003 al 2013. Una retrospettiva che parte dalle origini di Movi&Co. e arriva a coinvolgere i neo vincitori dell’edizione 2012 e le ultime innovazioni del settore audiovisivo.

La Mostra rappresenta uno sguardo trasversale sulla comunicazione aziendale contemporanea.  Si tratta di dieci anni non solo di video, ma anche di importanti personaggi del mondo del cinema e della televisione che hanno fatto parte della Giuria del Concorso.

In occasione del vernissage di inaugurazione della Mostra verrà assgnata la vittoria del miglior video realizzato nei 10 anni di Movi&Co, attraverso la votazione online che si chiuderà lunedì 18 febbraio.

Hanno partecipato alle precedenti edizioni del Concorso più di centocinquanta aziende ed enti, anche non profit.

Il concorso Movi&Co è organizzato dall’ Associazione Movi&Co. con il sostegno dell’Università IULM di Milano, il Politecnico di Milano, Assolombarda, Assintel Digitale, Fastweb, Filmmaster, EcoWorldHotel, la Triennale di Milano e con il patrocinio di Istituzioni, Enti, Media e Associazioni come l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, IED, Scuole Civiche di Cinema Televisione e Nuovi Media di Milano, Regione Lombardia, Provincia di Milano, ADCI Art Directors Club Italiano, Vivimilano, MYmovies , ADVExpress.


3 Risposte

Buon lunedì, le segnalazioni di Claudia Neri

Fotografia trasformata in gif animate e interattive dei fotografi tedeschi WeberLeif

I trendsetter della brand id ed editoria internazionale – monocle magazine è un loro prodotto – anglo canadesi di Winkreative

Toronto Canada in stop motion

Graphic design, brand id, dei giapponesi di TSDO


Lascia una risposta

rock bottom 6 (by Angelo Abbate)

Qualcosa di insolito per le mie abitudini. Siamo in Italia e nel melodico con Satellite, collaborazione tra la napoletana Meg – già voce dei 99 Posse – e il siciliano Colapesce – nome d’arte del cantautore Lorenzo Urciullo.
Spero che vi piaccia comunque e viva l’Italia.

Spero che Angelo mi perdoni, per l’intromissione, ma non riesco a trattenermi dal postare anche l’infaticabile Consigliere Ratti che balle sulle note di Disco Inferno.


Lascia una risposta

L’Università cerca Soci ADCI per una ricerca sullo stato della professione

La Bicocca degli Arcimboldi, che dà il nome al quartiere e all'Università di Milano Bicocca

La Bicocca degli Arcimboldi, che dà il nome al quartiere e all’Università di Milano Bicocca

L’Università di Milano Bicocca sta realizzando un’indagine sui giovani professionisti con contratti di lavoro atipici (contratti a progetto, partita iva, collaborazione occasionale). L’oggetto dell’indagine è approfondire i problemi legati alla loro professione, come il lavoro influenza le scelte di vita, quali bisogni di rappresentanza hanno.

I ricercatori coinvolti nel progetto stanno cercando 7-8 persone con un’età fra i 35 e i 43 anni, iscritte all’ADCI, disponibili a un’intervista face to face, sui temi professionali della loro attuale condizione.

L’intervista si svolgerà a Milano, fra febbraio e marzo, nel luogo e nell’orario più comodo per l’intervistato. È garantito il totale anonimato.

Rivolgersi a Paolo Borghi, Ricercatore Università Milano-Bicocca
paolo.borghi@unimib.it


Lascia una risposta

Buon lunedì, le segnalazioni di Claudia Neri

Lillustratrice e designer svedese-newyorkese Laurie Rosenwald, talento originale

Like – architetti portoghesi autori di una light installation al Led per IKEA

Film documentario su Andy Goldsworthy, artista fondamentale e protagonista di Land Art

Video sul branding Di OCAD (Ontario Collage of Art & Design), progetto dei canadesi di Bruce Mau Design

@claudianeri


Lascia una risposta

rock bottom 5 (by Angelo Abbate)

Ecco qualcosa di cattivissimo, un duo inglese del quale vi propongo il singolo di maggior successo. Il nome del gruppo è terrificante, lascia a debita distanza gli immortali Grateful Dead e i nostri Tre Allegri Ragazzi Morti. La musica è dichiaratamente debitrice ai Crystal Castles. Mi permetto un suggerimento, la vedrei bene per uno spot alla Mulino Bianco.
Buon ascolto e salutatemi quel piacione di Banderas, se lo vedete.